Calcio Settore Giovanile Grosseto

Giovanissimi nazionali: il Prato cala il poker sul Grosseto

Nella foto i giovanissimi di mister Trentini (Foto di Alessandro Biserni - Almanacco delle giovanili biancorosse)

GROSSETO-PRATO 0-4

MARCATORI: Marinelli, Mussi, Yhoan Mande Morrison, Drago (rig)

US GROSSETO: Rossi, Aguzzi, Bulku, Forni, Amato, Biserni, Frosinini, Bianchi, Ferrone, Pallecchi, Anselmi A disp.: Esposito, Biancalani, Hrytsyuk,Rrumbullaku, Scotto, Romani, Villani All. Meacci

PRATO: Rossi, Garaffoni, Corrado, Diddi, Cecchi, Benvenuti, Marianelli, Miele, De Simone, Yahon Mande, Scarnicci A disp.: Moneti, Benedetto, Billi, Drago, Maccioni, Martellini, Mussi, Pratellesi, Luka All. Zanetti

Note: Rossi para un calcio di rigore nel primo tempo.

BRACCAGNI. Pesante sconfitta per il grosseto allenato da Meacci che perde il confronto diretto con il collega Cristiano Zanetti.
Risultato troppo bugiardo per quello che si è visto in campo con la prima frazione di gioco che si concludeva sul risultato di parità e con un’occasione per parte. Prima erano i padroni di casa con Ferroni ad andare vicino al vantaggio, poi era il Prato a fallire il calcio di rigore con Rossi che dal dischetto neutralizzava Scarnicci.

Nella ripresa salivano in cattedra i lanieri, anche se i biancorossi falliscono due facili occasioni con Pallecchi ed Anselmi. Il Prato sblocca il match in contropiede con un diagonale di Marinelli.
I padroni di casa cercano la reazione, ma i ragazzi di Zanetti chiudono la sfida con le realizzazioni del neo entrato Mussi, con Yhoan Made Morrison ed infine su rigore con Drago.

mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all'interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E' altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Primo a commentare!
    Ma anche il portiere del Prato si chiama Rossi? È il primo rigore l’ha tirato Morrison.

  • Credo che qualcosa che non vada nella formazione dei giovanissimi nazionali ci sia ed è troppo facile dire che i ragazzi forse non sono pronti per affrontare tale campionato. Io vedo poca amalgama e poco gruppo. Tanta confusione tattica si cambiano nomi e ruoli. Che cosa stà accadendo?

  • il mister della berretti è stato cambiato perché non venivano i risultati, e questo? due pesi e due misure?

  • Molto probabilmente il mister dei giovanissimi è ben protetto ma credo che piano piano escono le verità come sopra letto qualcosa si è rotto e ora abbiamo capito cosa ha rotto…….

  • molto probabilmente??? ma in quale altro settore giovanile presidente, DS e DT (l’anno scorso attuale allenatore dei 2000) sono tutti imparentati??? il meacci era riuscito letteralmente a smembrare l’ottimo gruppo dei 98 due anni fa e di questo ne stanno facendo le spese gli allievi nazionali; quest’anno avverrà la stessa cosa con i 2000 che il trentini era riuscito ad amalgamare e a far crescere; molti ragazzi sono in gamba, molto in gamba, così come lo erano i 98, ma il “progetto sonnini” che l’anno scorso ha goduto dell’eredità madau non “costruendo” nessuna squadra sarebbe bene che si fermasse prima di una totale disfatta.

    • ……..Come dire che se dovesse andare ad allenare il Barcellona, lo distrugge?…… Ora si va da un eccesso all’altro. I due problemi maggiori sono la formazione sbagliata (continuano a giocare due/tre elementi che non sanno nemmeno dove è la palla e/o la posizione) ed il modulo.

      P.S. Non incominciamo a chiedere nomi cognomi e numeri di targa perchè non è bello farli. Basta andare a vedere le partite. Domenica tre gol nati da un “vuoto” sulla fascia, imbarazzante.

  • Caro biancoerosso, forse hai ragione …si usano due pesi e due misure…anche perché in una società seria ragazzi con dei genitori così imbecilli verrebbero allontanati…peccato…magari potrebbe arrivare qualche giocatore…

  • Cbr..sei rabbioso..troppo…si capisce chi sei … l’invidia, lo so e’ una brutta bestia…..ma poi il tanto citato e osannato Trentini…perché sta viaggiando da un campo all’altro della provincia, tanto che tutti gli allenatori ormai si toccano quando lo vedono,…. ma quindi non sta allenando nessuna squadra…chissà perché …

  • Caro Mauro…oltre ad ignorare la consecutio temporum…ignori anche le minime basi dell’educazione … sei un poveraccio…

  • Stai Tran Quillo…anche te non diventerai certo uno scrittore ma sicuramente nemmeno un allenatore…..
    ……il problema di questa squadra e’ che qualcuno vi ha fatto credere ci fossero dei fenomeni…purtroppo la realtà e’ ben diversa …e’ talmente evidente che non capisco tutte queste polemiche….poraccio l’allenatore che la domenica deve fare queste figuracce …e poi essere anche insultato….

  • Purtroppo la rovina dei ragazzi, si sa ..sono i genitori…in questo caso più di altri.. gli dovrebbe essere impedito di assistere agli allenamenti, come ovviamente avviene nelle società più importanti….sono scioccato dalle cretinate che vengono dette in quelle due/tre ore giornaliere… ma non lavora nessuno….? Tutti pensano di essere allenatori, persino mamme e nonne……che vergogna…!

  • Ancora si tira fuori Madau e Trentini… basta!!!….ma ringraziate il cielo che Sonnini si sia preso questa responsabilità ….non facile peraltro…ha tirato dentro dei signori allenatori, che sanno di calcio, non solo in teoria … ma lo hanno praticato nei campi veri…..si stanno dando da fare a costo zero…nonostante le tante difficoltà che tutti conoscono..vergognatevi di insultare così le persone…ma poi perché non portate via, in altre società , i fenomeni dei vostri figli…? Chi ve lo fa fare di rimanere se pensate questo?

  • Tran Quillo…meno male ci sei te..!
    Ma il patentino dove l’hai preso? Scommetto che non hai nemmeno mai giocato a calcio…ma come ti permetti di parlare di formazioni e moduli….ma chi sei..? Invece di offendere allenatore e alcuni elementi della squadra…pensa al tuo di figlio… che è meglio…

  • città di disfattisti , contenti se i vostri figli giochino i terza categoria prima ecc che fine

  • Ti volevo informare che Meacci ha allenato i 98 per 5 mesi lasciandoli al quinto posto in classifica del campionato giovanissimi nazionali…non mi risulta che nessuno dei 3/4 giocatori che ( come succede ogni anno)lasciarono il gruppo sia approdato alla Juve.

  • Non ti sforzare troppo le meningi…poi ti fa male…con quella disamina poco intelligente che hai fatto ti è sfuggita la cosa più semplice…il Prato era più forte..era più forte ogni singolo giocatore in campo contrapposto al Grosseto , che ha fatto quello che poteva….Un’altra cosa.. ti sembrerà strano…ma il modulo di gioco può variare….Per quanto riguarda il gruppo fatevi un esame di coscienza ….a casa…

  • L’ unica cosa imbarazzante che si nota non è il vuoto di fascia ma la tua ignoranza…

  • Non so a chi sto rispondendo perche come sempre vi nascondete dietro a falsi nomi e premetto che non scrivero piu la rovina dei figli NON sono i genitori perche ti assicuro primo quello che gli fa un nabbo o una mamma te non te lo puoi nemmeno immaginare secondo io con mio figlio l’ unico consiglio sul calcio fai cio che ti chide il mister perche per me il mister è il mister punto quindi ti ripeto non parlare per frasi fatte chiunque tu sia te lo dice un genitore

  • PISA -GROSSETO 3-1
    Grosseto -viareggio 5-0
    GROSSETO CARRARESE 5-0
    PONTEDERA -Grosseto 0-1
    Prato -grosseto 6-1
    Grosseto -fiorentina 3-2

  • Ti garantisco che anche io sono un genitore… ma non un mago…con tutto l’impegno non sono riuscito a capire una parola…tantomeno il concetto…ma che lingua è’…?
    Assurdamente..forse .. mi dai ragione..?

  • Buonasera,
    premettendo che si tratta di un mio parere personale, oserei dire che il caldo sta continuando a fare danni. Non vorrei sembrare “bacchettone” ma vuoi l’anonimato, vuoi la possibilità di dire la propria in maniera più o meno “seriosa”, ho l’impressione che qualcosa non quadri. Ci sono vari commenti: quello spiritoso, quello disfattista, quello costruttivo, quello del tuttologo, quello del nessunologo, troppi. Ma troppi che come si dice in gergo, stroppiano. Facciamo parte di un gruppo di genitori e di ragazzi che giocano da tre-quattro anni insieme senza problemi. Qualcuno ha preferito nel tempo andare a giocare da altre parti come sono arrivati nuovi elementi e qualcuno ha fatto il salto di qualità. L’impressione su vari commenti è che siano volutamente tendenziosi e faziosi, quasi buttati nel mucchio per seminare discordia. Qualcuno sembra fatto per innescare discussioni che nella realtà non ci sono. La realtà del nostro gruppo è che ci troviamo alla partita la domenica e sicuramente siamo contenti se vinciamo (un pò meno se perdiamo) e finita la partita naturalmente commentiamo e diventiamo tutti mister ritornando con i piedi per terra subito dopo. La goliardia non è mai mancata, gli sfottò, “gli arbitri sempre più distratti”……. ma siamo tutti consapevoli che si tratta di partite di calcio di ragazzi di 14 anni. E’ agonismo ma deve essere prima di tutto un divertimento, un piacere. Solo in questo modo possiamo sperare che diventino non delle stelle di serie A, ma che studino serenamente per crearsi una posizione nel futuro. E se poi uno su mille riuscirà a diventare un bravo giocatore, non lo dovrà sicuramente a chi commenta acidamente o con cattiveria dietro un nick di fantasia o al genitore esaltato che lo ha fatto credere Maradona prima del tempo, ma sarà solo al primo Mister (o prima, in base alla squadra di partenza) e quindi a Maurizio Bruni, Walter Trentini ed ora Adriano Meacci, allo staff tecnico ed a chi ha creduto in loro. E’ inutile essere acidi e buttare zizzania a destra e sinistra, il nostro gruppo è quello che per due anni ha giocato al campo del Casotto (senza niente tranne che il campo, ma con Mario, perchè la nostra realtà è questa) dove sono venute a giocare squadre ed allenatori che hanno calcato campi di serie A davvero e non ci hanno mai piegato. Noi siamo quelli che l’anno scorso, all’ultima di campionato abbiamo messo uno striscione che ci rappresenta “LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI”……. e così andiamo avanti anche quest’anno, senza problemi, ma uniti e rispettando coloro ai quali abbiamo affidato i nostri figli.
    Una buona e serena serata a tutti. Lorenzo Rossi

  • Apprezzo il fatto che, quantomeno, ti sei reso conto che la stupideria dei tuoi colleghi genitori aveva un po’ oltrepassato il limite….
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: