Calcio Seconda Categoria

Seconda categoria: ottavo turno di campionato con Montalcino-Roselle

GROSSETO. L’ottavo turno di campionato ci regala il big match di alta classifica tra Montalcino e Roselle. La squadra del presidente Ceri vuol continuare nel suo cammino intrapreso verso la prima categoria, ma i senesi, principale antagonisti per l’obiettivo finale, faranno di tutto per bloccare i grossetani.
Proprio i padroni di casa, che sono ancora imbattuti in campionato, con un successo scavalcherebbero i termali, ma mister De Masi non ha intenzione di perdere proprio la prima sfida esterna e medita il colpaccio che porterebbe alla prima mini-fuga della stagione.

Ma ci sono tanti altri spunti interessanti. Il primo è quello dello scontro tra i due nuovi tecnici subentrati in settimana nella sfida tra Sant’Andrea e Orbetello. Mister Berni contro Franco Cameli,  due tecnici che avrebbero potuto affrontarsi sicuramente in categorie superiori. Il primo che ha problemi di lavoro sarà sostituito per il suo esordio dal suo secondo Andrea Terramoccia.

Parlando di panchine a rischio anche quella di Cencini in quel di Santa Fiora. In caso di sconfitta potrebbe arrivare il suo addio, con molte voci che sono già circolate in settimana addirittura sul suo sostituto.
Gli amiatini faranno di tutto per vincere il derby contro un Castel del Piano, che quest’anno ha fatto meglio in trasferta che in casa. Guscelli e compagni con un successo riscatterebbero il parziale passo falso di domenica scorsa contro il Radicofani.

Il Castell’Azzara che nelle ultime partite ha rallentato il suo passo cercherà i tre punti sul campo del Montemerano, fanalino di coda. La vittoria quindi è alla portata degli uomini di Baffetti.

Il Saurorispescia di Papa invece ospiterà un Montorgiali galvanizzato dal primo successo in campionato. Per i padroni di casa un successo sarebbe importantissimo in chiave play off.

Trasferta insidiosa per il Casottomarina di Cucini impegnato sul campo della rivelazione Amiata; per i grossetani anche un pareggio potrebbe andare più che bene.
L’Aurora Pitigliano vuole bissare il successo in campionato di sette giorni fa sul campo di un Porto Ercole che ancora una volta si affiderà alle giocate di Belani. Chiude il quadro della giornata il match tra Radicofani e Marsiliana; un match che si annuncia quanto mai divertente con gli ospiti che hanno realizzato 15 reti e subite 14.

PRONOSTICI

SAURORISPESCIA-MONTORGIALI 1

MONTEMERANO-C.AZZARA X2

PORTO ERCOLE-A.PITIGLIANO X

RADICOFANI-MARSILIANA X2

MONTALCINO-ROSELLE 1X2

I.S.FIORA-CASTEL DEL PIANO X2

S.ANDREA-ORBETELLO 1

AMIATA-CASOTTOMARINA 1

mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all’interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E’ altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Senza dubbio un momentaccio in casa dell’ Intercomunale Santa Fiora: alla squalifica dell’allenatore Dante Cencini che durerà ancora per quasi tutto il mese di novembre, si è aggiunta ieri sera anche la ben peggiore tegola delle tre giornate a La Rosa e a Tiberi, elementi di importanza nevralgica nello scacchiere rosso-verde e da annoverarsi tra le nuove, ulteriori e ingenue vittime sacrificali dello “sbandieratore” di turno di cartellini mandato ad operare domenica scorsa a Paganico, in occasione di Roselle-Santa Fiora.
    E così l’Intercomunale si ritroverà a giocare il sentito e importantissimo derby contro la Neania Casteldelpiano letteralmente senza attacco, con Tiberi squalificato (tre giornate per proteste, SENZA AVER BESTEMMIATO, come invece riporta il referto dell’arbitro, sono davvero tanta roba…), con Cappelli ancora non al meglio e Dajani invece congedato l’altro giorno dalla Società , sembra per motivi comportamentali.
    Ma, nonostante tutto, NON CREDO PROPRIO che Dante Cencini RISCHI NEANCHE LONTANAMENTE LA PANCHINA : da non trascurare, infatti, che il Santa Fiora ha sì 7 punti, ma che l’obiettivo dichiarato per una ripescata era e rimane a tutt’oggi la salvezza e che , dopo la partita di domenica prossima, avrà già incontrato tutte e quattro le prime in graduatoria ( pareggiando, tra l’altro, ad Abbadia San Salvatore e a Montalcino) e spesso senza l’apporto, tra gli altri, del decisivo bomber Tiberi, infortunato.
    Ma più che altro ho avuto modo di verificare personalmente, venerdì scorso alla Festa della Castagna ad Arcidosso, come il clima che c’è tra Allenatore, Giocatori e Società sia senza dubbio il migliore possibile, assolutamente sereno, convinto delle proprie forze e pieno di progetti per il futuro, e comunque indiscutibilmente agli antipodi da quello che si dovrebbe respirare in prossimità di un esonero.
    Il Santa Fiora ( ma come lei, anche tutte le altre…) ,ancor prima di pensare a recuperare infortunati e squalificati deve, secondo me, prima di tutto prendere atto di come sia ormai diventato obbligatorio adeguarsi a questi arbitri-ragazzini che purtroppo vengono mandati sui campi della nostra Provincia appositamente ( tanto, ormai nessuno me lo leva più dalla testa!) a scopo addestrativo , solo e soltanto per vedere se sono in grado di farsi le ossa ( nel mentre che sarei invece curioso di vedere all’opera chi viene spedito la domenica in Prima e Seconda Categoria in provincia di Firenze, Arezzo, Prato, Lucca e Pistoia….), confortati da poca o nulla esperienza, ma armati invece dell’ infallibile “licenza di cartellinare” a tutta randa, a nulla poi servendo, a buoi ormai scappati, epici CAZZIATONI come quello rimediato domenica scorsa a fine partita dal ragazzotto di turno nel chiuso dello spogliatoio di Paganico, al cospetto del Commissario di Campo ( grossetano, purtroppo, e quindi temo, con nessunissima voce in capitolo a Firenze…) e che mi assicurano, si potesse udire ben al di là del Gretano, anche se, naturalmente, e a detta di tutti, il Roselle la partita l’aveva vinta con pieno merito.
    Comunque, secondo me e a parte gli arbitri, per l’Intercomunale Santa Fiora, con un attimo di pazienza e vista la rosa dei giocatori a disposizione, tutto il resto verrà da solo…

  • Un grande in bocca lupo al tandem Berni-Terramoccia…….ma mi domandavo come può il grande
    Direttore Sportivo del Sant’Andrea allenare i ragazzi dell’Albinia…e come pùò una società come L’Albinia fiore all’occhiello della provincia permettere questo…..ci sarà da valutare bene la situazione…….






















%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: