Calcio Prima Categoria

L’analisi del giorno dopo del girone F: cambio della guardia in vetta.

Nella foto Schiano (qui in maglia Fonteblanda)

IL ROSELLE SOPRAVANZA IL MANCIANO..FERRANTE, CHE COLPO! La settima giornata del girone F regala il primo ribaltone in vetta alla classifica: il Roselle, con un filotto ancora aperto di sei vittorie consecutive, toglie lo scettro a un Manciano che, in formazione rimaneggiata, esce sconfitto da Porto Santo Stefano. Ma le assenze non devono sminuire la grande gara giocata dai ragazzi di Ferrante, che ha scelto sicuramente una bella occasione per centrare la prima vittoria alla guida dell’Argentario: il rigore dell’ex Schiano a metà ripresa ha deciso l’incontro. I termali, invece, escono con il bottino pieno da Staggia: subito in vantaggio con Cosimi, Franchi e compagni vengono ripresi dal guizzo di Guarino, ma la punizione di un rigenerato Angelini (quattro reti negli ultimi tre incontri) regala i tre punti alla truppa di De Masi. Un duello che promette di infuocare questa stagione calcistica.

IL FONTEBLANDA CONTINUA A STUPIRE Al terzo posto sale il Fonteblanda, grazie a un ruolino immacolato nelle gare interne: quattro vittorie su altrettanti incontri. Una formazione giovane e che gioca bene al calcio: su questo concordano tutti gli addetti ai lavori, anche perché i neroverdi, anche nelle sconfitte (vedi Roselle), non hanno mai demeritato. Mister Ripaldi, al primo incarico su una panchina di prima squadra dopo tanta gavetta nelle giovanili, sta dando un’impronta precisa alla propria rosa: la scelta della società si sta rivelando azzeccata.

PAREGGI PER ALBERESE E CASTIGLIONESE, MALE IL PAGANICO Alberese e Castiglionese tornano dalle trasferte senesi con un pareggio in rimonta che muove la classifica di entrambe le formazioni: il team del Parco si affida al rigore di Ferri Marini per impattare a Quercegrossa, così i bianconeri proseguono nella propria striscia positiva e si mantengono in orbita playoff. La Castiglionese esce con un pareggio importante da Ponte d’Arbia, squadra impelagata nella bassa classifica ma che dispone di giocatori importanti. Del rientrante Bonelli il gol dei rossoblù. Chi invece non riesce a ingranare è il Paganico, sonoramente battuto a Barberino e fanalino di coda del campionato. Una formazione che nella passata stagione è andata a un passo dai playoff sta attraversando un periodo molto difficile: serve un’inversione di tendenza, perché la Prima Categoria di quest’anno, almeno in questo primo scorcio, appare molto più qualitativa della passata stagione.

Davide Sbrolli

Pubblicista, responsabile della Prima Categoria. Ha lavorato anche per il Corriere di Maremma.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
























Il CalcioMercato di Gs