Altri Sport Ciclismo

Mountain bike, tre giorni per scoprire la via Clodia tra sport, cultura e storia

Tre giorni sui pedali per scoprire, in sella a una mountain bike, affascinanti percorsi che collegano Grosseto con Roma. Con questo spirito la Uisp di Grosseto ha organizzato la Via Clodia in mountain bike, da giovedì 22 a sabato 24 ottobre, per scoprire luoghi immersi nella natura e allo stesso tempo ricchi di testimonianze storiche come acropoli e necropoli etrusche, antichi borghi medievali, chiese, edifici di varie epoche storiche. Il percorso inizia dagli Scavi di Roselle per arrivare fino a Roma seguendo le tracce della Via Clodia, l’antica strada romana non più attiva dal 100 dopo Cristo, che correva a metà tra la Via Aurelia e la Via Cassia. Si sviluppa su strade a sterrate e sentieri a fondo naturale che appartengono alla sentieristica tosco laziale e che si insinuano in zone boschive e dolci colline dalle mille sfumature di verde con percorrenza a volte difficile per aspre salite e guadi. Il tutto sarà reso possibile grazie all’esperienza degli operatori qualificati della Uisp, due per ogni gruppo di dieci partecipanti. I passaggi su strade asfaltate a bassissimo transito di veicoli a motore sono innesti per arrivare ad imboccare sentieri o strade a sterro o per accedere a paesi e borghi pulsanti di storia e città d’arte come Saturnia, Sovana, Pitigliano, Tuscania, Blera, Vejano, Trevignano Romano. Anche pedalando a ritmo sostenuto è facile avere la sensazione di viaggiare nel tempo oppure quella di essere immersi in scorci paesaggistici tipici dei quadri dei “macchiaioli”, immerso come è in un contesto naturale non antropizzato e rimasto simile a quello di migliaia di anni fa. L’evento prevede tre tappe con due pernottamenti ed ha una lunghezza totale di circa 284 chilometri per circa 5.000 metri di salita accumulata. E’ previsto il supporto di un piccolo pullman con autista per il trasporto di bagagli, rifornimenti e attrezzi. Mentre il pranzo è sempre al sacco, al momento dell’arrivo al punto tappa è prevista una accoglienza in strutture turistico ricettive con cena, pernottamento e prima colazione. “E’ un progetto sul quale puntiamo molto – spiega Giovanni Pettinari della Uisp, che è anche il presidente di Maremma Mobilità Ecosostenibile – pensiamo a percorrenze più brevi sullo stesso itinerario, quindi con un numero maggiore di tappe e di punti di accoglienza”. La prima tappa, da Roselle a Pitigliano (giovedì) prevede 90 chilometri con 2600 metri di salita; venerdì da Pitigliano a Bassano Romano, 114 chilometri con 1950 metri di salita; infine sabato la terza e ultima tappa da Bassano Romano a Roma, 80 chilometri e 1030 metri di salita. Per informazioni segreteria Uisp, 0564417756.

Andrea Capitani

Responsabile Terza categoria e Altri sport

Email: a.capitani@hotmail.it

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *














Loading…