Calcio Promozione

Promozione: tutte le maremmane impegnate in trasferta

Il dodicesimo atto del campionato di Promozione vede le tre squadre maremmane impegnate in trasferta alla ricerca di punti che non si annunciano facili da ottenere.

Il Roselle capolista va in terra senese a sfidare l’Asta non potendo contare sullo squalificato Lupi, ma tutti gli altri (a parte i lungodegenti) sono abili, arruolati e pronti alla sfida. La squadra di De Masi è ampiamente prima in classifica, ma non permettersi di sottovalutare la formazione di Taverne d’Arbia.

Il club bluarancio, soprattutto in casa, non può essere preso sottogamba. Certamente, i numeri fanno pendere l’ago della bilancia in favore della compagine termale, ma l’apertura della finestra di mercato potrebbe aver cambiato leggermente le forze in campo con l’arrivo di Mucci (classe 1995) in prestito dalla Colligiana e con un passato nel vivaio del Siena. Da sottolineare anche il passaggio di Brogi alla formazione del Gracciano.

Il San Donato, che ha ufficializzato nei giorni scorsi Masini, va a Peccioli con spirito bellicoso ed un grande entusiasmo figlio del successo di domenica scorsa contro il Rosignano che ha rilanciato le speranze di salvezza.
I biancoverdi di Cinelli, ad occhi inesperti, sembravano spacciati appena una settimana fa poi la bella vittoria conquistata al Burioni ha diradato le nubi. Adesso serve dare continuità a quel germoglio sbocciato quando tutto sembrava perduto.

Dopo aver battuto la Geotermica, il Manciano deve vedersela con il San Miniato Basso che ha i suoi stessi punti in classifica ottenuti attraverso un cammino identico fatto di cinque vittorie e tre pareggi.
Pur avendo avendo avuto un percorso analogo in stagione, Manciano e San Miniato appaiono molto diverse tra loro se si guarda lo score delle reti fatte e subite: se la squadra di Renaioli ha siglato 12 reti subendone una in più, i pisani ne hanno realizzate ben 21 subendone appena 9.

La coppia Ceccarelli-Mariotti è la migliore del girone se si esclude quella rosellana costituita da Angelini-Vento; il Manciano con Schiano e Spirito (ma senza Salvini, out per infortunio) cercherà di non farsi intimorire e punterà a fare bene contro la compagine allenata da Simonetti che, a causa di una squalifica, questa settimana non siederà in panchina.