Calcio Prima Categoria

Prima categoria: i risultati della 4° giornata. Manciano di rigore, Vento e Cucini lanciano Roselle e Alberese

Nella foto di Fiorenzo Linicchi l' Ac Roselle

GIRONE D

 

BELVEDERE – MONTEROTONDO  0 – 1

BELVEDERE: Baroni, Sartini, Bertelli, Guidi, Conti, Lapucci, Lazzerini, Bracci, Geppini, Gelli, Del Moro, Molesti. A disposizione: Cioni, Stacchini, Stortini. All. Disegni.
MONTEROTONDO: Bugelli, Lorenzini, Tocchi, Ciaravolo, Romeo, Lonzi, Toscanelli, Vezzi, Perciavalle, Raddi, Monterisi, Flori. A disposizione: Fatale, Khouribech, Cascinelli, Toscanelli, Landi, Fuhat, Serini. All. Cavaglioni.
ARBITRO: Labate di Firenze.
RETE: 15’ st Flori.

Il Monterotondo conferma la strana tendenza che la vede sconfitta in casa ma vittoriosa in trasferta: 0 a 1 contro il fanalino di coda Belvedere, formazione che dovrà registrarsi bene per cercare di ottenere la salvezza. La gara, infatti, è un monologo rossoverde, con il Monterotondo che già nel primo tempo sfiora a più riprese il gol del vantaggio: Prima è Lonzi a rendersi pericoloso, poi è il turno di Monterisi  e Romeo che arrivano alla conclusione dopo articolate azioni di costruzione. Ma, all’intervallo, si va negli spogliatoi sul risultato di partenza.
Gli ospiti trovano il gol partita al quarto d’ora della ripresa con Flori, al primo gol in rossoverde, che risolve in modo vincente una mischia in area del Belvedere. Il Monterotondo riesce poi a gestire con tranquillità il vantaggio acquisito, sfiorando anche il raddoppio in contropiede.

 

CALDANA – CASTIGLIONCELLO 1 – 1

 

CALDANA: Albonetti, Telesio (37’ st Di Leo), Giorgetti, Tani, Zurlo, Gryka, Salusti, Santini, Di Federico (10’ st Totti), Paumgharden (15’ st Filippini), Burioni. A disposizione: Creatini, Rotelli, Paradisi. All. Ruggeri.

CASTIGLIONCELLO: Barbetta, Gigoni, Menichetti, Bandini, Marmugi, Baldanzi, Mazzacca, Caponi, Lo Vecchio, Bini, Carlotti. A disposizione: Grassia, Di Lazzaro, Calvani, Serpan, Pazzaglia, Becherini. All. Brilli.

ARBITRO: Tenuta di Pisa.

RETI: 40’ Lo Vecchio, 3′ st Paumgharden.

NOTE: espulso Burioni al 30’ st per gioco falloso.

Buon pareggio interno per il Caldana (1-1) contro una delle squadre più attrezzate del campionato come il Castiglioncello, sicuramente una delle pretendenti alla vittoria finale. Il Caldana rialza la testa dopo la disastrosa trasferta di Capannoli e la conseguente strigliata del presidnete Di Curzio in settimana, ma, nella gara con i livornesi, paga anche le decisioni dell’arbitro Tenuta, apparso non all’altezza della situazione a detta dei padroni di casa.

Gli ospiti si portano in vantaggio poco prima dell’intervallo con una punizione contestata e realizzata da Lo Vecchio, ma il Caldana, dopo il cambio di campo impatta subito il risultato con la prepotente zuccata di Paumgharden a seguito di una bella triangolazione. Lo stesso attaccante, poco dopo, viene allontanato dall’arbitro, decisione che provoca lo stupore tra i dirigenti biancocelesti.

FOLLONICA – ALTA MAREMMA  3 – 1

FOLLONICA: Marroccella, Decembrini, Caca, Batistoni, Errico, Ceccotti, Tino, Mazzuca, De Giulli, Barbosa, Duranti. A disposizione: Montagnani, Uliano, Tagliaferri, Tonelli, Zinali, Sem, Cantini. All. Silvestro.

ALTA MAREMMA: Bigoni, Mucci, Bartolini, Poli, Biondi, Boschi, Scrivano, Giagnoni, A. Falciani, Guiggiani, Felici. A disposizione: Gelli, Accarigi, Solinas, Pesucci, Zoni, F. Falciani, Ferrari. All. Papini.

ARBITRO: Alaimo di Pisa.

RETI: 2’ Barbosa, 30’ De Giulli, 32’ (rig.) Scrivano, 42’ Duranti.

NOTE: Bigoni respinge due calcio di rigore di Giulli al 30’ e al 10’ st; espulsi Biondi al 29’ per fallo da ultimo uomo e Guiggiani al 38’ st per doppia ammonizione.

Il Follonica sfata il tabù Capannino vincendo per 3 a 1 su un’Alta Maremma che sta attraversando un momento abbastanza difficile, tra l’altro in concomitanza con l’assenza per infortunio di Fabio Falciani.

Primo tempo da incubo per i gialloneri, visto che il Follonica sblocca immediatamente la contesa al 2’ con una punizione di Barbosa e l’intervento difettoso di Bigoni, ex della gara che però avrà modo di rifarsi nel corso della gara. Alla mezz’ora, poi, un altro episodio che spezza le ambizioni dell’Alta Maremma, con Biondi che viene espulso e l’arbitro che concede il calcio di rigore ai locali: De Giulli va sul dischetto, Bigoni intercetta, ma l’attaccante ribadisce in rete la respinta. Gli ospiti però accorciano subito il risultato, sempre su rigore, con Scrivano, ma la partita rimane aperta per pochi minuti visto che Guiggiani si fa cacciare dall’arbitro lasciando i suoi in nove. A questo punto il Follonica chiude praticamente i conti, grazie al definitivo 3 a 1 firmato Duranti.

Nella ripresa, infatti, nonostante le molte occasioni avute, i padroni di casa non riescono a ritoccare il parziale, con Bigoni che sventa un altro calcio di rigore di De Giulli.

GIRONE F

 

ALBERESE – BARBERINO VAL D’ELSA 1-0

ALBERESE: Allegro, Brizzi, Esposito, Liberali, Girardini, F. Pastorello, Iacobucci (23’ st Iacobucci), Cucini, La Rosa, Ottobrino (14’ Camarri), Ferri Marini (43’ st Fioretti). A disposizione: Rabai, Trovò, Mennella, Camarri, Massieri, W. Pastorello, Fioretti. All. Romagnoli.

BARBERINO: Lastrucci, Concato, Conti (25’ st Lotti), Agnorelli, Rigazzi, Brettoni, Livi (30’ st Fusi), Andreucci, Casini, Rosi. A disposizione: Santoro, Bartali, Santagati, Lotti, Giannini, Bellosi, Mazzuoli, Fusi. All. Coli.

ARBITRO: Medvid di Pisa.

RETE: 15’ Cucini.

 

L’Alberese comincia davvero a fare sul serio e, in perfetta media inglese, si lancia nell’alta classifica dopo la vittoria per 1 a 0 contro il Barberino Val d’Elsa. Successo nel nome del solito Cucini, autore di una aprtenza di campionato davvero da rimarcare: per l’ex centrocampista del Fonteblanda, ora riciclatosi difensore centrale, si tratta del terzo gol in quattro partite, uno score più da attaccante che da mastino della retroguardia.

Il Barberino però si conferma squadra ostica e difficile da affrontare, con l’attaccante Rosi che cerca in più di un’occasione di rendere difficile la vita alla difesa bianconera: il numero 11 si fa vedere subito al 4’, ma il suo tentativo si perde di poco alto sulla traversa. Al 14’ l’Alberese perde per infortunio il fantasista Ottobrino (sostituito da Camarri), ma, un minuto dopo, trova il gol che risulterà decisivo: Cucini sfrutta al meglio un calcio d’angolo, liberandosi al limite dell’area e facendo partire una conclusione che non lascia scampo a Lastrucci. Al 16’, su un nuovo corner, è sempre Cucini a rendersi protagonista, questa volta incornando di testa: palla però che termina alta sulla traversa. Il Barberino prova a impensierire Allegro ancora una volta con Rosi, tiro però impreciso.

Il secondo tempo riparte con una nuova incursione di Rosi, ma il suo diagonale finisce di poco a lato, mentre al 25’ un colpo di testa di Andreucci chiama all’intervento Allegro: parata comunque facile, visto che il tiro era abbastanza centrale. La squadra del Parco si fa rivedere in avanti con una triangolazione Ferri Marini-La Rosa: quest’ultimo spizza di testa per il compagno che prò non inquadra lo specchio della porta. Nel finale la difesa dell’Alberese controlla senza tanti affanni gli ultimi tentativi ospiti, portado a casa una importante vittoria.

FONTEBLANDA – ARGENTARIO 2-0

FONTEBLANDA: Bartali, Amadii, Ricci, Guglione, Lubrano, Batazzi, Falciani (40’ st Giani), Picchianti, Casamonti, Melchionda (42’ at Guidi), Censini (35’ st Santini). A disposizione: Angiolini, Santini, Giani, Guidi, Cangi, Silvestro, Guidoni. All. Ripaldi.

ARGENTARIO: Milani, Costanzo (36’ S. Della Monaca), V. Moriani, S. Moriani, De Pirro, Giovani (15’ st A. Della Monaca), Atzori, Fanciulli, S. Schiano, Sclano, Vincenti. A disposizione: Bianciardi, S. Della Monaca, Amato, Paolini, Russo, A. Della Monaca, Alocci. All. Procaccini.

ARBITRO: Melis di Piombino.

RETI: 11’ Casamonti, 9’ st Lubrano.

Fonteblanda all’inglese sull’Argentario (2-0). con la truppa di Ripaldi che si porta in una tranquilla posizione di classifica. Gara equilibrata nella prima frazione, mentre nella ripresa i neroverdi prendono in mano le redini del gioco, specialmente dopo il raddoppio di Lubrano.

Nel primo tempo, come detto abbastanza equilibrato, il Fonteblanda ha il merito di portarsi in vantaggio alla prima occasione creata: Casamonti riceve palla sulla sinistra, entra in area, scarta un difensore e insacca nell’angolino più lontano dove Milani non può arrivare. l’argentario però è vivo e rischia di pareggiare subito con Sclano, ma Bartali devia in angolo, mentre al 22’ Vincenti sfiora la rete con il pallone che termina di poco a lato. La frazione si chiude con una bella conclusione dal limite di Atzori, ma anche in questo caso, la palla non inquadra lo specchio della porta.

Il secondo tempo si apre con la rete di Lubrano, in proiezione offensiva su un calcio d’angolo: zuccata vincente e gara in ghiaccio per i locali, visto che i santostefanesi accusano il colpo non riuscendo più a rendersi pericolosi in area neroverde. Di contro, il Fonteblanda, ormai padrone del campo, va vicino a più riprese alla terza marcatura: due volte è Casamonti a rendersi pericoloso, mentre l’ultimo tentativo, senza fortuna, è quello del subentrato Santini.

 

MANCIANO – CASTIGLIONESE 1-0

MANCIANO: Sabatini, Alborino, Brizi, Margiacchi, M. Laghi, De Nardin, Giustacori, Berna, Paoloni, Spirito, Bisozzi. A disposizione: Perin, Ranucci, T. Laghi, Celestini, Ballerini, Contini. All. Renaioli.

CASTIGLIONESE: Speroni, Grascelli, Grossi, Greco, Marchi, A. Guerriero, Cerboneschi, Toninelli, Bonelli, Mariottini, Rosi. A disposizione: Marrocolo, Lorenzoni, G. Guerriero, Mollo, Magrini, Baccetti, Armellini. All. Tosini.

ARBITRO: Cevenini di Siena.

RETE: 35’ st (rig.) Spirito.

Il Manciano si impone di rigore (1-0) su una comunque positivia Castiglionese e rimane al primo posto a punteggio pieno. Una gara in cui però i rossoblù hanno messo in seria difficoltà i padroni di casa, abili a capitalizzare l’episodio-chiave della gara.

Parte subito forte il Manciano con Berna che, al 2’, chiama Speroni a deviare in angolo; poco dopo, ci prova Margiacchi, ma il suo tiro termina a lato. La Castiglionese reagisce con la botta dalla distanza di Cerboneschi e una punizione di Bonelli, ma Sabatini fa buona guardia. La ripresa si apre con il Manciano ancora in evidenza: bravo Grascelli a salvare su Bisozzi, poi è Paoloni a sprecare una buona chance a tu per tu con Speroni: palla a lato. Sull’altro fronte, su un veloce contropiede di Bonelli, Sabatini ci mette la classica pezza chiudendo in uscita la porta all’attaccante. Al 35’ l’episodio decisivo: Greco trattiene Giustacori, l’arbitro concede il rigore che Spirito trasforma. Nel finale assalto della Castiglionese e contropiedi del Manciano, ma il risultato non cambia.

 

QUERCEGROSSA – CASOLESE 1 – 0

QUERCEGROSSA – CASOLESE 1-0
Quercegrossa: Mastrandrea, Bagnacci, Galini(73’DePau), Bimbi, Bartoli, Chellini, Giannopolo(69’Magliozzi), Giacomini, Vadi, Machetti, Tollapi(77’Carli). All: Borghi
Casolese: Bormida, Roselli, Giorli(17’Mare), Viti, Donati, Zazzeri, Rega, Bucciarelli, Marchi(88’De Biasio), Arricchiello, Manco(63’Bucci). All: Scarpellini
Arbitro: Pezzatini del Valdarno
Rete: 29′ Giacomini
Espulso: 75′ Bartoli

ROSELLE – MONTALCINO  1 – 0

ROSELLE: Cipolloni, Di Fiore, Minucci, Franchi, Lupi, Raito, Cosimi, Saloni, Vento, Consonni, Polla. A disposizione: Borracelli, Pacinotti, Kudinov, Montomoli, Boni, Angelini. All. De Masi.
MONTALCINO: Caporali, Mariotti, Zullino, De Marco, Carli, Bindi, Colonnese, Kokora, Bellandi, Beligni, Foresta. A disposizione: Meiattini, Mari, Meli, Agostini, Ferretti, Bovini, Pierangioli. All. Marchi.
ARBITRO: Pistolesi di Piombino.
RETE: 30’  Vento.

Il Roselle si porta sulle tracce del Manciano, vincendo per 1 a 0 la gara contro il Montalcino, nel remake del duello infinito che ha caratterizzato tutta la stagione scorsa in Seconda Categoria.
L’azione che decide la gara arriva alla mezz’ora del primo tempo: azione personale di Cosimi sulla sinistra che salta Mariotti e si accentra, andando al tiro; Caporali smanaccia come può, però proprio sull’accorrente Vento, che da due passi non ha difficoltà ad appoggiare in rete. Il Montalcino non riesce a reagire nel corso della prima frazione, ma anche nella ripresa è il Roselle ad avere una ghiotta occasione con Saloni che, dopo aver saltato due avversari, scarica verso la porta di esterno destro, con la palla intercettata con la mano da un giocatore senese, suscitando qualche timida protesta dei termali.
Nel finale il Montalcino prova a pareggiare ma senza molta convinzione, il Roselle sfiora il raddoppiocon un rinvio di Franchi da centrocampo che rischia di soprendere il portiere fuori dai pali; ma Caporali riesce a sventare all’ultimo momento.

SAN QUIRICO – PAGANICO 2 – 2

 

San Quirico: Borghi, El Ghiat, Ligioni, Pasquini, Petreni,(78 Franci) Martellini, Fortunati, (56 Guidotti) Castri, ( 60 Provenzano) Sani, Migliorini, Dionisi. A disp. Pricope, Bernetti, De Bernardi Mass. Bensi. All. Pecci

Paganico: Montani, Nelli, Paolini, Noferi, ( 76Loreto) Agresti, Pialli, Savini, Angeli, (Cavaliere) Pieri, Magnani, Savelli. A disp. Marzocchi, Machetti, Loreto, Cavaliere, Paoletti, Ghini, Hisenay. All. Agresti

Dir. Gara Scoscini AR

Marcatori;38 Angeli, 42 Savini, 77 Provenzano, 82 Pasquini (R)

Espulsi: Loreto – Montani (Paganico)

SORANO – PONTE D’ARBIA 1-1

SORANO: Cappelletti, Coli, Di Mario, Brizi, Onori, Bufalini, Di Carlo, Bacci (29’ st Santinami), Buosi, Ventura (31’ st Papini), Sequino (16’ st Esposito). A disposizione: Tramontana, Dominici, Tondi. All. Gaggi.

PONTE D’ARBIA: Lorenzetti, Binarelli (1’ st Camara), Chiantini (1’ st Cortonesi), Machetti, Monnecchi, Fantini, Fei, Diokh, Gurguska, Manetti, Tornesi (25’ st Seumou). A disposizione: Pagni, Sestini, Sacchi. All. Baroni.

ARBITRO: Gallorini di Arezzo.

RETI: 8’ Ventura, 22’ Diokh.

Botta e risposta nel primo tempo tra Sorano e Ponte d’Arbia e così la gara termina in parità: 1 a 1.

Partita che nasce subito frizzante, con i padroni di casa che si portano in vantaggio con Ventura, abile a depositare alle spalle di Lorenzetti; il vantaggio del team di Gaggi dura però solo un quarto d’ora, visto che al 22’ l’ex centrocampista dell’Asta Diokh riequilibra le sorti dell’incontro superando l’incolpevole Cappelletti. Nella ripresa la gara scorre via sui binari dell’equilibrio, anche se il Sorano prova a cogliere i tre punti con più insistenza. Ma, nel finale, ci vuole un grande intervento di Cappelletti su una punizione per salvare la porta locale.

 

VALDARBIA – STAGGIA 1 – 1

 

VALDARBIA: Neri, Albanese, Minucci, Andriolo (75′ Scarpelli), Pellegrini, Brizzi (63′ Ruggero), Donatelli (80′ Prugnoli), Mazzarella, Corbelli, Meconcelli, Ventrone. A disp: Pistolesi, Terzuoli, Bracalente, Egbuchulem. All: Magneschi

STAGGIA: Cervelli, De Luca, Marinelli, Amore, Cortigiani (63′ Sardelli, 86′ Tanzini), Milat, Nydiaie, Vojdulla, Schiano, Guarino, Papini. A disp: Cinquegrana, Fossati, Cuccia, Lavanga, Schillace. All: Zanelli.

ARBITRO: Rudai di Pistoia.

RETI: 23′ Guarino, 42′ Corbelli (rig.)

 

Davide Sbrolli

Pubblicista, responsabile della Prima Categoria. Ha lavorato anche per il Corriere di Maremma.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Clamoroso da parte di chi ha mandato il commento alla redazione non evidenziare il mio tiro dopo 5 minuti che in questi campi si è visto poche volte!! Chi c era se lo è goduto complimenti al loro portiere ha fatto un vero miracolo !!!forza manciano fino alla fine!!

    • A dire il vero, Luciano, non esistono parole per descriverlo. Se tu avessi fatto goal lì se ne parlavano per altri 20 anni. Speroni ti ha fregato il goal della vita. Comunque, credo se ci riprovi altre 10 volte quel tiro al volo tutte e 10 finiscono nel parcheggio del palazzetto.

      • Mi é piaciuta la parola credo!! 10 su 10 non ci scommettere che perdi fidati.. Spettatore !!

  • un vero complimenti al sorano… in porta oggi hanno avuto un superportiere con grandissime uscite e una stupenda parata su una punizione del numero dieci….non merita la prima categoria assolutamente

  • Manciano ottima squadra castiglionese anche. Annullata rete valida ai castiglionesi, ma ci può stare. Un rigore così, invece, non si può mai concedere, da un arbitro, che tra l’altro, secondo me non aveva diretto male. Buona fortuna a tutte e due le compagini.

  • Grandi Cucio Memo e Laro al Parco non si esce con i punti!!! Compimenti a tutti…

  • Brizi l’umiltà fatta persona..poco carico, come mai non giochi nel Chelsea? Con questo atteggiamento ti assicuri una grande collezione di pedate..buon campionato

    • Mi avevano chiamato ma per motivi di lavoro non sono potuto andare ahahaha grazie per il buon campionato e le pedate quelle fanno sempre bene rinforzano 😉

    • Non so chi tu sia…ma se ti riferisci alla vittoria di ieri del Roselle, allora proprio dovresti dedicarti ad un’altro sport….tre punti RUBATI con un gol di mano netta!!!! Poi per non parlare del resto….

  • Al Manciano ogni domenica regalano qualcosa. Se devono vincere loro, basta saperlo, che la domenica si va al mare!

  • E cosa avrebbero regalato al manciano ogni..e ribadisco ogni…domenica???sapessi le partite nel corso degli anni che si e perso immeritatamente…la castiglionese cmq e la miglior squadra incontrata fin ora ieri noi sottotono ma se vi divertite piu al mare…buon bagno

  • Annientati.
    Come vi rode.
    Pensate ai vostri problemi invece che le mani altrui.
    Avete giocato sei partite ed avete sempre preso minimo un gol.
    Difficile farne minimo sempre due….. Meditate….
    Ps.. Benvenuti in prima
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: