Calcio Grosseto Calcio Lega Pro Unica Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Rocco Bellesi (Vivereascoli.it) ci presenta il suo amato Picchio, prossimo avversario del Grifone

La curca ascolana (foto di Giulio Spinucci)

di Rocco Bellesi (www.vivereascoli.it)

Rocco Bellesi
Rocco Bellesi di Vivereascoli.it

Da frequentatore assiduo dei settori caldi del tifo bianconero, parlo sempre con molto piacere del mio Ascoli. L’ambizioso progetto di Francesco Bellini, facoltoso imprenditore farmaceutico alla guida della società di Corso Vittorio Emanuele, ha già ridato dignità al popolo ascolano dopo anni di sofferenze. Nel circondario piceno si respira tanto entusiasmo, un’eccitazione che i veterani accostano a quella dell’epoca di Costantino Rozzi, ma non amo inoltrarmi in improbabili paragoni. L’era Benigni, infatti, sembra soltanto un brutto ricordo e, anche i cauti per natura, prevedono un futuro roseo. C’è da dare prosecuzione a 116 anni di gloriosa storia (16 campionati di Serie A e 18 di Serie B) e il presidente italo-canadese lo sa bene. I bianconeri, nel mercato estivo, hanno acquisito le prestazioni di giocatori del calibro di Mustacchio e Chiricò, abili come pochi nel saltare l’uomo. Passando al reparto puramente offensivo, da segnalare gli importanti arrivi di Perez, Berrettoni e Altinier. Per la porta è giunto nelle Marche l’ex maremmano Lanni, che un caro amico di Grosseto mi descrisse alla perfezione come <<Abile tra i pali, ma poco reattivo in fase di uscita>>. Mori, Avogadri, Cristiano Rossi e Mengoni rappresentano ottimi elementi del reparto difensivo, mentre Addae e Pirrone garantiscono al centrocampo quel giusto mix di corsa, fisico e impostazione di gioco. In fase d’uscita, con tutta probabilità, solo l’addio di Tripoli è degno di nota, abilmente sostituito dal dg Lovato. Scongiuri a parte, l’Ascoli ha tutte le carte in regola per conquistare la serie cadetta. È vero, il campionato è ancora lungo e piuttosto equilibrato, ma il Picchio non ha nulla da invidiare alle altre squadre, in campo come sugli spalti. Al Del Duca si presenta quel Grosseto che nelle Marche ha spesso fatto bene; i locali stanno attraversando un ottimo periodo e, al momento, per nessuno risulta agevole affrontarli. Nessuna gara, però, può essere presa sottogamba e i bianconeri, seppur consapevoli dei propri mezzi, affronteranno il match con l’umiltà tipica di chi punta in alto. In Coppa Italia contro la Casertana, Petrone ha applicato un ampio turnover, considerando prioritaria la gara contro il Grifone. Con il sostegno, incondizionato, di almeno 6.000 tifosi, che meriterebbero ben altri palcoscenici, il tecnico di casa schiererà i suoi con il suo classico 4-2-3-1: Lanni a difendere la porta bianconera, blocco arretrato presumibilmente composto da Dell’Orco e Avogadri ai lati, Mori e Mengoni in mezzo. La linea mediana sarà formata centralmente da Addae e Pirrone, supportati da Mustacchio, Chiricò e capitan Berrettoni, a spalleggiare l’unica punta Perez. Altinier, autore di due reti a Piacenza, partirà dalla panchina. L’Ascoli, reduce da quattro vittorie consecutive, ha un primato da difendere: il Grosseto è avvisato, che vinca il migliore!

 

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell’Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Sono pronto al peggior risultato, ma spero lontanamente in un miracolo… Quest’anno la fortuna ci sta girando le spalle…

  • Bisogna essere realisti, al momento fra Ascoli e Grosseto ci sono almeno due gol di differenza, in favore dell’Ascoli ovviamente. Il Picchio ha iniziato a programmare la serie b da metà campionato scorso, noi s’è iniziato alla trallalera e improvvisando il 24 agosto, con giocatori inutili presi dal ds (gente in sovrappeso, giovani scarsi di squadre di serie A ecc.). Per cui, al momento già un pareggio sarebbe clamoroso, il ns obiettivo rimane restare in corsa per il 4^ posto, quello sì.






















%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: