Calcio Grosseto Calcio Notizie Grosseto Calcio

Il Grosseto sbatte contro il bunker Catanzaro: 0 a 1

  0   1  
          4-2-3-1   4-4-2          
e a g sostituzioni GROSSETO   CATANZARO sostituzioni g a e
          Lanni 1 Bindi          
  9′       (cap.) Formiconi 2 Catacchini          
          Legittimo 3 Sabatino          
  63′       Obodo 4 Vitiello          
          Burzigotti 5 Rigione          
  90’+1′       Terigi 6 Ferraro (cap.)          
      52′ esce Dicuonzo 7 Marchi entra 90′      
      52′ esce Colombi 8 Benedetti       51′  
          Gioè 9 Fioretti esce 79′ 23′    
          Ricci 10 Russotto esce 73′   7′  
      78′ esce Montalto 11 Geminale       85′  
          Stefano Cuoghi All. Oscar Brevi          90’+2′
          Maurantonio 12 Scuffia          
          Gotti 13 Orchi          
      52′ entra Bombagi 14 Calvarese entra 90′      
      52′ entra Esposito 15 Uliano entra 79′      
          Tedeschi 16 Martignago          
          Biraschi 17 Fiore entra 73′      
      78′ entra Scappini 18 Tortolano          
                         
Arbitro: Luca Albertini di Ascoli Piceno  
1° assistente: Enrico Caliaro di Legnago
2° assistente: Ilie Rizzato di Rovigo
                         
Reti: 23′ Fioretti (Cz)
Corner: 8-2 (p.t. 1-1)
Ammoniti: 7′ Russotto (Cz), 9′ Formiconi, 51′ Benedetti (Cz), 63′ Obodo, 85′ Germinale (Cz), 90’+1′ Terigi
Espulsi: 76′ Di Meglio (allenatore in seconda del Grosseto), 90’+2′ Brevi (allenatore del Catanzaro)
Recupero: 1′ nel primo tempo 4′ nel secondo
 
Note: Spettatori 1.024 (paganti 612, abbonati 429). Incasso € 11.045,59. Pomeriggio autunnale piovoso. Terreno allentato. Presenti un centinaio di tifosi catanzaresi in Curva Sud.

Grosseto. L’Aquila vola più alto del Grifone, vince col minimo scarto e porta a casa tre punti pesanti come macigni. Certo, quello di oggi non è stato il miglior Grosseto visto in questa stagione, ma va riconosciuto agli ospiti di non aver rubato nulla, anche in virtù di una difesa a dir poco rocciosa e impenetrabile. Bravo Brevi a leggere la partita, disegnando la sua squadra sui difetti unionisti e umile quando c’è stato da difendere il vantaggio fino a decidere di schierare tutti i suoi effettivi al di sotto della linea della palla. Insomma, risultato giusto, ma se il Grosseto avesse pareggiato nessuno avrebbe potuto recriminare più di tanto, perché nel conteggio finale ci sono due sospetti rigori non concessi (per falli su Burzigotti e Ricci) e la parata-miracolo di Bindi su Scappini. In ogni caso, va accettato il risultato del campo, pertanto, onore al Catanzaro, una formazione che definire ostica è un eufemismo.

Fioretti spietato Grosseto e Catanzaro si affrontano in una partita che potrebbe dire molto sulle reali potenzialità di entrambe le squadre. Cuoghi, però, è costretto a rinunciare ancora una volta a capitan Delvecchio, mentre Brevi recupera molte pedine importanti e, di fatto, ha la migliore formazione possibile. Il Grifone, schierato col 4-3-1-2, si mostra volitivo al cospetto di un Catanzaro, disposto con un 4-4-2, attento a ripartire per fare male. Oltretutto, le Aquile hanno la migliore difesa del girone e nelle ultime trasferte hanno sempre fatto molto bene. Insomma, un cliente davvero difficile. In ogni caso, il primo quarto d’ora è ad appannaggio del Grosseto, che sfiora la rete al 6’ con Formiconi e al 13’ con Burzigotti. Tuttavia, come detto, gli ospiti sono attentissimi e disposti assai bene in campo, anzi, col passare dei minuti acquisiscono convinzione e costringono gli unionisti ad abbassare il baricentro. Dunque, non sorprende che i giallorossi sfiorino il vantaggio al 22’ con la splendida punizione dalla lunga distanza calciata da Russotto e deviata provvidenzialmente in calcio d’angolo da Lanni. Al 23’, poi, proprio sugli sviluppi del corner appena conquistato, il Catanzaro trova la rete con Fioretti, rapido a ribadire in rete vicino al secondo palo. Il Grosseto accusa il colpo e stenta a riorganizzarsi, ma i calabresi non cercano più di tanto il colpo del ko. Quindi, al 31’, il Grifone può imprecare alla sfortuna, perché la botta di sinistro di Montalto, su punizione dal limite, si stampa sul sette alla destra di Bindi, ormai battuto, e ritorna in campo. Altra opportunità al 38’, con un colpo di testa di Terigi che finisce fuori di poco. Al 43’, invece, i biancorossi reclamano il calcio di rigore per una presunta trattenuta ai danni di Burzigotti, ma la terna arbitrale non ravvisa alcunché.

Catanzaro bunker Nel secondo tempo le squadre vengono accolte da una pioggia davvero incessante. Cuoghi al 52’ effettua un doppio cambio: fuori Dicuonzo e Colombi, dentro Bombagi ed Esposito. Il risultato, però, non cambia, perché il Catanzaro dà sempre più l’impressione di essere un bunker impenetrabile. Tanta compattezza fa apparire brutta la prestazione unionista, ma questa volta, probabilmente, è merito degli avversari. I giallorossi potrebbero chiudere la contesa al 68’, con l’ex-unionista Rigione, che in scivolata sbaglia da posizione favorevole. Identica sorte tocca, poi, a Fiore, che spara alto a pochi metri dalla porta. In ogni caso, è evidente che Brevi punta a fare bottino pieno e dopo aver tolto Russotto (al 73’) e Fioretti (al 79’) il suo disegno diventa lampante. Gli uomini di Cuoghi, però, hanno ancora benzina da spendere e si fanno sotto. Questa volta è il Catanzaro a dover arretrare il proprio baricentro, costretto anche a soffrire gli assalti finali biancorossi. Ecco, quindi, all’82’, la conclusione fiacca di Bombagi dall’interno dell’area. All’83’, invece, clamorosa opportunità maremmana col colpo di testa di Scappini, a due metri dalla porta, e parata miracolosa di Bindi, che toglie la sfera dal sette e la manda in corner, salvando il risultato. Nel prosieguo, ovvero dopo il calcio d’angolo, Ricci viene platealmente strattonato in area di rigore, ma Albertini lascia correre. L’ultima vera occasione è ancora grossetana, all’88’, con la punizione di Bombagi dalla lunga distanza. Bindi è sorpreso e respinge corto con i pugni, ma non c’è nessun giocatore biancorosso pronto a ribadire in rete.

CRONACA PARTITA

PRIMO TEMPO

6′ Grosseto vicino al gol. Bellissima azione manovrata e tiro finale di Formiconi dal limite dell’area che esce di poco sopra la traversa.

7′ Ammonito Russotto (Catanzaro)

9′ Ammonito Formiconi (Grosseto)

10′ Punizione per il Catanzaro dalle trequarti. Il pallone attraversa tutta l’area e viene incocciato di testa dall’ex-unionista RIgione. Palla sul fondo, ma brividi per Lanni

13′ Girata di testa di Burzigotti su palla inattiva. Fuori.

15′ Dopo il primo quarto di partita, Grosseto più intraprendente e pericoloso, ma Catanzaro pronto a ripartire

22′ Insidiosissima punizione battuta da Russotto da oltre 30 metri. Lanni vede la palla all’ultimo, si tuffa e la manda in corner.

23′ GOL! Sugli sviluppi del corner, mischia in area e deviazione vincente sotto misura di Fioretti, ex-punta del Gavorrano

29′ Altra punizione calciata da Russotto da distanza ragguardevole. Questa volta, però, il pallone rimane alto ed esce sorvolando la traversa.

30′ Dopo la prima mezz’ora, Catanzaro in vantaggio con un certo merito e Grosseto con difficoltà nella manovra.

31′ Grosseto vicinissimo al pari, ma sfortunato. Infatti, la punizione di seconda battuta da Montalto si stampa sul sette alla destra di Bindi, ormai battuto, e ritorna in campo.

38′ Azione offensiva degli unionisti e colpo di testa finale di Terigi che esce passando vicino al primo palo.

42′ Il Grosseto invoca un rigore per una presunta trattenuta ai danni di Burzigiotti. Azione da rivedere.

45′ Concesso 1′ di recupero.

45′ Tiraccio di Obodo dal limite dell’area. Palla altissima e fischi meritati.

SECONDO TEMPO

46′ La ripresa si apre con una pioggia davvero incessante.

51′ Ammonito Benedetti (Catanzaro)

62′ Doppio cambio nel Grosseto: fuori Dicuonzo e Colombi, dentro Bombagi ed Esposito.

63′ Ammonito Obodo (Grosseto).

68′ Catanzaro vicino al raddoppio con la scivolata di Rigione

73′ Esce Russotto (Catanzaro), entra Fiore.

78′ Esce Montalto (Grosseto), entra Scappini.

79′ Esce Fioretti (Catanzaro), entra Uliano.

80′ Occasione colossale divorata da Fiore, che spara alto davanti alla porta su assist di Germinale

82′ Tiro fiacco di Bombagi da posizione favorevole. Bindi para con facilità.

83′ Grosseto vicino al pareggio. Colpo di testa a botta sicura di Scappini e miracolo di Bindi, che chiude il sette e manda il pallone in calcio d’angolo. Sugli sviluppi del corner, poi, altro rigore reclamato dal Grifone, per una evidente trattenuta ai danni di Ricci. L’arbitro, però, ben appostato, lascia correre tra le proteste

85′ Ammonito Germinale (Catanzaro)

88′ Altra occasione per il Grosseto. Punizione di Bombagi da 35 metri. Bindi, in difficoltà, respinge corto con i pugni, ma non c’è nessuna punta unionista pronta a ribadire in rete.

90′ Esce Marchi, entra Calvarese.

90′ Concessi 4′ di recupero.

90’+1′ Ammonito Terigi (Grosseto).

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell’Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *