Calcio Seconda Categoria

Seconda Categoria “G”: il punto sul campionato

Nella foto il Sant'Andrea in azione

GROSSETO. Il dodicesimo turno di campionato ha fatto registrare lo stop del Santa Fiora che ha subito un pesante ko in trasferta contro il Saurorispescia di Papa.
Momento non certo favorevole per la formazione di Infantino che dopo un ottimo inizio di stagione, sta accusando una fase di appannamento.
Del ko degli amiatini ne ha approfittato subito l’Amiata, che è tornata alla vittoria, seppur con il minimo scarto nel derby senese contro La Sorba.

Sala in seconda posizione anche l’imprevedibile Orbetello che espugna il difficile campo del Pitigliano per 2 a 0 e rilancia le proprie ambizioni in ottica primo posto.

Continua il momento di due realtà che di settimana in settimana si stanno imponendo. Stiamo parlando della Marsiliana di Anselmi che ha sconfitto 3 a 2 il Porto Ercole e della Maglianese che ha surclassato con un netto 3 a 0 nel derby il Montiano.

In netta ascesa anche il Sorano che viola il campo del Radicofani per 2 a 0 e adesso ha nel mirino la zona play off.

LOTTA SALVEZZA. Non sono bastati i nuovi innesti al Montorgiali per evitare la sconfitta contro il Torrenieri. 3 a 0 è un passivo che non ammette repliche o giustificazioni.

Come già detto male Montiano e Porto Ercole, si mangia le mani il Cinigiano che si fa raggiungere al terzo minuto di recupero dal Sant’Andrea, rinviando ancora una volta l’appuntamento con la vittoria.

PROTAGONISTI. Musarra del Sant’Andrea realizza un gol importante in piena zona recupero, mentre Consalvi del Sorano apre le marcature della vittoria importante della propria squadra.

mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all'interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E' altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Cosa dire di questo Sauro?Una squadra stranissima dalla doppia personalità.Una cosa è certa il diverso impatto alla partita e soprattutto la giusta concentrazione per ottenere il massimo del risultato si è vista immediatamente al fischio d inizio.è pur vero, che il blasone degli avversari, a volte può generare stimoli diversi,ma obbiettivamente con questo potenziale a disposizione, lasciare per strada punti, con squadre che nulla togliendo a nessuno, ma sicuramente inferiori a Orbetello e Santa Fiora, a volte solo incoscienza può giustificare.La squadra messa bene in campo,equilibrata e attenta in tutti i reparti, obbiettivamente è stata molto bella da vedere, soprattutto nei confronti di avversari di peso,e validi sotto vari aspetti.Come mai, non si riesce a dare questa continuità domenica per domenica?Non è positivo parlare dei singoli, anche perchè tutta la squadra compresi chi è rientrato dalla panchina è stato lodevole IN TUTTO.La difesa con Pompili e Del Sorbo, non ha concesso neanche l aria agli attaccanti ospiti,tra l altro anche di categorie superiori.Vichi è ritornato ad essere quell inesauribile treno sulla fascia, mettendo spesso in apprensione la mediana avversaria.A centrocampo, si creava una diga,con Garofalo e Naldi che sul piano fisico, dettavano legge e illuminavano spesso con delle giocate pratiche e brillanti, infatti proprio su due palloni recuperati in modo imperioso dal numero quattro del Sauro scaturivano le prime due reti. Se ville con quella giocata alla miglior Zidane ,tra l altro con il piede opposto, ovvero il destro, dato che lui con il sinistro scrive,anzichè colpire l incrocio dei pali,mette la palla in rete, vi garantisco con tutto me stesso,che mi abbandonavo ad un triplice salto mortale senza rete,per quanto bello è stato il gesto tecnico.Cosa dire di Amorfini in attacco.Era il vero Joao Paolo, idolo dei 40000 allo Stadio della Vittoria.Non sapevi mai dove ti puntava,imprevedibile e rapido come sa fare quando è in forma costringendo ad attacchi di emicrania i difensori.Imprevedibile anche nel mangiarsi un gol che avrei segnato anch io e , ad essere mostruoso nella rete con stacco da terra, del miglior Roberto Bettega. Partita strepitosa di Bartalucci, giocatore elegante, corretto e soprattutto intelligente, dato che da attaccante vero, spesso protegge palla con il fisico e sa colpire con precisione chirurgica al momento giusto.Ripeto però grande nota di merito a tutta la Squadra, mister in primis e dirigenti.Una nota di merito particolare la vorrei estendere per Del Sorbo,giocatore utile, di personalità e soprattutto necessario a richiamare alla calma qualche nostro ragazzotto che purtroppo in alcuni momenti ancora non capisce l inutilità di abbandonarsi a proteste inutili e scendere a provocazioni con gli avversari..Quando le capiranno certe stronzate?Forse quando arriveranno a 50 anni.I sistemi per farsi rispettare sono altri.Comunque ragazzi mi raccomando a domenica prossima, concentrazione, cattiveria ed umiltà, perchè vorrei rielogiarvi a lunedi prossimo.Forza ragazzi e in bocca al lupo.Al 20 gennaio dobbiamo recuperare la posizione che ci compete…In ogni caso penso che il Santa Fiora, tranquillamente potrà dire la sua, perchè i giocatori non gli mancano e,tra l altro anche bravi,forse appena appena qualcuno un po nervosino















Loading…















%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: