Calcio Grosseto Calcio Notizie Grosseto Calcio Primo piano

I compratori da Camilli. Fideiussione versata e acquisto concluso?

Nella foto Pietro Leonardi

di Yuri Galgani e Fabio Lombardi

Mentre ci accingiamo a scrivere questo articolo, la giornata volge al termine e le notizie che siamo stati in grado di raccogliere fino alle 18 sono state pari a zero. In serata, però, la prima indiscrezione, ovvero che i compratori sarebbero effettivamente andati alla Ilco per trattare l’acquisto del Grosseto. In pratica, ci è stato raccontato che alle 15 la trattativa ha mostrato segnali positivi, ripetutisi alle ore 18. Da quel momento, è tornato forte il silenzio e, anzi, siamo stati informati che la cosa poteva essere saltata. Poco fa, però, il nostro interlocutore ci ha fatto sapere che i compratori dovrebbero aver presentato la fideiussione e che reputano fatto l’acquisto del Grosseto. Addirittura, domani dovrebbe essere annunciata una conferenza stampa o dovrebbe essere emesso un apposito comunicato. Vogliamo usare il condizionale perché con una notizia bomba come questa è giusto andarci cauti, ma a noi hanno parlato di operazione conclusa con successo. Logicamente, vi terremo sempre informati.

Redazione

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • “Ormai e’ finita,nessuno si e’ presentato con la fidejussione e nessuno mi ha telefonato.Aspetto oramai il 15 Luglio e poi mettero’ in liquidazione la societa’”.Cosi’ ha Commentato in serata l’andamento della giornata ,relativa alla vicenda del Grosseto calcio, il Patron Piero Camilli. Testo integrale riportato da altro giornale sportivo one-line Grossetano alle ore 23,33. Chi ci capisce qualcosa e’ bravo.!!!!!BUONANOTTE!!!!!!

  • GS ha sempre dato notizie serie e supportate e per ora credo a questa. Voglio credere a questa! Certamente la dichiarazione virgolettata di Camilli all’altro giornale lascia esterrefatti e preoccupa un po. Ma sarà vera?
    In realtà non credo che Camilli voglia rimanere nella storia come fu per Anzidei.
    Quello che però continua a non tornarmi è la parola compratori e la parola acquisto. Mi pareva che Camilli avesse dichiarato papale papale e pubblicamente che regalava il Grosseto. Certamente lo ha fatto un po troppo tardi. Se era vero che voleva lasciare da tempo avrebbe dovuto mettere in piazza la sua decisione ufficiale qualche mese fa e non a fine giugno, come ha fatto.
    Quello che poi continuo a non capire sono questi segreti di stato, ma non solo da parte di Camilli. Se questo gruppo ha davvero intenzioni serie perché non si manifesta apertamente? In tutte le trattative di cui abbiamo avuto notizia in passato, nel mondo dello sport, si sono conosciuti sempre gli interlocutori. Questa sembra una setta segreta. Cosa c’è dietro dal dover stare in un silenzio tombale, anzi cosmico?
    Mah., aspettiamo domani per capire e per sapere di che morte moriremo.

    • Grifo 1912: su quella che è la dichiarazione di Camilli fatta al collega Paolo Pighini non ho dubbi a dirti che è assolutamente veritiera. Paolo intervista il presidente e, giustamente, riporta quello che lui dice. Poi un conto è se a dichiarazione c’è un’azione conseguente di Camilli oppure se torna sui suoi passi. Ma questo non dipende dal giornalista che, chiaramente, fa il suo lavoro come ritiene necessario ed opportuno. Quello cui noi possiamo rispondere è sempre e solo per il nostro operato, per quanto riguarda quello di altri è giusto che si chieda direttamente a loro, sempre ricordando, che per quanto mi riguarda e ci riguarda, ognuno dei colleghi grossetani svolge il suo lavoro con la massima professionalità e correttezza.

  • Arrivati a questo punto se Camilli ha detto queste parole credo ci sia da credergli…che senso avrebbe ormai continuare a negare….è andata….

  • Ragazzi siete ammirevoli per la fiducia che avete ma a questo punto oramai è andata. E poi si vedeva che questa specie di cordata non aveva né capo né coda. La parte tecnica legata al Parma, ma solo in maniera molto defilata, la parte dirigenziale legata ad un ex tesserato a quanto pare coinvolto in tangentopoli. Questi sono pagliuzze, non rami come li avete definiti voi. Quello che mi domando è ma il gruppo che faceva capo a Salvestroni non meritava più rispetto almeno per la serietà ed autorevolezza della persona?

    • Massimo,
      un paio di importanti precisazioni. La prima è che il tesserato cui hai fatto riferimento non è mai stato coinvolto in Tangentopoli, ma, caso mai, in problemi sportivi. Tuttavia, proprio ieri sera, mentre scrivevamo il pezzo, ci hanno detto che il soggetto del quale avevamo fatto cenno non è della partita. 😉
      Sulla questione della cordata Salvestroni, il mio pensiero è che si sia trattato di una mossa tardiva, ma, che, se non altro, ha obbligato Camilli ad ammettere che c’erano altre persone interessate all’acquisto del Grosseto. Per tutto il resto, io aspetterei a recitare il de profundis… 😉

  • Caro Yuri, capisco che la speranza calcistica sia l’ultima a morire ma….. guardando alla realtà dei fatti ad oggi i compra..tori non hanno un nome nè un volto. Non ti sembra strano che, un o più imprenditori interessati in solitaria ad acquisire un titolo sportivo prestigioso, ancora non abbiano avuto il modo di dire: si siamo noi che compriamo il grosseto? La tifoseria apprezza non solo i risultati sportivi, certo importanti, ma anche e qualche volta sopratutto, le buone maniere, specialmente se si giunge in una città dove non si hanno imprese od interessi per rilevare una squadra che, a prescindere dalla serie disputata, è sempre sentita dai grossetani, nativi o di adozione, un bene proprio, di cui andare si orgogliosi ma spesso anche gelosi.
    Speriamo davvero che non si verifichi il peggio ma questa vicenda mi sembra sempre più simile alla trama di un film di Totò.
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: