Calcio Seconda Categoria

Seconda Categoria “F”: dagli scontri diretti escono rafforzate Massa Valpiana e Pomarance

Nella foto Monterisi

Grosseto. Il turno di campionato di domenica in cui si sono affrontate le prime quattro squadre della classifica ha chiarito che c’è meno equilibrio di quanto si pensasse. Mentre il Massa Valpiana ha confermato di essere una formazione idonea per puntare alla vittoria del campionato, il San Vincenzo ha dovuto abdicare il ruolo di favorito a beneficio del Pomarance uscito vittorioso dallo scontro diretto in casa della compagine livornese che ha iniziato il 2017 davvero male con due sconfitte in tre partite disputate.

Il Pomarance si è riappropriato del ruolo di favorito che sembrava avere smarrito dopo che nella scorsa stagione la compagine pisana era arrivata vicinissima al salto di categoria. La rivale più accreditata ha confermato di essere il Massa Valpiana che ha fatto un solo boccone del lanciatissimo Montieri.

La squadra di Massimo Cavaglioni si è imposta per 4 a 0 offrendo ancora una volta l’impressione di essere implacabile nelle partite casalinghe dove ha collezionato sette vittorie in altrettante partite. Il Poggio di Massa Marittima è diventato il fortino dove ogni avversario deve pagare dazio e questo aspetto lascia sperare bene per il futuro della squadra di Mister Cavaglioni. Per quanto riguarda le altre squadre grossetana hanno ottenute vittorie pesantissime in chiave salvezza sia il Roccastrada che il Valpiana mentre l’Alta Maremma non è riuscita a sbloccarsi nel match casalingo contro il Castelnuovo val di Cecina. Una nota di merito spetta al Follonica che ha superato per 4 a 3 il quotato Salivoli. Probabilmente questo successo non eviterà la retrocessione al Follonica che però potrà congedarsi dalla seconda categoria a testa alta per avere sempre onorato il campionato, su ogni campo e in ogni partita.

mm

Paolo Mastracca

Giornalista storico del calcio dilettantistico provinciale, conduce su Tv9 “I dilettanti del Martedì”.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *