Calcio Grosseto Calcio Interviste Grosseto Lega Pro Unica Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Le interviste di Ascoli-Grosseto. Padalino: “Risultato importante. Possiamo dire la nostra in questo campionato equilibrato”

Nella foto il tecnico Padalino

Ascoli Piceno. Ecco quanto dichiarato in sala stampa al Del Duca, al termine di Ascoli-Grosseto, finita 1 a 1. Le interviste sono state raccolte per Gs dal collega Marco Vannozzi di Ascoli, che ringraziamo. Un grazie, poi, anche alla collega ascolana Anna Rita Marini.

Padalino (allenatore del Grosseto): <<Abbiamo gestito bene la gara, avevamo parecchie assenze, per noi è un risultato importante. Affrontare una squadra prima in classifica non era facile. Atteggiamenti scorretti della mia squadra? Sinceramente non ne ho visti. Ho visto soltanto un atteggiamento scorretto dell’attaccante Perez in occasione della simulazione. Siamo stati molto nervosi in campo, ma più che nervosismo lo vorrei definire una grande voglia di portare a casa il risultato. Ci siamo chiusi bene, a volte ci siamo abbassati anche un po’ troppo. Quando hai di fronte giocatori come Chiricò e Mustacchio è normale che se vuoi portare dei punti a casa non puoi lasciare spazi a elementi come questi. Il nostro morale è già cambiato da un po’. Se queste sono le prestazioni e i risultati, sono convinto che anche noi possiamo dire la nostra. Questo è un campionato molto equilibrato e il fatto che non ci sia un divario tra le prime e le altre dimostra che il torneo è ancora aperto a ogni risultato>>.

Petrone (allenatore dell’Ascoli): <<Un pareggio che va bene solo perché la squadra ha creduto di poterci riuscire. Di solito partite come queste le perdi. Siamo contenti per un verso, ma ci rimane l’amaro in bocca per non aver saputo sfruttare l’ultimo passaggio, che abbiamo sempre sbagliato. Avevo chiesto determinate cose, ma non mi hanno ascoltato. Il Grosseto è una squadra forte e strutturata. Peccato perché la squadra gioca e crea e quando mi hanno ascoltato siamo arrivati al tiro, ma solo verso la fine. Punto preso e squadra da applaudire. La strada è giusta e il campionato è lunghissimo. La squadra non molla e non mollerà fino alla fine. Pirrone è acciaccato da circa un mese e la sua uscita ci ha sicuramente penalizzato. Abbiamo fatto il gioco del Grosseto. Sapevamo della forza del Grosseto, che ha gente forte come Pichlmann e altri. Avevo avvertito i ragazzi che avrebbero dovuto impedire di far compiere certe giocate ai grossetani, eppure Torromino ci ha castigato proprio in una delle situazioni che avevo prospettato. Comunque, abbiamo trovato il gol del pari continuando a giocare e con un po’ più di lucidità, chissà…>>.

Lovato (direttore generale dell’Ascoli): <<Punto d’oro perché abbiamo recuperato la partita nel finale. Il Grosseto è una squadra molto ostica e piena di giocatori esperti. Va bene così. Spesso in situazioni analoghe perdi. Peccato per l’errore di Lanni, ma fino a prima del gol aveva fatto molto bene. Voleva ben figurare contro la sua ex-squadra. Venivamo da quattro vittorie consecutive. Non possiamo vincerle tutte. Oltretutto, il Grosseto è una squadra che fuori ha fatto molto bene, vincendo a Pisa, ad Ancona e a Teramo. Sa mettere in difficoltà gli avversari e oggi ha messo in difficoltà noi>>.

Gualdi (centrocampista dell’Ascoli): <<Andremo lì a riprenderci i tre punti che non siamo riusciti a conquistare oggi. I nostri avversari sono stati bravi ad aggredirci: hanno occupato le linee e per noi è stato difficile trovare spazio per la giocata e la verticalizzazione. Cosa ci ha detto il mister negli spogliatoi? Era molto rammaricato per il gol subito: non tollera un errore del genere. Nei prossimi giorni analizzeremo la partita e vedremo cosa non è andato bene. Il Grosseto è una squadra tosta e metterà in difficoltà gli altri per tutto il resto del campionato, noi potevamo essere più cinici, forse non si è visto l’Ascoli migliore e magari avremmo potuto fare qualcosa di più: abbiamo cercato di mantenere i ritmi alti, ma i nostri avversari sono stati bravi>>.

Altinier (attaccante dell’Ascoli):  <<Sono contento: per un attaccante segnare fa sempre piacere, ma l’obiettivo primario è il risultato della squadra. Abbiamo provato a giocare da Ascoli, ma il Grosseto è stato abile a limitarci. Il gol è più di Perez che mio. Ha fatto una grande giocata, da categoria superiore, da calciatore vero: i complimenti vanno a lui. È stata una partita ostica e difficile: il Grosseto è una squadra molto fisica e il campo pesante ha dato loro una mano. Sarebbe bastato un episodio per sbloccare la partita, loro ci sono riusciti, ma noi siamo stati bravi a pareggiare. Sarei un bugiardo a dire che non ci sia rammarico, ma il campionato è lungo, è troppo presto per fare calcoli, ma nessuno ci regalerà niente. Adesso guardiamo avanti e pensiamo a raccogliere il massimo sin dalla prossima partita a Carrara. Il cambio con capitan Berrettoni? Siamo due giocatori diversi, io sono più attaccante e sto spesso dentro l’area di rigore, ma nessuno come lui sa innescare le punte>>.

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Complimenti a Petrone……aveva previsto tutto….un vero fenomeno…..
    Gualdi prevede di vincere a Grosseto la partita di ritorno……un vero profeta….chissà su quali certezze, vista la prova in campo del Grosseto!
    Forse il “profeta” Gualdi “vede” nella sfera la partita di ritorno con la solita designazione arbitrale, con arbitraggi di questo genere per l’Ascoli tutto e’ possibile.

  • Vorrei sapere perché non si provano i giovani in prestito nemmeno Padalino ha la capacità né le palle per verificarne ii talento spazio ai giovani italiani… Per un calcio migliore un tifoso del vecchio Grosseto.
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: