Calcio

Fabrizio Lucchesi ha incontrato i ragazzi dell’ISIF di Grosseto

Fabrizio Lucchesi (immagine tratta da www.pagineromaniste.com)

GROSSETO. Bella l’ iniziativa all’ISIS Fossombroni di Grosseto con il dott. Fabrizio Lucchesi direttore del calcio della Roma vincitrice del campionato e della Supercoppa italiana.

Lucchesi ha entusiasmato i ragazzi presenti con i suoi interventi effettuati con tanta passione e grande competenza.

Il dirigente scolastico dell’ISIS Fossombroni, dott.ssa Francesca Dini, si è detto onorato di avere ospite un personaggio dello sport così importante e ha auspicato la possibilità di collaborare ancora nel futuro.

Un passato da direttore generale di Empoli, nella Roma dello Scudetto, a Palermo e a Nizza. Poi il passaggio alla Fiorentina e successivamente consulente esterno per Cesena, Avellino, Pescara e Pisa.

Fabrizio Lucchesi ha fatto del calcio una professione, è lui stesso a raccontarlo agli studenti dell’Isis Fossombroni che hanno nel nuovo indirizzo sportivo, una possibilità in più sotto il profilo occupazionale.

«Oggi, se pensiamo al mondo del calcio, ci immaginiamo una professione affascinante e vissuta da atleta. In realtà solo pochissimi di quelli che ci provano riescono a “sfondare” e a giocare in Serie A – spiega Lucchesi -. Ma il settore calcistico da quindici anni a questa parte è cambiato profondamente. Prima le società erano associazioni, oggi sono aziende. Per questo le possibilità d’impiego in questo settore sono aumentate, ma è chiaro che servono persone qualificate e specializzate».

Lo sport rappresenta un settore molto giovane e dinamico e, contrariamente a quanto si pensa, lavorarvi è richiestissimo. Le grandi aziende sportive, infatti, sono spesso alla ricerca di giovani talenti che sappiano coniugare creatività e competenze nei settori del marketing, della pubblicità, del management, della comunicazione, del giornalismo, della medicina o del web.

Lucchesi ha anche suggerito progetti ed iniziative in ambito sportivo da realizzarsi nella scuola.

Redazione

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *