Calcio Grosseto Calcio Lega Pro Unica Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Grosseto-L’Aquila 1 a 2. Ospiti con merito, ma biancorossi davvero imprecisi.

Nella foto una fase di Grosseto - L'Aquila

GROSSETO (4-3-1-2): Mangiapelo; Elez, Morero, Monaco, Boron (89’, Albertini); Formiconi, Verna, Okosun (78’, Boccardi); Lugo; Pichlmann (cap.), Torromino, Giovio A disposizione Berardi, Longo, Mariotti, Massimo, Burzigotti Allenatore Pasquale Padalino

L’AQUILA (3-4-3): Zandrini; Pomante (cap.), Maccarrone, Zaffagnini; Pedrelli, Corapi, Del Pinto, Karkalis (58’, Sandomenico); Pacilli (78’, Mancini), Perna, Triarico (73’, Scrugli) A disposizione Cacchioli, De Francesco, Di Lollo, Mercurio Allenatore Annunziato Zavettieri

Direttore di gara: Giuseppe Cifelli di Campobasso

Assistenti: Mattia Scarpa di Reggio Emilia e Lorenzo Biasini di Cesena

Reti: 16’ Pichlmann (rig), 45’ Pacilli (Aq) (rig.), 77’ Sandomenico (Aq)

Ammoniti: 15’ Maccarrone (Aq), 44’ Okosun, 74’ Boron, 84’ Formiconi

Espulsi:

Corner: 5 a 3 (p.t. 2 a 2).

Recupero: 3’ nel primo tempo e 4’ nel secondo.

Note: Grosseto in maglia rossa, con banda trasversale bianca. Ospiti in maglia bianca con inserti rossi e blu. Spettatori 1.198 (abbonati 461, paganti 614, iniziativa “porta un amico”: 123). Incasso totale: € 9.472,24 (quota abbonati € 3.340,04, quota paganti € 6.132,20). Pomeriggio mite. Cielo parzialmente coperto, con sole a tratti. Campo leggermente allentato per le piogge dei giorni precedenti.

Grosseto. Missione fallita. L’Aquila passa con merito allo Zecchini, battendo un Grosseto incerto e impreciso. Gli abruzzesi, infatti, a nostro giudizio il miglior complesso visto in Maremma in questa stagione, hanno legittimato la vittoria non scomponendosi mai, neppure quando il Grifone è passato in vantaggio su rigore. I biancorossi, caso mai, devono fare un grosso esame di coscienza per le numerose occasioni gettate al vento e per l’enorme occasione sprecata di agganciare la parte alta della classifica.

Pari di rigore Il Grifone riceve L’Aquila nell’ultima partita del 2014. Gli abruzzesi, dopo una partenza negativa, hanno cambiato mister e con Zavettieri hanno inanellato una lunga serie di imbattibilità che li ha portati a ridosso della vetta. L’inaspettata sconfitta contro il Pro Piacenza, però, ha fermato quella splendida cavalcata. Nonostante ciò, si tratta di un cliente difficilissimo. Per fortuna, nonostante l’infortunio patito da Giovio, Padalino ha potuto recuperare Pichlmann, Boccardi e Gambino. Quest’ultimo, però, viene fatto accomodare precauzionalmente in tribuna. Si tratta di recuperi importanti, soprattutto ripensando allo scialbo pareggio in quel di Prato. In ogni caso, gli ospiti si presentano subito come una squadra tosta e schierata molto bene tatticamente. Ottima anche la circolazione della palla, con improvvisi lanci o passaggi filtranti per Triarico, Pacilli e Perna. Al 3’, non a caso, Mangiapelo è costretto a un’uscita decisiva su Perna, mentre all’8’ il gol del vantaggio ospite, nato sugli sviluppi del primo corner dell’incontro, è stato annullato per un evidente fallo di mano di Perna. Tuttavia, il Grifone, dopo un periodo di sofferenza, riesce a farsi vedere al 14’ con il tiro su corner di Lugo, smanacciato con difficoltà da Mandrini e subito dopo con la conclusione di Torromino, neutralizzata dal numero uno aquilano. Al 16’, poi, il vantaggio grossetano su rigore, il primo stagionale, trasformato da Pichlmann. A quel punto il Grosseto prende coraggio e sfiora in almeno due circostanze il raddoppio: al 24’ con Torromino e al 38’ con Lugo. Gli ospiti, però, sornioni e volitivi, trovano il pareggio al 45’, col rigore di Pacilli, concesso per il precedente atterramento dello stesso fantasista rossoblù ad opera di Okosun. Un vero peccato, perché con più precisione davanti, il risultato, al termine del primo tempo, sarebbe potuto essere decisamente differente, anche se L’Aquila ha dimostrato di essere una delle migliori squadre viste allo Zecchini.

Grosseto impreciso, L’Aquila mortifera Il pari aquilano proprio al 45’ ha lasciato il segno. E’ evidente, perché i biancorossi rischiano di subire una rete su contropiede e tiro di Pacilli, respinto male da Mangiapelo, costretto, poi, agli straordinari per evitare il tocco decisivo di un altro giocatore rossoblù. Il Grifone si fa vedere al 52’ col tiro di Pichi, deviato in corner, ma è troppo poco, perché la manovra grossetana soffre tremendamente il pressing che gli aquilani effettuano, di volta in volta, sul portatore di palla. Al 58’, invece, è solo il palo a salvare il Grosseto sulla conclusione di Del Pinto in mischia. Subito dopo Zavettieri manda in campo l’estroso Sandomenico al posto di Karkalis. La mossa è chiara: il mister abruzzese pensa di poter vincere, perché ha capito che il Grosseto è in stato confusionale. Allora, per contenere la velocità di Sandomenico, a Padalino non resta che abbassare Formiconi e alzare Elez, un risultato che non sortisce alcun effetto, visto che al 77’ è proprio il neo-entrato a ribadire in rete la respinta corta di Mangiapelo sul tocco di Perna. Va detto, però, che il Grifone al 72’ e al 77’ ha sfiorato per ben tre volte il raddoppio. Nelle prime due occasioni si è innalzato a muro Zandrini, mentre nell’ultima Verna ha calciato male, da posizione favorevolissima. Nel prosieguo di tale azione, poi, la classica regola del “gol mancato, gol subito” e vantaggio ospite. A nulla serve il tardivo cambio di Boccardi per Okosun, perché i rossoblù all’84’ si divorano un gol colossale con Mancini, che manda fuori a porta vuota.

CRONACA DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO

3’ Perna impensierisce la difesa biancorossa e costringe Mangiapelo a un’uscita frettolosa sui piedi del centravanti aquilano.
8’ Gol de L’Aquila sugli sviluppi di un corner. L’arbitro annulla per fuorigioco.
14’ Sul primo calcio d’angolo unionista, calciato magistralmente da Lugo, Zandrini è costretto a smanacciare per evitare il gol e, nel prosieguo dell’azione, c’è anche il tiro da fuori area di Torromino. Il portiere aquilano, però, si tuffa e para.
15’ RIGORE! Maccarone stende platealmente Pichlmann: ammonizione e penalty.
16’ GOL! Pichlmann, freddissimo, batte Zandrini angolando il tiro in quello che è il primo rigore stagionale in favore del Grosseto.
24’ Il Grosseto sfiora il raddoppio con la ripartenza di Torromino. Il tiro angolato della punta unionista, però, viene deviato provvidenzialmente in calcio d’angolo.
38’ Colpo di testa di Perna di poco alto sulla traversa. Gli abruzzesi invocano il calcio d’angolo, ma per la terna è semplice rimessa dal fondo.
38’ Conclusione fuori misura di Torromino.
38’ Lugo spreca una bellissima occasione, solo davanti a Zandrini, che respinge la palla col corpo e la manda in fallo laterale.
43’ Sventola di Triarico da fuori area. Pallone di poco alto sulla traversa.
44’ RIGORE! Okosun ammonito per presunto fallo su Pacilli.
45’ GOL! Pacilli trasforma il rigore spiazzando Mangiapelo: 1 a 1.
45’ Concessi 3’ di recupero.

SECONDO TEMPO

47’ L’Aquila recupera un pallone, effettua una ripartenza con Pacilli, il cui tiro conclusivo, poi, non viene trattenuto da Mangiapelo. Quindi, nel prosieguo dell’azione, l’estremo difensore unionista è costretto a un intervento in tuffo per anticipare
50’ Inserimento dalla fascia destro verso il centro e tiro da parte di Formiconi. Zandrini para.
52’ Conclusione di Pichlmann deviata in corner.
53’ L’Aquila pericolosa in area di rigore. Palla in calcio d’angolo e sospiri di sollievo tra i biancorossi.
58’ Primo cambio della partita. Esce
59’ Palo colpito in mischia da L’Aquila con Del Pinto.
70’ Tiro di Sandomenico. Mangiapelo in corner.
72’ Grifone due volte vicino al gol. Zandrini è miracoloso prima sul colpo di testa di Pichlmann e subito dopo su Torromino.
74’ Ammonito Boron.
75’ Punizione da 25 metri, calciata da Corapi. Fuori di poco.
77’ Pichi serve Verna
77’ GOL! Sandomenico ribatte in rete la respinta di Mangiapelo su tiro di Perna.
78’ Boccardi entra per Okosun.
84’ Ammonito Formiconi.
86’ Rete colossale divorata da L’Aquila con Mancini, a porta vuota.
90’ Concessi 4’ di recupero.
90’+3’ Perna manda fuori con Mangiapelo fuori causa.
90’+4’ Colpo di testa di Torromino. Zandrini para e subito dopo l’arbitro sancisce la fine dell’incontro.

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell’Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *