Calcio Grosseto Calcio Interviste Grosseto Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Il presidente della Lega Pro Macalli: “Diretta streaming di tutte le partite e…”

Macalli (foto di Giuseppe Celeste/Image Sport)

Vi riproponiamo – integralmente – l’intervista rilasciata dal presidente della Lega Pro, Mario Macalli, al giornalista Massimo Biribanti della Gazzetta di Mantova, su tutte le novità della stagione che va ad iniziare. Come vedrete, si tratta di domande (a parte quella sulla squadra lombarda) che interessano anche il Grosseto.

Presidente, ci siamo. La riforma è al via, che stagione ci attende?

«L’abbiamo voluta fortemente e dunque siamo soddisfatti. Ma ci tengo a sottolineare che non è una riforma di numeri, bensì di regole».

Si riferisce alle norme stringenti per le iscrizioni, in modo da evitare che tanti club vadano in crisi economica durante l’anno?

«Sì, ma non sono norme stringenti, sono regole pensate in favore dei presidenti. Bisogna che il calcio sia fatto da chi può farlo: prima c’erano 20 squadre penalizzate a campionato, adesso queste cose non accadono più».

Entriamo nel vivo delle prossime decisioni: con i ripescaggi a che punto siamo?

«Dovranno essere inserite 3 squadre per completare l’organico di 60 formazioni, che verranno divise in tre gironi da 20. Le domande saranno accolte fino al 28 luglio, poi l’1 agosto sapremo quali saranno i club ripescati».

E i gironi quando verranno decisi?

«Dopo il 4 agosto, quando ci sarà l’assemblea delle società. E poi entro il 15 faremo i calendari».

C’è grande attesa per i gironi: saranno fatti con criteri di territorialità (Nord, Centro, Sud) o no?

«Su questo per ora non c’è un orientamento preciso. Decideranno le società, visto che i consiglieri di Lega sono dei presidenti di club».

Ma è vero che le società del Sud hanno chiesto di formare i gironi con il sorteggio?

«Tutti hanno delle idee e tutte le idee sono lecite. Poi ci sono quelle balzane – sorride Macalli – e quelle giuste».

D’accordo, allora andiamo alle altre novità della stagione: ci spiega in che modo le gare saranno giocate dal venerdì al lunedì?

«Anche negli ultimi anni ci sono sempre stati anticipi e posticipi. Adesso faremo qualcosa in più per favorire la trasmissione dei match di Lega Pro in tv».

Ci può dare qualche dettaglio?

«Il venerdì sera ci sarà un anticipo e un’altra gara verrà giocata al sabato. Poi il lunedì sera ci sarà un posticipo. La domenica, invece, quasi tutte le partite verranno disputate allo stesso orario, ma ce ne saranno tre in orari diversi. Diciamo alle 12, alle 16 e alle 18, ma non è ancora stabilito al cento per cento».

Altra innovazione saranno le dirette in streaming. Davvero tutte le partite saranno trasmesse in diretta su internet?

«Sì, ci siamo affidati a esperti del settore e tutte le 1.100 partite di Lega Pro verranno riprese e trasmesse. L’obiettivo è permettere a qualunque tifoso di vedersi la partita sul telefonino o sul computer pagando una modica cifra, diciamo 5 euro per fare un esempio. Vogliamo che la Lega Pro sia sempre più visibile, lavoriamo per rendere il compito più agevole ai nostri presidenti».

Ci sarà ancora la norma sull’età media delle squadre?

«La missione della Lega Pro dev’essere quella di valorizzare i giovani, possibilmente fatti crescere nei propri vivai. Dunque continueremo a spingere in questo senso, senza però obbligare nessuno. Noi diamo delle direttive, ma poi gli imprenditori-presidenti fanno ovviamente ciò che vogliono».

Quasi tutti i club, però, seguono la politica dei giovani. Segno della crisi?

«Soldi in giro non ce ne sono, questo è sicuro. Ma, al di là di questo, ridurre i costi è doveroso se si vuole avere continuità aziendale. Altrimenti si rischia di sparare tutte le cartucce in un anno, per poi ritrovarsi in difficoltà a causa dei debiti».

Fa riferimento al Mantova?

«Il mio è un discorso in generale, poi ognuno può trovare le analogie con la propria realtà. Di Mantova posso dire che ha dirigenti importanti, gente seria e solida. Io conosco Bompieri e non scherza mica come imprenditore… Però consiglio loro di stare tranquilli, di non farsi prendere la mano, i risultati si costruiscono negli anni».

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *
























Il CalcioMercato di Gs