Calcio Promozione

Promozione: Roselle in volo solitario, Manciano sorride, San Donato stenta

Il Roselle era atteso da un esame fondamentale contro il Cecina e lo ha superato a pieni voti schiantando la rivale diretta che sperava di recuperare terreno e si è ritrovata,, invece a cinque punti di distanza dalla vetta ed appaiata alla Pro Livorno.

La formazione di De Masi, a questo punto, non può nascondersi e deve fare i conti con la posizione che occupa in classifica: l’obiettivo non può più essere la semplice permanenza in categoria per Consonni e soci.

È importante adesso per i termali rimanere con i piedi per terra. Il ruolo dell’allenatore e della dirigenza nelle prossime settimane si annuncia piuttosto delicato: dover gettare acqua sul fuoco dell’entusiasmo di chi scende in campo è un compito ingrato, ma necessario per far rimanere alta la concentrazione quando siamo ancora all’inizio di novembre e tutto è ancora da scrivere.

Cinque punti di vantaggio sulle inseguitrici non sono pochi, ma fanno presto a svanire sotto i colpi di vertigini sempre in agguato. Per il Roselle, sembra un paradosso affermarlo, il difficile viene adesso che il primato in classifica si sta consolidando.

Anche a Manciano i sorrisi non mancano. Grazie alla vittoria per 2-1 nel derby contro il San Donato la posizione in graduatoria si è fatta tranquillizzante e la squadra di Renaioli sembra aver trovato la quadratura del cerchio.
Piano piano i tasselli stanno andando al proprio posto ed i frutti del lavoro dello staff tecnico si stanno facendo vedere. Basti pensare alla rapidità con cui la compagine mancianese ha saputo riportarsi avanti nel derby dopo che il San Donato aveva trovato il pareggio.

Rossi c’è (o, almeno, ci sarebbe) si dice in certe telecronache. Anche il Manciano c’è e vuole fare la sua parte, pur con la consapevolezza dei propri limiti, in questo campionato.

Chi, invece, non riesce a sbocciare è il San Donato che perde al Niccolai e viene superato in coda dal Volterra capace di vincere 2-0 in trasferta contro la Pecciolese.

Grosso guaio a Chinatown, verrebbe da dire. I biancoverdi di Cinelli avevano convinto nelle ultime uscite schiodandosidalla fastidiosa ultima posizione, ma contro i dirimpettai allenati da Renaioli si è registrato un passo indietro che preoccupa non poco.

Ancora una volta a mancare è stato il guizzo vincente: la squadra produce senza finalizzare ed alla prima occasione viene punita senza poi trovare la forza di recuperare. O meglio: contro il Manciano il gol dell’uno a uno è arrivato, ma la gioia è durata il tempo di un’estate di San Martino dato che la squadra di casa si è riportata immediatamente in vantaggio.

Adesso il Volterra ha tre lunghezze da recuperare per reinserirsi nel gruppo di chi è sospeso tra zona playout e salvezza sicura mentre i maremmani in maglia biancoverde devono fare i conti sul piano psicologico con una classifica che si è fatta nuovamente molto pericolosa.

Il rischio di scivolare nella spirale del passo del gambero (un passo avanti e due indietro) è elevato per la squadra di Cinelli e la prossima difficile sfida contro l’Armando Picchi in programma al Burioni rischia di essere fondamentale per le speranze di salvezza. Al Burioni sarà più che mai vietato sbagliare.

Risultati

A. Picchi-Perignano 1-1
Certaldo-Pro Livorno 0-1
Geotermica-Gracciano 1-0
Manciano-Acli San Donato 2-1
Pecciolese-A. Volterra 0-2
Rosignano-Asta 2-0
San Miniato Basso-Donoratico 5-0
Cecina-Roselle 0-4

Classifica

Roselle 22
Cecina, Pro Livorno 17
Rosignano 14
San Miniato Basso, Geotermica, Donoratico 13
Manciano 11
A. Picchi 10
Certaldo 9
Gracciano, Asta 8
Pecciolese, Perignano 7
A. Volterra 4
Acli San Donato 2

Giulio De Paola

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Voglio davvero fare i complimenti al Roselle,nonostante la perdita di tre pezzi da novanta, evidentemente i giovani presi sono davvero bravi, sta facendo un grande campionato !!!!

  • Complimenti a chi ha portato Serdino a Roselle, veramente un grande acquisto. Un ragazzo di 20 anni che non fa rimpiangere un mostro come Consonni.















Loading…















%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: