Calcio Juniores Settore Giovanile

Campionato Juniores regionali, girone D: il Cuoipelli è la squadra ammazza campionato. Gracciano, Castelfiorentino e Roselle tutte a -9.

Nella foto una fase della partita (di Ilario Uvelli)

Non si ferma più la corsa del Cuoiopelli verso la conquista del titolo. I ragazzi di mister Cetti, capace di creare una squadra solida (solo 6 le reti subite in 16 partite) e cinica (29 i gol realizzati), hanno chiuso il girone d’andata a quota 37 punti con ben 11 vittorie, 4 pareggi ed una sola sconfitta. Con la vittoria di misura per 1-0 sul campo del Roselle il Cuoiopelli ha mandato un più che chiaro messaggio al campionato. Roselle comunque mai domo che ci ha provato fino all’ultimo senza però trovare la via della rete. La squadra maremmana ha chiuso un più che positivo girone d’andata con ben 28 punti conquistati ma con un pizzico di amarezza in quanto c’è stato un periodo un po’ di crisi. Le altre due squadre a pari punti con i biancoazzurri sono io Castelfiorentino e il Gracciano, la prima ha superato per 2-1 il Forcoli Valdera mentre il Gracciano è caduto malamente sotto il poker del San Miniato Basso. Solo 1 punto raccolto dal Mazzola Valdarbia sul campo dell’Asta che dopo un avvio di campionato difficile ha cominciato a trovare continuità nei risultati. Negli altri incontri: tris del Montelupo sul campo dell’Armando Picchi grazie anche alla doppietta di Zaccardo; successo di misura interno per 1-0 per io Cascina sulla Ginestra Fiorentina. Infine successi esterni per Badesse ed Antigano che si impongono rispettivamente per 1-2 e 1-4 su Portuale Guasticce e San Giusto.

CLASSIFICA
Cuoiopelli 37 punti
Gracciano, Castelfiorentino e Roselle 28 punti
Mazzola Valdarbia 25 punti
Badesse e Montelupo 23 punti
San Miniato e Antignano 22 punti
Cascina 21 punti
Armando Picchi e Asta 19 punti
San Giusto 16 punti
Ginestra Fiorentina 15 punti
Portuale Guasticce 13 punti
Forcoli Valdera 7 punti

mm

Roberto Balestracci

Per GrossetoSport segue la categoria Juniores Provinciali

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *