Esclusiva Gs – parla Nucifora: “Condannato ingiustamente. Mi sento perseguitato. Presenterò appello”

Galgani intervista Nucifora

Grosseto Abbiamo raggiunto telefonicamente l’avvocato Nucifora, che oggi è stato condannato pesantemente dalla giustizia sportiva, ricevendo una squalifica di quattro anni e due mesi e un’ammenda pari a € 50.000,00. Una vera e propria mazzata.

Buonasera, avvocato. La disturbo per avere un suo parere sulla sua condanna sportiva. Capisco che il momento non sia dei migliori, ma questo è il mio lavoro.
<<Buonasera, Galgani. Cosa vuole che le dica? Sono addolorato. Non mi aspettavo di essere condannato. Sono innocente. Lo grido forte. Non riesco ancora a credere di aver ricevuto un’altra mazzata dopo l’umiliazione subita lo scorso anno. In questo momento non riesco a pensare a niente, mi sento profondamente ferito e avvilito, ma proprio perché sono innocente non voglio mollare. Presenterò ricorso avverso alla condanna sportiva. Ho sette giorni di tempo per farlo. Mi sono già sentito con un avvocato penalista di mia fiducia per preparare la nuova linea difensiva>>.

Intende andare solo in Appello?
<<No, se non otterrò giustizia in Appello, andrò anche davanti al Coni. Purtroppo, in primo grado ho presentato una memoria difensiva con prove rese in sede penale, ma evidentemente non è stata letta o presa in considerazione. I giudici del primo grado sono partiti da una loro idea e mi hanno condannato, ma è stata una grossa ingiustizia. Di fatto non hanno letto le mie linee guida di difesa>>.

Il presidente Pincione cosa le ha detto?
<<Il presidente è stato splendido, come sempre. Mi ha rincuorato e offerto la sua solidarietà. Un altro bel gesto nei mie confronti>>.

Ora, però, lei è squalificato a poche settimane dalla sua presentazione come ds del Grosseto.
<<Sì, è così, sarò squalificato fino almeno all’Appello. Tuttavia, mi lasci fare una domanda provocatoria. Secondo lei, se non fossi stato sicuro della mia innocenza, mi sarei preso la briga di venire a Grosseto per così poco tempo, esponendomi al pubblico ludibrio dopo questa condanna sportiva? Avrei firmato serenamente contratti televisivi? Ora con che faccia mi presenterò davanti alle telecamere? Mi sento male al solo pensiero che la gente mi giudichi in modo negativo>>.

Beh, capisco, ma se uno sa di essere innocente deve battersi sempre e comunque per riabilitare il proprio nome.
<<Concordo, non a caso ho intenzione di andare fino in fondo. Il problema è che mi sento perseguitato. In questa inchiesta, partita penalmente, hanno gettato una bomba atomica su un mondo di formichine. Io sono una di quelle, innocente per di più, ma ho pagato un prezzo salatissimo. Sono stato umiliato come il peggior delinquente. Mi hanno prelevato da casa mia otto, dico otto poliziotti notificandomi il mio arresto per associazione a delinquere. Mi sono fatto tre giorni di carcere, quaranta ai domiciliari, settantacinque con obbligo di dimora e altrettanti con obbligo di firma dai Carabinieri. Poi per cosa? Per nulla, visto che sono stato assolto dall’associazione a delinquere dal Tribunale della Libertà di Catanzaro. Può solo immaginare cosa ho passato: io, avvocato, incensurato e con quaranta anni di carriera nel mondo del calcio (e qui si commuove fortemente, trattenendo a fatica le lacrime, ndr) ne sono uscito distrutto>>.

Ovviamente posso solo immaginare certe sensazioni, ma le ribadisco che se uno è innocente deve andare fino in fondo.
<<Certo, ma mi rimane il dubbio di una vera e propria persecuzione. Se oggi mi avessero assolto sportivamente, poi qualcuno avrebbe dovuto risarcirmi, mi pare chiaro. Ero già stato assolto con formula piena per Pisa-Torres. A proposito, mi lasci spendere una parola anche per la Torres. Ebbene, se avessero fatto una valutazione globale in questa inchiesta, anziché dividerla in due tronconi, la Torres non avrebbe pagato due volte per lo stesso motivo, subendo un danno enorme. Non solo l’hanno retrocessa, ma ora l’hanno anche penalizzata. Giudicata due volte per la stessa cosa, non esiste. Pensi a che risarcimento qualcuno avrebbe dovuto versare alla Torres se oggi fosse stata assolta… Parlo di diversi milioni di euro. Non voglio pensare male. Mi auguro solo di trovare un ambiente più sereno in Appello, dove spero che la verità venga finalmente a galla>>.

Più o meno di che tempistica stiamo parlando per l’Appello?
<<Complessivamente, penso che occorrerà un mese, un mese e mezzo tra presentazione dell’Appello, dibattimento e sentenze. Fino a quel momento sarò squalificato. Mi dà molto fastidio pensare di dover lasciare il mondo del calcio in questo modo, con la mia immagine sporcata da questa vicenda, che mi vede condannato nonostante la mia innocenza. Sono stati offesi il mio onore e la mia dignità. So già che certi miei detrattori speculeranno su questa mia sventura, ma io, lo ripeto, mi faccio forte della mia innocenza. Se proprio dovrò uscire dal mondo del calcio, lo farò battendomi fino in fondo, perché, mi creda, sono davvero innocente>>.

3 Comments
  1. Gian 4 anni ago
    Reply

    Non ho seguito direttamente la vicenda ma per me uno è innocente fino all’ultimo grado di appello .

    • attilio regolo 4 anni ago
      Reply

      Sono d’accordo, oltretutto assai contraddittoria appare la evidente discrepanza tra la abnorme condanna in sede di giustizia sportiva e la sostanziale precedente assoluzione in sede di giuridizione penale. Auguriamo al Dott. Nucifora di risolvere al meglio e al piu’ presto i suoi problemi anche se i danni diretti alla sua attivita’ e immagine personale e professionale conseguenti a questa spiacevolissima vicenda e indiretti alla Societa’ dell’FC Grosseto alla cui carica di DS era stato appena nominato qualche settimana fa sono al momento inevitabili e difficilmente quantificabili. Un plauso particolare al Presidente Pincione che ancora una volta ci ricorda come ci si deve comportare solidalmente nei momenti brutti specie nei confronti di un vecchio amico in difficolta’.

  2. Dario 4 anni ago
    Reply

    Caro grifo…pero al tuo ex presidente quando fu indagato…non glielo dicesti via da Grosseto…e non mi dire che lui non sapeva niente….visto la persona Che si é dimostrato..facendoci chiudere per ripescare la sua attuale squadra…

Leave a Comment

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In the news