Calcio Seconda Categoria

Seconda Categoria: i risultati della giornata di coppa

Nella foto il Castell'Azzara 2013/2014

ETRUSCA VETULONIA – SAURORISPESCIA 0-1

ETRUSCA VETULONIA: Vergari, Fanfani, Boldorini, Marri, Panfilo, Linicchi, Fedolfi, Poli, Sgaragli, Galeotti, Vinciguerra. A disposizione: Nerozzi, Storelli, Campana, Penco. All. Galeotti-Criscuolo.
SAURORISPESCIA: Mantiglioni, Breggia, Vichi, Sorini, Mazzuoli, Garofalo, Andreini, G. Ricci, M. Ricci, Briaschi, Ville. A disposizione: Ginanneschi, Ciarpi, Tenerini, Diaconu, Capitani, Betti, Cagnacci. All. Papa.
ARBITRO: Khouribech di Grosseto.
RETE: 35’ st Briaschi.

Passo falso casalingo per il Vetulonia nel match inaugurale di coppa. Il Saurorispescia ringrazia e sbanca per 0 a 1 il campo degli Etruschi.
Partita subito vivace fin dalle prime battute, con occasioni da una parte e dall’altra che ne fanno una gara equilibrata. I grossetani sfiorano subito il vantaggio con una bella girata dell’ex Alberese Mirko Ricci, ma la sua conclusione siinfrange sul palo a Vergari battuto; risponde però subito la squadra di Galeotti con un diagonale che si spegne di poco a lato. Sul finire del primo tempo, chiuso a reti bianche, proteste degli ospiti per un contatto dubbio con protagonista Ricci.
Nel secondo tempo il Saurorispescia prende in mano le redini del gioco, alzando il baricentro della squadra. Il gol partita arriva a dieci minuti dal termine con Briaschi, che raccoglie un lancio lungo proveniente dalla difesa, elude con una finta il marcatore diretto e con un tiro secco di collo non lascia scampo a Vergari. Nel finale, con i padroni di casa visibilmente stanchi, il team di Papa reclama un altro penlty per atterramento di Garofalo.

MONTIANO – MAGLIANESE  2-3

MONTIANO: Bartolini, Shaba (30’ st Mazzinelli), L. Sforzi , Brezzi (17′ st Manzella), Riccardi, Artiaco, Malossi, A. Sforzi, Pandolfi (17’ st Arcoria), Marconi, Machetti. A disposizione: Ferioli, Galli, Tortoli, Piccini. All. Cipriani.
MAGLIANESE: Cavallo, Sgherri, De Felice, Barsegliotti, Angori, Venturini (27’ st Tonelli), Pugliese, Puccini, Ercoli, Incalcaterra (37’ st Darini), Steccati (1’ st Corridori). A disposizione: Puca. All. Boni-Darini.
ARBITRO: Sanità di Grosseto.
RETI: 30′ Incalcaterra, 43′ Angori, 1′ st Pugliese, 6′ st Artiaco, 40’ st (rig.) Riccardi.

Al Montiano non riesce la rimonta definitiva nel derby con la Maglianese (2-3) che quindi ottiene i tre punti nella “prima” stagionale. Dopo una prima mezz’ora equilibrata, Incalcaterra spezza l’equilibrio della gara, con Angori e Pugliese che completano il tris. Partita finita? Macchè, nella ripresa Artiaco e Riccardi rimettono in corsa il team di Cipriani, che però non riesce a conquistare il pareggio.

PORTO ERCOLE – ORBETELLO 1-2

PORTO ERCOLE: Magarotto, Schiano, Fanciulli, Prati, Coli, Lorenzini, Bartolini, Buratti, Salvini, M. Sabatini, Servidei. A disposizione: A. Sabatini, Costagliola, F. Sabatini, Stagnaro, Lubrano. All. Lubrano.
ORBETELLO: Chiavaioli, Masillo, Lampredi, Di Chiara, Giusti, Ferrigato, S. Maggiolini, Somma, Mimiri, Tagli, Scarano. A disposizione: Piro, Calchetti, Santi, L. Maggiolini, Gori, Venanzi, Porta. All. Di Chiara.
RETI: 40′ e 25’ st Mimiri, 5’ st Lorenzini.

L’Orbetello conferma le buone indicazioni avute dal precampionato battendo 1 a 2 il Porto Ercole nell’impegno di coppa. Decisiva la doppietta di Mimiri a cavallo dei due tempi, di Lorenzini il gol del momentaneo pareggio.

CINIGIANO – SANTA FIORA 2 – 2

CINIGIANO: Pobega, Coppi, Migliori, Idrizi, S. Ferrini, Oneto (15’ st Bufi), E. Panfi, Fabiani (30’ st Golisciani), Pallanti, T. Ferrini, Valentini (23’ st Sclano). A disposizione: Bufi, Kaja, Piccioni, Valocchia, Sclano, Golisciani. All. Tognotti.
SANTA FIORA: Marchi, D. Demuru, Cortini, N. Demuru, Cozzolino, La Rosa, Tiberi, Cencini (41’ st Notari), Pedroni, Biagini, Martellini (21’ st Paganini). A disposizione: De Santis, Notari, Paganini. All. Cencini.
ARBITRO: Capuano di Grosseto.
RETI: 28’ Tiberi, 40’ e 27’ st (rig.) Panfi, 28’ st Cencini.

Pareggio scoppiettante quello tra Cinigiano e Santa Fiora (2-2), con i locali che hanno un buon approccio alla nuova stagione di fronte a una candidata a svolgere un ruolo da protagonista.
Dopo una prima fase di studio, i rossoverdi si fanno vedere per primi in avanti al 17’ con Pedroni (conclusione alta) e due minuti dopo con Biagini, che non inquadra lo specchio della porta. La maggiore pressione ospite è premiata dal vantaggio che arriva al minuto 28: La Rosa calcia a rete sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Pobega respinge, e Tiberi, più svelto di tutti, si fionda sulla sfera per segnare in tap-in. La reazione del Cinigiano è però incisiva, con Oneto che al 40’ conquista un calcio di rigore, trasformato poi da Panfi. Le squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di 1 a 1. A inizio ripresa Santa Fiora subito pericoloso, con la palla che termina alta sulla traversa, il cinigiano risponde però intorno al 15’ con Pallanti e Panfi che vengono contrati in angolo, poi è Marchi, sul rispettivo corner, a rispondere da campione al tentativo di Migliori. Un minuto più tardi ci prova anche Valentini, ma il suo colpo di testa termina alto, mentre per il Santa Fiora è Cencini a sfiorare il gol. Tognotti gioca la carta Sclano, che lo ripaga pochi minuti dopo il suo ingresso con l’assist del 2 a 1 per Panfi. Gioia effimera, però, perchè Cencini, un minuto più tardi, mette dentro dalla distanza la palla del definitivo 2 a 2.

MARSILIANA – CASTELL’AZZARA 0-4

MARSILIANA: Zambelli, Rocconi, Faro, Carrucola, celata, Brugi, Nutarelli, Domenichelli (22’ st Coli), Stella, Pirani, Fanteria. A disposizione: Teti, Ulanio, Giannini, Balocchi. All. Anselmi.
CASTELL’AZZARA: Sarti, Giglioni, M. Scapigliati, Vertecchi, Guidotti (13’ st Cheli), Crociani, Bagnoli (19’ st Di Fiore), Cocar, Coppi, Sistimini (22’ st L. Scapigliati), D. Scapigliati. A disposizione: Delli Campi, Borsetti, Bagno, Papalini. All. Baffetti.
ARBITRO: Svetoni di Grosseto.
RETI: 8’ Crociani, 26’ Coppi, 12’ st Guidotti, 21’ st Sistimini.

Poker autoritario del Castell’Azzara (0-4) alla Marsiliana, apparsa ancora in ritardo dopo il ripescaggio. Il team di Baffetti scava il solco decisivo nel primo tempo con Crociani e Coppi, poi, nella ripresa, Guidotti e il rientrante Sistimini completano l’opera.

Davide Sbrolli

Pubblicista, responsabile della Prima Categoria. Ha lavorato anche per il Corriere di Maremma.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Campo di cinigiano è un orto…..fate i punti in casa più che potete.per salvarsi è dura

  • Coltivatore fai quello che ti riesce meglio..vai a zappare la terra. il calcio è un’altra cosa e non è per tutti.

  • Te non ti preoccupa dove si gioca noi….ce l’avessero quell’atre squadre un orto in quel modo….capace nei castagni si gioca meglio….

  • Complimenti al CASTELL’AZZARA per la più squillante vittoria in trasferta della giornata e, in special modo, ai miei stimati Edoardino Coppi e, soprattutto, Fabrizio Sistimini, a cui auguro di cuore che con questo suo gol di oggi abbia messo la parola “fine” ad un’assenza dai campi di gioco che era durata davvero troppo!
    Personalmente, oggi pomeriggio, avevo deciso di andare a prendermi una bella giubbata di caldo a CINIGIANO, per vedere la sfida tra i padroni di casa e l’INTERCOMUNALE SANTA FIORA.
    La temperatura ha senz’altro influito (c’era, però, per tutti..) ma, molto più di questa, sono certo che siano stati decisivi l’impegno assolutamente encomiabile dei ragazzi locali e gli ormai troppi errori del Santa Fiora in fase di conclusione ma , più che altro, sono parse rivestire un ruolo inaspettato e nevralgico ….le dimensioni del campo di gioco.
    Cominciamo da questo: è tenuto magnificamente, certamente al livello di un cottage ben tenuto dello Yorkshire ma, purtroppo, le dimensioni mal si conciliano col traffico di una ventina di persone dietro ad un pallone: la sensazione che ne ricava lo spettatore che guarda e che lì dentro si trovino a sgambettare cinque o sei pedatori di troppo! Ho idea che chiunque si fosse (erroneamente) messo in testa di tornare da lì in Campionato con un facile bottino, debba rivedere i propri piani, perché gli spazi sono veramente esigui o inesistenti e, con i primi campi allentati, la faccenda non potrà che peggiorare.
    I ragazzi del Cinigiano poi, dal mio punto di vista, sono stati davvero ammirevoli, quando non commoventi nel loro impegno allo spasimo davanti al proprio pubblico, nel tentativo di colmare il gap che sapevano che li avrebbe divisi dalla formazione ospite: e ci sono riusciti, gettando il cuore oltre l’ostacolo e testimone di questo sono i tantissimi crampi che li hanno ammorbati dalla metà del secondo tempo in poi.
    Per l’osservatore esterno rimane il dubbio di cosa potrà combinare questa squadra quando non potrà disporre della medesima tensione morale di oggi, quando non giocherà in casa, ma si troverà a giocare in campi spesso grandi, dove una circolazione ben fatta della palla da parte degli avversari rappresenterà un serio inconveniente, quando a poco potrà servire l’unico schema visto applicare oggi: palla lunga confidando esclusivamente nelle sgroppate di cavallo-Panfi.
    Tutte difficoltà a cui saprà, senz’altro, far fronte in modo adeguato l’ottimo tecnico Tognotti.
    Il Santa Fiora, infine, mi ha persuaso poco…
    E’ vero che le dimensioni del campo erano quelle, è vero che ha mostrato tutta un’altra gestione della palla, è vero delle occasioni sprecate malamente, è vero dei falli di mani in area nel primo e nel secondo tempo, ma….sono convinto che da una formazione del genere ( nonostante le due-tre assenze anche di oggi) ci si debba aspettare qualcosa di sensibilmente diverso e, specialmente il modo di affrontare il secondo tempo, a me ha convinto proprio per niente.
    Mi auguro che tutto dipenda dai carichi della preparazione e non da un approccio supponente ad una realtà che, nel caso che non fosse affrontata nella maniera dovuta, potrebbe riservare invece pessime e inaspettate sorprese, come il pareggio di oggi a casa di una neopromossa è lì a testimoniare, allo stesso orario in cui, ad esempio, il Castell’Azzara andava a vincere 4-0 in casa dell’altra neo- arrivata Marsiliana ( che notoriamente non dispone di un campo delle dimensioni dell’Olimpico) e con un caldo che, più o meno, dovrebbe essere stato più o meno quello che si percepiva a Cinigiano….
    Io ve l’ho detto…..
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: