Calcio Grosseto Calcio Lega Pro Unica Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Grosseto-Reggiana 0 a 0

Mangiapelo para il secondo rigore

Grosseto. Grosseto e Reggiana fanno 0 a 0, dopo 90’ minuti vibranti e pieni di colpi di scena, soprattutto nel secondo tempo, con due rigori (entrambi assai dubbi) concessi agli ospiti e parati da Mangiapelo. Da notare che il Grifone ha giocato in dieci per 42’ della ripresa più il recupero finale. Arbitraggio molto discutibile. A breve cronaca completa della partita, con tabellini, pagelle e interviste.

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Per il Grosseto un punto d’oro e due passi indietro rispetto alla prestazione di Teramo. Sull’incontro ha deciso l’espulsione esagerata di Burzigotti, secondo me il rigore era molto discutibile.
    Silva troppo difensivista, anche se ha ancora l’attenuante di una preparazione atletica ancora precaria e di un gruppo che si deve amalgamare.
    La mia impressione è che duri poco…

    • Dato che la Società non è abitutata a cambiare Allenatori, si sentiva la mancanza di un sobillatore in questo senso

  • Io al contrario tuo sono fiducioso…abbiamo bisogno di tempo…visto la nostra attuale condizione atletica..

  • Visto da dove siamo partiti, nelle prime 4 – 5 giornate tutti i punti fatti sono guadagnati. Dopo sono sicuro che verremo fuori perché i valori tecnici ci sono. Intanto abbiamo visto che rispetto alle squadre melliflue degli ultimi anni questa ha invece tanto carattere e non è poco. Avanti così e soprattutto nessun stravolgimento tipo cambio di allenatore che sarebbe solo destabilizzante.

  • Comunque abbiamo giocato con 5 e a volte 6 uomini in difesa. Preparazione scadente si ma non si puo giocare in casa in questa maniera. Ci manca sicuramente un bel centrocampista con le pelotas quadrate.
    Il positivo, a parte Mangiaprelo e Torromino l’ho visto solo in tanta volonta di fare bene
    Mi sono divertito quasi zero.

    • Hai ragione, ma quando la squadra troverà la forma presumo che cambierà anche l’atteggiamento tattico e il modulo. Sarà ovviamente compito di Silva fare tutto ciò, nel frattempo per forza di cose deve essere prudente.

  • Vorrei far notare una discreta presenza di spettatori che da tempo veniva a mancare e la presenza di Camilli che, vi assicuro che stando a 2 metri da lui mi è sembrato molto molto carico e inca…to con la terna come da un pò non lo si vedeva.

    • Ti riferisci alla mia frase? Eh si mi sono divertito poco. A San Siro, che poi non si chiama piu cosi da almeno 20 anni, mi divertirei anche di meno e spenderei molto di piu. Beh, io mi diverto gia qui anche solo a leggere commenti densi di contenuti interessanti e stimolanti.

  • Io sinceramente non ho visto una squadra cosi dimessa, la condizione e l’intesa tra i giocatori è quella che è, ma se si vedranno altre 2 o 3 partite giocate con il carattere di oggi lo stadio tornerà ad essere più frequentato!

  • Il punto di oggi è’ guadagnato più’ per fortuna che per merito.Strategia troppo difensiva che ha permesse agli avversari di avere quasi sempre il pallino del gioco.
    Attenuante la scarsa tenuta fisica e l’aver giocato in inferiorità’ numerica per quasi tutto il secondo tempo.
    Mangia pelo- Reggiana 0 a 0.

  • Al di là di tutto, urge rinforzo in mezzo al campo…..sto’ rimpiangendo Obodo…e forse Burzigotti centrale della difesa a 3 troppo macchinoso….l’anno scorso c’era un certo Terigi che recuperava su tutto…..

  • Ritengo che la caratteristica di questa squadra sia la grinta, la voglia di non arrendersi mai è la controprova si é avuta dopo due rigori contestabilissimi, un’espulsione che grida vendetta e l’ignobile comportamento dell’omino in giallo che ci ha intimoriti in difesa… Loro non sono poi gli ultimi arrivati e se Parola avesse vestito il bianco-rosso non staremmo qui a parlare di una gara portata avanti con circospezione prima ed orgoglio poi. Diamo tempo ed osserviamo cosa succede dopo questo trittico.domenica sera potremo fare un bilancio.

  • la situazione è pari,pari a un anno fa.anche i commenti.Dopo la vittoria sul Perugia si disse “squadra con le palle,grande impegno ” l’allenatore si criticava perchè aveva un atteggiamento troppo difensivista,e la condizione,come sempre precaria.Non credete che il difensivismo degli allenatori sia dovuto alla preparazione scrsa?Due sospetti fanno una prova.Cr4edo che ci manche un bel centrocampista che sappia fare lanci lunghi per il cambio fronte,ieri non l’ho mai visto.Forse lo abbiamo,quando Finazzi,o Massimo raggiungeranno il top.Ma,per ora anch’io rimpiango Obodo.

    • scusate ma io ste cose non le posso senti… cioè ora viene fuori che x fare un lancio preciso ci vuole la preparazione fisica !?!?! x eseguire dei movimenti di squadra coordinati ( schemi ) nel primo tempo, ci vuole la preparazione fisica ?!?!?! ora voglio vede quanto dura sta scusa della preparazione fisica da parte dello staff e dei tifosi… se non hai fatto il ritiro crolli nel secondo tempo… ma almeno x un’ora, se ti hanno insegnato a giocare a calcio, giochi bene uguale, anche con sole 3 settimane di allenamenti !! a me sembra un centrocampo priva di idee, fantasia e schemi, anche nel primo tempo, e su questo non può incidere la preparazione fisica !! molto bene invece la grinta e il cuore di tutta la squadra e il tifo dei tifosi….

      • D’accordissimo,e ho gia scritto le cose che dici.Ho fatto un paragone con l’atteggiamento che aveva Chuoghi,e ora,Silva,per dire che sono allenatori esperti e che capiscono più di noi tifosi qual’è il modulo adatto quando la squadra soffre fisicamente per la preparazione è approssimativa.

  • Al di là della grinta messa in campo dai nostri calciatori, chiaramente non ancora al 100% della forma, ho visto Camilli, in tribuna centrale, agitarsi e soffrire per il Grifone come ai bei tempi. Questo, almeno per me, è un segnale ESTREMAMENTE importante.
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: