Calcio Prima Categoria

Il punto dopo la 13° giornata in Prima Categoria

Nella foto la panchina del Sorano, con mister Gaggi ora alla Neania

FONTEBLANDA, NON POTEVA ANDARE MEGLIO La tredicesima giornata di campionato non poteva avere risvolti migliori per la squadra grossetana con più ambizioni, ovvero il Fonteblanda: i neroverdi, vincendo in rimonta la sfida con l’ostico Ponte d’Arbia, pescano la combinazione di risultati dagli altri campi perfetta per il loro cammino. Lo scontro al vertice tra Chiantigiana e San Quirico finisce in parità, un risultato che era preventivabile, meno il primo ko in campionato del Quercegrossa, per mano del Valentino Mazzola di Tosini. La truppa di Ripaldi si trova così a soli due punti dal primo posto, avendo recuperato molte lunghezze nell’ultimo mese, nonostante un’infermeria che toglie pedine imporanti al mister: i risultati però arrivano lo stesso, segno dell’ottimo lavoro e della rosa competitiva costruita in estate.

CASTELL’AZZARA E CALDANA, SUCCESSI IMPORTANTI Un’altra squadra che scoppia di salute è il Castell’Azzara, che fa valere il miglior momento di forma nella gara contro un Argentario in fase calante. Dopo alcuni risultati di rilievo (vedi il pareggio con il San Quirico), i giallorossi si posizionano al sesto posto, un dato parziale di grande rilievo per una squadra, ricordiamolo, al primo anno in categoria. E se Baffetti riuscirà a trovare un cannoniere di riferimento (in crescita nell’ultimo periodo Coppi, dopo un avvio complicato) si potrebbero aprire scenari ancor più interessanti. Fondamentali i tre punti conquistati dal Caldana con lo Staggia: sbagliare questa gara poteva rappresentare quasi una sentenza, invece una gara autoritaria, coronata dai sigilli di Di Leo e Paradisi, ha permesso ai biancocelesti di rimettersi i carreggiata per la salvezza.

GAGGI E PAPINI, BUONA LA PRIMA Una vittoria e un pareggio per i due tecnici che esordivano in questa giornata: meglio è andata a Gaggi, nuovo allenatore del Montalcino, che è partito con il botto espugnando il Campogrande per 0 a 2. Un risultato all’inglese, con i gol di Acerra e Corbelli, che rivitalizzano una piazza ambiziosa ma che è partita con il freno a mano tirato. Papini, invece, nel difficile compito di profeta in patria a Castiglione, ha impattato per 0 a 0 contro il Valdarbia: a tratti la manovra rossoblù ha mostrato segnali di miglioramento, anche se le due migliori occasioni della gara sono capitate ai senesi, che hanno colpito un palo e una traversa. Un punto che però fa morale in vista dell’esordio casalingo.

MONTEROTONDO, RIPRENDE LA MARCIA Nel girone D, dopo alcuni passaggi a vuoto, torna a fare festa il Monterotondo, con il gol di Ciaravolo che risolve la pratica Saline: un successo che riporta i rossoverdi a ridosso della zona playoff, ma soprattutto, tiene a distanza di sicurezza le sabbie mobili della bassa classifica.

Davide Sbrolli

Pubblicista, responsabile della Prima Categoria. Ha lavorato anche per il Corriere di Maremma.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




















Loading…