Calcio CAMP. NAZ. DILETTANTI

Vetrini: “Il Gavorrano riparte con l’arrivo di Aiazzi”

Nella foto Filippo Vetrini

GAVORRANO. E’ un Gavorrano che riparte da una programmazione consolidata e partita con largo anticipo come ci conferma ai nostri microfoni il ds Vetrini.

<<Siamo già a buon punto con la nostra strategia che naturalmente al momento prevede la partecipazione al campionato di Serie D e per questo ci stiamo concentrando. Se poi quel 5% di possibilità di ripescaggio diventasse realtà, allora, a seconda delle decisioni della società, potremmo allestire una rosa di altro livello. In questi anni siamo sempre riusciti a coniugare risultati con l’equilibrio finanziario e la stabilità economica, ad eccezione dell’ultima stagione. Al momento posso dire che partiremo da una base di giocatori composta da Miano, i due Caciagli, Guitto e Zizzari, mentre daremo grande importanza ai giovani della Berretti che hanno fatto una grandissima stagione, Cretella in primis. Il primo arrivo dovrebbe essere inece Aiazzi, terzino della Primavera del Siena>>.

Insomma, un Vetrini già pronto e carico anche per la prossima stagione che conferma l’accordo per il settore giovanile con il Saurorispescia. <<Siamo soddisfatti dei risultati ottenuti dai nostri giovani e dalla collaborazione preziosa con la società del presidente Massai. Se solo tre anni fa mi avessero detto che saremmo andati a giocare le finali nazionali per la Berretti mi sarei dato del matto. Se giocheremo in Serie D noi faremo gli Juniores nazionali con gli Allievi e i Giovanissimi regionali che disputeranno i campionati con il nome Saurorispescia, mentre in caso si avverasse quel famoso 5% di ripescaggio, allora le cose rimarrebbero immutate come in questa stagione>>.

mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all'interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E' altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Caro Vetrini, si ricordi bene che se è cresciuto qualche giovane, vedendolo poi con grande soddisfazione in prima squadra, è tutto merito del mister Ripaldi, quello che lei ha bocciato.
    Quindi, prima di fare i complimenti al sig. Massai, dovrebbe farli a mister Ripaldi. Invece, con grande ingiustizia, ha regalato la Berretti a persone che avrebbero dovuto trovarsi un passo indietro a lui, visto il lavoro svolto in maniera eccellente. Purtroppo, come spesso succede nella nostra Maremma, chi ha qualche idea buona e nuova e, soprattutto, competenza, viene eliminato da fattori esterni, che non voglio commentare. Il grande mister Ripaldi, che stimo molto, ha dovuto fare una scelta difficile, cioè lasciare i giovani e intraprendere una nuova avventura con una Prima Categoria, se, invece, esistesse la meritocrazia, oggi sarebbe stato premiato in maniera differente.
    Concludo dicendo che, nonostante la sua grande esperienza, a mio giudizio nel non aver confermato l’allenatore Ripaldi lei ha commessso un grosso errore.

  • Non sono d’accordo su quello che dice Lei a proposito della scelta di Vetrini: se si riferisce al fatto che per quattro anni e mezzo la Berretti mineraria sia stata affidata a Cacitti, vabbè mi sembra un pochino presuntuoso paragonare Ripaldi a Cacitti, sarebbe un po’ come dire che una 500 va più veloce di una Ferrari. Se poi si riferisce alla posizione di Luzzetti per la prossima stagione, mi sembra che aver mantenuto la squadra nella posizione necessaria per accedere alle finali scudetto sia un risultato che meritasse una conferma. Se poi ci sono dei “fattori esterni” come li chiama Lei, li dica…che male c’è…tutto questo senza nulla togliere al lavoro di Ripaldi.

    • E senza dimenticare, per la precisione, che i prodotti GROSSETANI del vivaio minerario che hanno debuttato nei prof, vale a dire Cretella, Scozzafava e Grossi (che comunque è di proprietà del Grosseto), non sono mai stati allenati da Ripaldi

  • Hihihihi….vai avanti tu che mi scappa da ridere….Ripaldi,Cacitti…
    Chiaro sono due grandi ex calciatori, Cacitti gia’ tecnico risaputo esperto e ripagato,Ripaldi agli inizi, ora mi chiedo o anzi voglio delucidarvi su una cosa squisitamente curriculum vitae…..Se un tecnico e parte ad allenare e fa Serie C,Serie D,Eccellenza…etc…etc….poi dopo aver toccato la prima categoria mestamente……se ne riparte a fare il settore giovanile…….bah’…vi lascio a mata’….il dubbio c’e’ e rimane…..Cmq io sono per i giovani…Forza Ripaldi…ciaooooo

  • Anch’io sono convinto che il calcio debba mirare verso la gioventù, quando questa è preparata, quando questa non lo è, bisogna analizzare i numeri: Ripaldi in tre anni di Allievi Nazionali ha fatto meno punti di quanti ne abbia fatti Cacitti in un GIRONE di Berretti….di conseguenza credo che di questo argomento sia opportuno riparlarne quando, e soprattutto qualora, Ripaldi abbia ottenuto almeno il 20% dei risultati di Cacitti. Lasciando perdere il fatto che questo credo non sia possibile (ma è un giudizio del tutto personale), il tempo sarà galantuomo. Ritengo che Ripaldi farebbe meglio a conservare il proprio posto di lavoro, perché secondo me l’allenatore di calcio, anche in futuro, per lui non credo possa essere più che un hobby. Riguardo alla carriera calcistica, torno all’esempio precedente: paragonare quella di Ripaldi a quella di Cacitti mi sembrerebbe come dire che Baresi equivale a Pasquale Bruno. Nessuna offesa, ma si chiamano apposta CATEGORIE….

    • Le polemiche sulle differenze tra Ripaldi e Cacitti mi sembrano alquanto sterili. Sono entrambi due ottimi allenatori pur con caratteristiche diverse. Cacitti quest’anno ha fatto un ottimo campionato, ma non dimentichiamoci che a lui arrivano ragazzi con un’impostazione (anche mentale) ” di categoria”. Ripaldi ha sempre dovuto assemblare squadre con giocatori derivanti da varie realtà (provinciali, regionali, ecc.). Non a caso le squadre di Ripaldi hanno sempre fatto meglio nel girone di ritorno. Personalmente ribadisco che entrambi siano due ottimi allenatori, seppur con storie e curriculum diversi. Se devo essere sincero, al posto di Vetrini, non mi sarei mai privato di un allenatore preparato ed ambizioso come Ripaldi e, anzi, l’avrei senz’altro promosso in Berretti. Piuttosto comincerei ad interrogarmi sulla qualità della dirigenza (Balloni e Vetrini in primis): negli ultimi due campionati il Gavorrano ha collezionato due retrocessioni con rose di 30 giocatori, e gli esordi dei giovani (tanto sbandierati) si riducono a qualche sparuta comparsata di Cretella in prima squadra…..

      • Clamoroso a Gavorrano! Dopo essersi interrogati sulla qualità della dirigenza, cacciati il presidente Balloni e il dg Vetrini! Il primo, dopo essere stato eletto all’unanimità consigliere di Lega Pro fra 69 colleghi presenti all’Assemblea e riconfermato per un triennio nonostante la retrocessione, per i meriti acquisiti come gestione societaria; il secondo, per aver mantenuto nei professionisti una società con 50 spettatori di media e il bilancio in attivo per tutti i quattro anni della sua gestione e aver portato al Malservisi il Perugia, il Catanzaro, il Foggia, il Messina, ecc, vista l’ultima retrocessione in QUARTA SERIE (una SOLA di differenza dal nostro Grosseto!) sono stati allontanati dall’ingegner Mansi!

        Le motivazioni ufficiali: non aver confermato un allenatore dal curriculum prestigioso come Ripaldi, capace di aver fatto nel girone di ritorno qualche punto in più che dell’andata (1!) affidando la squadra Juniores a quel debosciato di Luciano Luzzetti, che, approfittando del grande di lavoro del Ripaldi, si è permesso di aver portato il Gavorrano agli ottavi di finale scudetto della Berretti e alla conquista del Torneo Passalacqua! E’ in corso in casa mineraria un summit per cercare di convincere Ripaldi a tornare sui suoi passi: pronto un contratto come amministratore delegato della Nuova Solmine!

        • Francamente, caro Marco, tutta questa ironia mi sembra abbastanza fuori luogo.
          Mi sono semplicemente permesso una critica che, credo, sia semplicemente fondata sui fatti: Vetrini è da due anni ds del Gavorrano, è arrivato che la squadra era in Lega Pro e ha collezionato due retrocessioni su due, di cui la seconda con la squadra in ultima posizione dalla prima all’ultima giornata. Ora, fermo restando che sulla gestione dell’anno scorso ci sono naturalmente delle motivazioni di carattere personale sul quale non mi permetto assolutamente di entrare e, anzi, porgo al ds i miei migliori auguri, su alcune scelte di carattere tecnico dell’ultimo campionato avrei senz’altro da ridire, ma non mi sembra questa la sede adatta. Per quello che riguarda Balloni, il mio parere personale è che non sappia neanche se il pallone è tondo o quadrato, ma questo, ripeto, è soltanto il mio personalissimo parere. Penso, senza peccare di presunzione, di avere visto abbastanza partite e visionato tanti ragazzi per poter esprimere questa opinione. Il mio giudizio sulla dirigenza riguarda solo l’aspetto tecnico, non certo la gestione finanziaria che conosco sommariamente ma che considero ottima.
          Su Luciano Luzzetti figuriamoci se ho da dire qualcosa! Lo conosco e lo stimo da moltissimi anni e sono felicissimo che sia lui il nuovo allenatore della Berretti.
          Per quello che riguarda Ripaldi (che non ha assolutamente bisogno di avvocati difensori) ho espresso (ancora una volta!) un parere personale: l’avrei visto volentieri alla prova con una squadra più strutturata e in un campionato di livello superiore agli Allievi nazionali. Tutto qui.
          Concludo dicendo che non è mia intenzione offendere nessuno e tanto meno dare adito a polemiche di nessun genere: mi sono permesso solo di esprimere un giudizio per ciò che riguarda la questione tecnica e di risultati del Gavorrano senza astio o antipatie verso nessuno. Per quello che mi riguarda la questione finisce qui.

  • di inserirmi in questo simpatico teatrino fra i nick MARCO e ROMPISCATOLE: premetto che sono un tifosissimo del Grosseto ma anche un attento osservatore delle vicende del Gavorrano che, alla luce soprattutto delle ultimi tristi vicende del nostro amato Grifone, oltre che a generarmi simpatia, mi ha fatto anche un pochino invidia. Sono perfettamente d’accordo che nè Vetrini, Balloni, Cacitti, Ripaldi o Luzzetti abbiano bisogno di nessun avvocato, però vorrei dirmi come la penso:
    Per la precisione Vetrini è Direttore Generale del Gavorrano da quattro anni e mezzo e sotto la sua gestione la squadra si è salvata tranquillamente un anno, è arrivata a un punto dai playoff il secondo, il terzo ha perso l’ultimo spareggio nazionale contro il Rimini (quando c’era già un posto disponibile per una ripescata e quindi, conoscendo bene l’arguzia del patron minerario, non vorrei che :-)….ma questo è un altro discorso)e l’ultimo anno la squadra è arrivata ultima in un campionato impossibile, per formula (p retrocessioni!!!!), modalità (il Gavorrano e il Poggibonsi, difatti ultima e penultima, per ragioni di budget hanno giocato praticamente solo con i giovani…)e sicuramente errori (Filippo ma Cioffi dove cazzo l’hai trovato???? 🙂 )e sulla gestione economica ottimale concordo con Rompiscatole. Per quanto riguarda il Presidente Balloni, pur conoscendolo personalmente, non sono in grado di fornire un giudizio sulle sue conoscenze “pallonare”, ma sicuramente le doti riconosciute a livello nazionale con un incarico prestigioso come quello di Consigliere di Lega Pro credo meritino una riflessione sulle qualità per lo meno dirigenziali, che ritengo siano motivo di orgoglio non solo per la società Gavorrasùno, ma anche per tutto il movimento calcistico maremmano. Per quanto concerne Ripaldi, credo che sia un ottimo allenatore (ho visto più volte i suoi Allievi): se uno, sbagliando, dovesse basarsi solo sui risultati, è evidente che Ripaldi è sempre arrivato ultimo e quindi ciò non deporrebbe a suo favore: nel settore giovanile la crescita dei ragazzi credo sia fondamentale e il miglioramento dei risultati del settore giovanile minerario mi pare evidente. Come però biasimare la scelta di Vetrini e Balloni che, affidando la prima squadra a Cacitti in corso d’opera, hanno deciso di confermare Luzzetti che ha portato la squadra alle finali nazionali e alla vittoria del Passalacqua?
    Concludendo, a mio personalissimo giudizio, Marco dovrebbe evitare di essere così ironico e Rompiscatole allo stesso modo, parlando della salute del DG gavorranese mi pare sia incappato in una caduta di stile.
    Vi dirò di più: fra avventurieri, mancate iscrizioni e futuro del Grifone a rischio, mi auguro proprio che gli amici di Gavorrano rilevino la società, Vetrini (che ritengo persona serissima e competente)faccia parte insieme a Balloni e naturalmente a patron Mansi della nuova dirigenza e Ripaldi e Luzzetti abbiano modo di far parte di questo ipotetico nuovo progetto, affinando le loro capacità, con il vero scopo di avere tutti grossetani affezionati e competenti per un futuro un pochino meno incerto del nostro amato Grifone!!!!

  • Scozzafava ci ricordo che è stato allenato da Ripaldi l’anno che faceva ..Berrettu / Allievi..
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: