Calcio Grosseto Calcio Lega Pro Unica Notizie Grosseto Calcio Primo piano

La Grosseto calcistica merita RISPETTO!

Non si placa la polemica sulla conduzione di gara dell’arbitro Mainardi nella partita di sabato scorso allo Zecchini. Agli errori di valutazione e alla assoluta discrezionalità nella gestione dei cartellini, che sono costati al Grosseto punti importanti, si somma la beffa dell’accanimento, derivante dal referto che l’arbitro ha redatto al termine di una sciagurata prestazione. Curioso che proprio la squadra ospite, appena la settimana prima, si fosse lamentata tantissimo del trattamento ricevuto nella partita precedente. Compensazione? Ci auguriamo proprio di no e allontaniamo con forza questa idea dai nostri pensieri. Il giudice sportivo, in base a quanto scritto dal direttore di gara, non ha potuto che applicare la mano pesante, ben € 5.000,00 di multa per proteste e offese ricevute nella pancia dello Zecchini (ben poca cosa, però, rispetto ai 15.000,00 euro con diffida del campo che l’arbitro Rosetti, a causa del suo referto, fece arrivare al termine di un infuocato Grosseto-Livorno di alcuni anni fa, ndr). È chiaro a tutti che le proteste non sono ammesse, soprattutto quando oltrepassano un certo limite. Ma nella pancia dello Zecchini non c’eravamo e non possiamo dire se quanto riportato dall’arbitro sia esagerato o meno.  Certo è che il potere insindacabile degli arbitri può portare anche a volersi fare giustizia calcando la mano (ma senza violenza fisica, sia chiaro). Cattivi pensieri? Forse, ma viene da chiedersi: perché stupirsi? In fin dei conti, nell’era Camilli il Grosseto si è visto defraudare in tantissime situazioni. Pensiamo a pesantissimi gol regolari annullati (come in Grosseto-Rimini, arbitrato da Romeo, nelle semifinali play-off di C2), a rigori inesistenti contro (su tutti, quello assolutamente inventato nei minuti di recupero a Vicenza, in Serie B, che ha tagliato le speranza di salvezza), espulsioni a go-go (in Livorno-Grosseto 4 a 1, in B, semifinale di ritorno dei play-off diretta da Celi) ecc… La lista è veramente lunga e l’omertà che sta nel non poter leggere i referti arbitrali, soprattutto per quello che accade al di fuori del rettangolo verde, lascia lo spazio ai dubbi. Quindi, risposte certe non ce ne possono essere. Allora, non rimane che concentrarci su quello che abbiamo visto con i nostri occhi. Qualcuno dirà che si tratta delle solite lamentele, può darsi, ma quando la misura è colma, il problema o i problemi riscontrati vanno affrontati e non elusi o negati, come tenterebbe di fare qualche collega. Non possiamo continuare con un atteggiamento remissivo che sta dietro alle solite frasi di circostanza (<<Colpa del Grosseto che ha dei limiti>>, <<Non cerchiamo scuse>>, ecc.), perché chi scrive ritiene di conoscere bene tanto i limiti che i difetti della squadra e li sottolinea attraverso la redazione di una pagella al termine di ogni match dei biancorossi, venendo criticato per essere stato troppo duro o per aver dato voti troppo alti. Va da sé che valutare squadra, giocatori e arbitro, non è cosa semplice ed è pur sempre un’azione soggettiva. Sono molte, poi, le componenti di cui si deve tener conto in fase di valutazione e l’occhio del giornalista non può essere quello del tifoso. Detto questo, il giudizio sulla componente fondamentale della partita, ovvero la terna arbitrale, quella che dovrebbe consentire alle squadre in campo di affrontarsi con le proprie armi, mettendo sul tappeto erboso pregi e difetti per portare a casa il migliore risultato possibile, non può divenire elemento condizionante né essere immune da valutazioni sul proprio operato. Certo, gli errori arbitrali esistono come gli errori tecnici o tattici dei giocatori che si sommano a quelli degli allenatori. Questo sì che è un elemento che fa parte del gioco ed è da accettare. Tuttavia, quando gli errori diventano arroganza e supponenza, allora no. Quello che stupisce maggiormente è che l’arbitro Mainardi abbia trovato il tempo per riportare nel suo referto anche fatti accaduti all’esterno del rettangolo di gioco e fuori dalle strutture di pertinenza dello stadio. Davvero vuol farci credere che i cori dei tifosi, da lui stesso esasperati nel corso dell’incontro, lo abbiano intimorito a tal punto da richiedere espressamente di essere scortato? Strano che non abbia avuto lo stesso timore nell’applicare scelte palesemente non conformi al Regolamento, quando le scelte attuate anche nelle situazione di dubbio, sono state esclusivamente a danno di una squadra, ovviamente il Grosseto (il primo gol ospite in sospetto fuorigioco, valutato regolare e il 3 a 3 dei padroni di casa annullato; la rete convalidata alla squadra ospite in evidente fuorigioco che, di fatto, ha regalato loro i tre punti). Perché, poi, non parlare delle mancate remore dell’arbitro quando ha accennato a prendere il cartellino giallo per il capitano spallino Togni, già sanzionato, salvo poi cambiare idea? Il giocatore, già ammonito, sarebbe stato giustamente espulso, invece è rimasto impunemente in campo, contribuendo alla causa ferrarese. Errori come quelli raccontati sono così evidenti da alterare, nella sostanza, l’esito stesso dell’incontro ed è pertanto comprensibile l’indignazione della piazza grossetana. Comunque, Grosseto non è certo piazza calda o famosa per episodi violenti, pertanto se Mainardi si è sentito intimorito per dei cori, viene da pensare che non possa reggere la pressione di piazze molto più numerose ed irriverenti di quella maremmana. Insomma, è arrivato il momento di dire basta, perché negli ultimi anni il Grosseto ha già pagato grosse ingiustizie sportive, che non hanno trovato e non trovano compensazione nella normale dinamica dell’errore contro o a favore (quello casuale). È giusto sottolineare che la Grosseto calcistica è in ampio credito per i torti e le prevaricazioni di giocatori e arbitri. Grosseto non chiede piaceri o compensazioni postume. La Grosseto calcistica chiede una sola cosa: RISPETTO! Che al sistema non sia andata giù la vittoria nel processo sportivo che avrebbe voluto cancellare questa società e chi la rappresenta? Chiediamo che ci tolgano i dubbi mandando allo Zecchini terne arbitrali normali. In fondo, non riteniamo di essere di parte nel sostenere queste opinioni. Cosa dovremmo dire, allora, di un giornale cartaceo che, a seguito di decisioni arbitrali in un recente match di Serie A, ha scritto in prima pagina <<Campionato falsato>>? Sabato scorso a Grosseto è stato falsato il campionato? Questo non lo sappiamo, ma sicuramente tali episodi possono incidere su quello del Grifone e per la piazza grossetana ciò è più che sufficiente per alzare gli scudi.

Luca Ginanneschi

Giornalista pubblicista, per Gs si è occupato principalmente di settore giovanile e ha seguito, come collaboratore, anche la Lega Pro. Ha collaborato, per il calcio, con la testata Dubidoo.it, primo giornale on line per ragazzi ed inoltre ha collaborato con le testate on-line Vivigrossetosport.it, Tuttob.it, PianetaB.com. Ha altresì collaborato col sito ufficiale (usgrosseto1912.it) dell'Us Grosseto ai tempi di Camilli.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bravissimo, sacrosante le cose che hai scritto. Ma perché in TV non le dicono?

  • Tutto giusto, però basta recriminare per il gol di Fioretti, sicuramente regolare. Basta stoppare il video di sportube al momento del colpo di testa per vedere che Fioretti è tenuto in gioco da due (forse tre) giocatori biancorossi. Anche sul gol annullato credo ci sia poco da dire, a meno che la palla non sia stata deviata da una zolla, anziché da Giovio. Sul loro terzo gol dalla tv non si vede nulla, anche se i dubbi sono tanti.

  • Si i campionati vengono falsati speso dagli errori arbitrali. Quando sono in buona fede li accetto, mai quando fanno trasparire la volontà di essere imparziali. Non mi riferisco quasi mai al singolo episodio che spesso fa piu parte dell’errore per incapacita, ma alla gestione difforme di una partita. Quando si vede in maniera lampante punire gli stessi falli in due modi diametralmente opposti. Quando gli altri picchiano impunemente ed il tuo viene ammonito al primo fallo e neppure proprio marchiano. E poi, come in questo caso, un arbitro che calca la mano quando scrive solitario e tranquillo dietro alla porta sicura dello spogliatoio. Tanto chi lo rivede piu! Ecco è questo che mi fa capire che un arbitro è assolutamente imparziale.

  • Se un arbitro, in modo doloso e punitivo, scrive nel referto che ha ricevuto offese dai tifosi o velate minacce chi puo dimostrare il contrario. Verba volant ma scripta (suoi) manent.

  • Articolo prezioso! Ero nella pancia dello Zecchini, ma non si puó parlare in termini di minaccia. Cori, parole giunte dall’esterno, ma non connotanti il pericolo…Mainardi ha avuto paura, come Sechi ed Opromolla, ma quello é un fatto suo.mla sottoscrizione di falso é gravissima, purtroppo il referto fa fede. Sarebbe interessante leggere quello dell’osservatore arbitrale, ma tutto é top secret. Della serie: delitto perfetto.

  • Credo che davanti alle continue ingiustizie e prese per i fondelli ci voglia da parte nostra più amore verso questa maglia e verso questa città.
    Dobbiamo essere più veementi nei confronti delle terne arbitrali quando ci prendono per il ulo! tanto poi scrivonono che sono stati aggrediti anche se non è vero! ribadisco sono i tifosi che devono recitare il proprio ruolo non altre figure! che sono deputate ad un lavoro certosino di diplomazia sportiva!!!!!!
























Il CalcioMercato di Gs










 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: