Seconda Categoria

Coralli e la nuova vita a Santa Fiora. “A Ribolla un periodo difficile, ora voglio i playoff”

Nela foto Coralli in azione
Prima partita con l’Intercomunale Santa Fiora e primo show. Riccardo Coralli, arrivata la scorsa settimana dal Ribolla, ha esordito agli ordini di mister Infantino timbrando subito una tripletta. Tre reti all’esordio con la nuova maglia che sono servite a stendere il Montiano.
Esordio migliore non poteva immaginare?
“Un esordio migliore non ci poteva essere hai ragione, una tripletta forse anche troppo per un centrocampista come me. Sono più abituato a far fare i gol ,però domenica mi sono trovato nel posto al giusto al momento giusto e sono stato fortunato. Questa tripletta mi costerà le paste in settimana”.
Dopo un periodo difficile al Ribolla, è partita l’avventura col Santa Fiora.
“A Ribolla è stato un periodo difficile è vero, soprattutto quando i risultati non arrivano. Mi dispiace aver lasciato Ribolla perché in primis ho lasciato un gruppo straordinario e delle persone care come Senserini e Bruno, ma anche la dirigenza, il mister e tutti gli altri sono stati. L’infortunio alla caviglia mi ha dato noia per tutto questo periodo, non permettendomi di giocare come vorrei e quindi rendendo di meno del solito: è stato un inizio difficile di stagione ma conoscendo quei ragazzi possono rialzare la china tranquillamente, però il calcio è anche questo e adesso mi ritrovo a Santa Fiora, pronto ad affrontare una nuova avventura dando il massimo. Ho voglia di far tornare la squadra più in alto possibile”.
E dove pensi possa arrivare la squadra?
“La squadra vista domenica può arrivare lontano e dire la sua. Sono arrivato da poco quindi non posso dare una sentenza rapida, ma adesso sta a noi giocatori portare il Santa Fiora almeno ai play off perché quello è il nostro obiettivo. Vedendo i valori dei nostri giocatori, con l’aiuto del mister, sono sicuro che non deluderemo la società”.

Andrea Capitani

Responsabile Terza categoria e Altri sport

Email: a.capitani@hotmail.it

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *