Calcio Grosseto Calcio Lega Pro Unica Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Un Grifone, ingenuo e sfortunato, si fa rimontare dal Forlì da 2 a 0 a 2 a 2!

Pichlmann esulta dopo un gol di fronte al compagno Torromino

GROSSETO (3-4-1-2): Mangiapelo; Elez, Morero, Mariotti; Formiconi (cap.), Onescu, Finazzi, Boron (76’, Verna); Gambino (79’, Masia); Boccardi (53’, Pichlmann), Torromino A disposizione Berardi, Varricchio, Burzigotti, Massimo Allenatore Massimo Silva

FORLÌ (3-5–2): Scotti; Arrigoni, Drudi, Guidi; Catacchini, Casini, Pettarin, Cejas (cap.), Hamlili, Arrigoni (59’, Djuric), Fantoni (64’, Forte); Docente, Melandri (85’, Fantini) A disposizione Casadei, Casini, Pettarin, Castellani Allenatore Richard Vanigli (in sostituzione di Rossi, squalificato)

Direttore di gara: Federico Dionisi de L’Aquila

Assistenti: Pier Luigi De Rubeis e Felice Sante Marinenza entrambi de L’Aquila

Reti: 54’ e 58’ Pichlmann, 69’ su rigore e al 74’ Docente (Fo)

Ammoniti: 19’ Onescu, 36’ Arrigoni (Fo), 60’ Guidi (Fo), 69’ Morero

Espulsi: 84’ Arrigoni (Fo) per doppia ammonizione

Corner: 8 a 3 (p.t. 6 a 1).

Recupero: 4′ nel secondo tempo.

Note: Grosseto in maglia rossa, con banda trasversale bianca. Ospiti in maglia blu con inserti orizzontali biancorossi. Spettatori 883 (abbonati 471, paganti 412). Incasso totale: € 7.512,34 (quota abbonati € 3.430,04, quota paganti € 4.082,00). Presenti sei tifosi forlivesi in Curva Sud. Pomeriggio molto caldo. Campo asciutto e in buone condizioni.

Grosseto. Pareggio beffardo dopo il doppio vantaggio. Purtroppo, il Grosseto non va oltre il pari contro un Forlì apparso ordinato e volenteroso, ma nulla più. Non è bastata neppure la doppietta di Pichlmann per avere la meglio dei romagnoli, soprattutto perché il rigore (netto, va detto) concesso per il fallo di mano di Morero ha riaperto l’incontro e ringalluzzito gli avversari. La traversa di Gambino, poi, ha fatto capire che oggi sarebbe stata una giornata da dimenticare. Infatti, una dormita colossale in difesa, sugli sviluppi del secondo calcio d’angolo del Forlì, ha consentito a Docente di siglare la sua doppietta. Sfortunato ancor di più il Grosseto, quando, con gli ospiti in dieci dall’84’ per doppia ammonizione di Arrigoni, ha perso all’86’ il neo entrato Masia. Infine, all’87’ gli ospiti avrebbero potuto anche segnare la terza rete e vincere, ma sarebbe stato davvero troppo. Insomma, Grosseto rimandato, perché vincere 2 a 0 a mezz’ora dalla fine e farsi rimontare non è accettabile. Ora, però, se ci sarà la possibilità di far arrivare qualche rinforzo, si agisca in fretta per non perdere altro tempo prezioso, perché questo campionato è ancora tutto da scrivere.

Match noioso Il Grosseto riceve il Forlì con il chiaro intento di fare bottino pieno. A tal proposito, Silva decide, come preannunciato in conferenza stampa, di cambiare modulo passando dal solito 3-5-2 al 3-4-1-2, con Gambino trequartista e Boccardi e Torromino di punta. Pichlmann, affaticato, si siede in panchina. Gli ospiti, invece, che hanno mister Rossi squalificato, si schierano col 3-5-2 col duo d’attacco formato da Docente e Melandri. Il Grifone parte subito a spron battuto e mette in difficoltà i romagnoli, costretti ad abbassare il proprio baricentro per contenere la pressione maremmana. All’8’, però, il Forlì si fa vedere col tiro di Melandri, in sospetto fuorigioco, respinto da Mangiapelo. Al 15’, invece, sono i padroni di casa a sprecare una grossa occasione con Boccardi, che non trova la porta a pochi metri da Scotti. Da tale momento in avanti gli ospiti prendono coraggio e rispondono a viso aperto alle azioni grossetane. Tuttavia, il match rimane poco avvincente e il primo tempo si conclude sullo 0 a 0 senza nessun minuto di recupero.

Pareggio choc La ripresa mostra immediatamente un Grifone più volitivo. Silva, poi, al 53’ toglie il giovane Boccardi per Pichlmann. Cambio azzeccatissimo, perché al 54’ Pichi batte con un rasoterra non irresistibile Scotti. Va detto che la rete del vantaggio maremmano arriva sicuramente grazie alla complicità dell’estremo difensore ospite. In ogni caso, l’attaccante austriaco, ormai galvanizzato, prova a chiudere la partita con la sua doppietta personale che arriva al 58’ sfruttando un errato disimpegno forlivese. Al 69’, però, Morero commette fallo di mano in area e Dionisi concede il rigore agli ospiti. Docente si incarica della battuta e dimezza lo svantaggio: 2 a 1. Al 72’ il Grosseto potrebbe nuovamente allungare, ma il bellissimo tiro di Gambino si stampa sulla traversa con Scotti battuto. La beffa, poi, si concretizza al 74’, sempre con l’esperto Docente, che insacca, tutto solo, la palla del 2 a 2 sugli sviluppi del secondo corner ospite. Pareggio sorprendente, soprattutto perché dopo il 2 a 0 unionista la contesa sembrava chiusa. Al contrario, dopo il pari gli ospiti sono ormai galvanizzati e convinti di poter addirittura vincere. Non basta, poi, che i romagnoli rimangano in dieci all’84’ per il doppio giallo comminato ad Arrigoni, perché anche il Grifone, con i cambi esauriti, perde il neo entrato Masia, infortunatosi presumibilmente a un dito. All’87’ il Grosseto potrebbe addirittura capitolare, ma prima Mangiapelo, poi la difesa e infine ancora il portiere unionista salvano il risultato sui tiri ospiti.

 

CRONACA DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO

 

3’ Insidioso tiro-cross di capitan Formiconi dall’out destro. Scotti, in difficoltà, è costretto a mandare la palla in corner.
6’ Torromino ruba palla e serve Gambino. Quest’ultimo entra in area e appoggia all’indietro per l’accorrente Formiconi, che tira non trovando lo specchio della porta.
8’ Melandri, in sospetto fuorigioco, riceve palla, la difende e tira da posizione un po’ angolata. Mangiapelo, però, respinge.
15’ Errore di Boccardi davanti alla porta. Il giovane grossetano, forse credendo di essere in fuorigioco, sbaglia una facile occasione a tu per tu con Scotti.
19’ Ammonito Onescu.
21’ Tiro al volo di Docente da posizione favorevole deviato in corner da Mariotti.
32’ Caos in area forlivese sugli sviluppi dell’ennesimo calcio d’angolo grossetano. La difesa romagnola libera con grande affanno.
34’ Sventola di Catacchini dal limite dell’area grossetana. Palla sopra la traversa.
36’ Ammonito Arrigoni (Forlì).
37’ Gambino, ben appostato in area, devia il cross di Elez, ma la palla gli carambola addosso ed esce sul fondo.
42’ Conclusione velleitaria di Docente da fuori area. Palla sul fondo.
44’ Elez batte di potenza una punizione da circa 25 metri, vicina alla fascia destra. Scotti respinge in due tempi e il successivo tiro di Torromino non sortisce effetto.

SECONDO TEMPO

47’ Tiro di Torromino dalla lunga distanza. Scotti para senza difficoltà.
54’ GOL! Pichlmann, servito da Gambino, batte Scotti con un rasoterra non irresistibile. Nella rete dell’austriaco c’è sicuramente la complicità del portiere forlivese, apparso insicuro.
57’ Bellissimo tiro di Finazzi da 40 metri. Scotti, sorpreso, vola ugualmente e salva il risultato.
58’ GOL! Pichlmann batte per la seconda volta Scotti sfruttando un errore difensivo romagnolo.
60’ Ammonito Guidi (Forlì).
69’ RIGORE e ammonizione! Dionisi concede il rigore al Forlì per il fallo di mano di Morero su tiro di Docente. L’argentino, come detto, viene anche ammonito.
69’ GOL! Docente trasforma il rigore e accorcia le distanze.
72’ Clamorosa traversa colpita da Gambino col portiere ormai battuto. La palla, poi, ritornata in campo, viene calciata malissimo da Torromino, ben appostato.
74’ GOL! Docente, lasciato solo sugli sviluppi del secondo corner ospite, insacca davanti a Mangiapelo il gol del 2 a 2.
80’ Colpo di testa di Pichlmann. Scotti si tuffa verso il primo palo e para.
84’ Ammonizione ed espulsione! Arrigoni si becca il secondo giallo e viene espulso. Forlì in  dieci.
86’ Conclusione di Torromino. Pallone sul fondo.
86’ Grosseto in dieci per l’infortunio di Masia, entrato da pochissimo. Silva, infatti, ha già esaurito i cambi.
87’ Caos in area grossetana. I padroni di casa si salvano con grande sofferenza sui due tiri ospiti di Docente e Forte.
90’ Concessi 4’ di recupero.

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Colpa principale per un altra stagione di merda e anonima è Camilli che ha fatto la squadra con il campionato che stava già cominciando. Secondo colpevole il “Mago Silva” forse a fare le magie ma fuori dal campo di gioco ci riesce meglio.
    Voci di corridoio dicono che ha le ore contate: bye bye !!!
    Ma quelli che dicevano del carro dei vincitori dove sono??? Mi sa che ha fatto sciopero il carro beiiiiiii

  • Flop completo.Male l’intera squadra.Il doppio vantaggio e’ stato mal gestito con mancanza di cattiveria e di agonismo.Farsi riacciuffare in cinque minuti e’ stato proprio da polli.E’ stato proprio un harakiri e il pubblico non lo merita proprio.

  • Leviamoci questa puzza da sotto il naso. Non è possibile stare sempre a criticare tutto e tutti.

  • Io devo dire la verità. Da quando seguo il calcio non ho mai visto durante un calcio d’angolo 21 giocatori nell’area piccola come ho visto oggi al momento del secondo gol del Forli. Stessa situazione sabato passato al gol della Pistoiese.
    Certo che si prende il gol!!!
    È questo il modo di difendere?

  • Manica di sfavati!!!!!!!!! SIETE LA VERGOGNA DI GROSSETO!!!!!!!!!!!!!!
    la pazienza e’ finita ( gia’ da troppo tempo) o si comincia a fa sul serio oppure DISERTIAMO LO STADIO!!!!!!!
    nemmeno ai tempi di quartaroli fava si faceva cosi’ schifo!!!!!!!!
    SILVA O TI DAI UNA MOSSA O TE NE VAI!!!!!!!!!!!!!

  • Secondo me ai giocatori si può’ dire poco….i valori tecnici sono questi….il problema è che al 20′ del 2′ tempo siamo schiantati fisicamente, specialmente in mezzo….toccava al ‘mago’ prevenire e fare qualche cambio….vorrei sapere cosa aspettava….

  • Sono profondamente amareggiato per come è maturato questo pareggio. Una squadra che, a 20 minuti dalla fine, si fa rimontare due goals così ingenuamente, rischiando, addirittura, di subire il terzo, ha sicuramente dei problemi. Il fatto che il Grifone è stato costruito tre giorni prima che iniziasse il campionato ha sicuramente il suo peso, ma, a questo punto, c’è dell’altro. Mancano grinta e cattiveria. E qualcuno, invece di correre e di lottare sino alla fine, passeggia per il campo…

  • Ingenuitá, calo dell’attenzione, forse stanchezza, ma non si regalano 2 gol ad una squadra del genere. Ora, possiamo criticare il Dionisi abruzzese ed il suo conterraneo sotto le tribune, poiché il Sommo non li ha chiamati a dirigere te collaborare, ma sul due a zero, al limite, comincio a sparare i palloni in tribuna. Non mi é garbata la difesa, il centrocampo non c’é, l’attacco era in vacanza, poi,malla fine, é entrato l’austriaco, peró…insomma, si continuano a perdere punti e l’alibi della preparazione inizia a fare acqua..Memento Audere Semper, poiché con questo giochino andiamo e facciamo un campionati no, ino, ino, e game over!
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: