Calcio Grosseto Calcio Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Camilli pronto a non iscrivere il Grosseto. Solo voci?

Nella foto Piero Camilli

Grosseto. Ieri sera, dopo l’animata assemblea dei tifosi unionisti, molti sono andati a letto pensando che, aldilà di tutto, il Grosseto sarà al via del prossimo campionato di Lega Pro unica. Una certezza senza prove, confortata solo dai precedenti degli anni passati, quando il patron unionista, allora presidente biancorosso, dopo aver minacciato di lasciare tutto, ha iscritto regolarmente il Grosseto. Quest’anno, però, vi garantiamo che la musica è diversa e chi scrive, uno dei tanti che fino a stamattina ha continuato a credere che il Grifone sarà comunque in Lega Pro, comincia ad avere più di un dubbio sulle reali intenzioni di Camilli. Vi spieghiamo il perché. Ebbene, lo scorso anno, dopo la retrocessione dalla B alla Prima Divisione, Piero Camilli prima ha minacciato di non iscrivere il Grosseto, poi, però, ci ha ripensato e ha dichiarato che la stagione seguente (ovvero il campionato di Lega Pro appena disputato) sarebbe stato comunque l’ultimo della sua famiglia a Grosseto per tutta una serie di ragioni che non stiamo a ricordare. In quell’occasione, tanto per essere chiari, abbiamo saputo con certezza che, nonostante le minacce, Camilli avrebbe iscritto la squadra, tanto da esserci sbilanciati personalmente e come testata per un qualcosa che poi è avvenuto. Alla stessa maniera, proprio oggi, siamo venuti a conoscenza che Camilli sarebbe veramente orientato a non iscrivere la squadra, così come abbiamo avuto riprova che l’interesse di Bandecchi per il Grifone esiste, nonostante le smentite e i silenzi di parte. Dunque, poiché la fonte che lo scorso anno ci ha preannunciato l’iscrizione del Grosseto ci ha detto la verità, oggi, più che mai, dopo la notizia negativa appena dataci dalla persona in questione, secondo la quale <<…La non iscrizione è quasi certa>>, ci sentiamo in dovere di mettere sul chi va là anche i più inguaribili ottimisti e l’amministrazione comunale. Infatti, proprio ieri sera, il Comune di Grosseto, tramite chi mediava l’assemblea dei tifosi, ha inviato un messaggio chiaro: senza un progetto tecnico vero per il Grifone, niente rinnovo della convenzione, dunque, niente stadio, ecc. Caso mai, la cosa che ci lascia un certo margine di fiducia è che la persona che ci ha informato ha detto “quasi” certamente. Ebbene, è proprio quel “quasi” che ci lascia ben sperare. Nonostante un residuo ottimismo, lo scenario, ve lo garantiamo, non è affatto scontato come ci si aspetterebbe. Oggi, ad esempio, mentre in casa biancorossa tutto tace, a Viterbo, all’ora di pranzo, Camilli si è incontrato con ds e allenatore gialloblù (ovvero Luci e Gregori) per preparare una grande stagione. Questo che significa? Per noi è chiarissimo: che i Camilli nella Tuscia vogliono far vedere come si fa calcio da protagonisti, mentre a Grosseto il rapporto è definitivamente cambiato. Sia chiaro, pensiamo che, a dispetto dell’ostentato disinteresse verso il Grosseto, tutti e tre i Camilli continuino a informarsi e a pensare anche all’ormai ex-gioiello di famiglia, ma è pur vero che qualcosa, sottotraccia, si sta muovendo. Ci conforta pensare che uno come Piero Camilli, pur con tutti i suoi difetti, abbia anche moltissimi pregi e, tra questi, c’è quello di voler mantenere la parola data, magari semplicemente stringendo una mano. Ecco, potrà succedere qualsiasi cosa, compreso l’annuncio improvviso di un nuovo proprietario, ma vogliamo continuare a credere e a pensare che Camilli, alla fine, pur tra mille ripensamenti, iscriverà il Grosseto, anche se poi tale gesto non significherà l’allestimento di una squadra all’altezza dei desideri e delle aspettative della piazza grossetana.

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Se Camilli si defila è perchè ha un accordo con Bandecchi anche se per adesso non lo dice.Sicuramente non è tipo che regala il Grosseto e sta facendo del tutto per monetizzare al massimo l’operazione.

  • Intanto Frosinone e Pro vercelli sono tornati in B Spendendo du lire e senza “bagni di sangue o fallimenti vari come diceva il presidente…” semplicemente facendo una preparazione con un ossatura di giocatori di livello..
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: