Altri Sport

Baseball, il Jolly Roger Grosseto chiude con una sconfitta. Rullo: “Ciclo finito”

Non è finita nel modo auspicato la stagione del Jolly Roger Grosseto, ko nella semifinale scudetto contro il Castenaso. E’ stata anche l’ultima partita di Paolo Rullo sulla panchina biancorosso: lo storico manager lascia la guida del Jolly Roger. “Tengo a precisare – spiega l’allenatore – che non è una decisione frutto di questa sconfitta, ma era stata comunicata già a luglio al direttore generale Chimenti. Semplicemente analizzando gli anni precedenti ho deciso che per me fosse arrivato il momento giusto per lasciare”. “Non è finito il ciclo di questa squadra – aggiunge Rullo – che sono sicuro che potrà togliersi altre e sempre maggiori soddisfazioni. E’ finito il ciclo di Paolo Rullo, il Jolly Roger in questo momento ha bisogno di fare un passo avanti verso un’altra direzione, un passo avanti che con me non può fare. Credo che tutto lo staff tecnico in questa stagione abbia fatto un ottimo lavoro, ma è anche giusto capire quando è il momento di farsi da parte. Quel momento è arrivato. Mi sento di aver dato tutto, già lo scorso anno volevo lasciare, poi mi bastò una chiacchierata con questi ragazzi fantastici per ritrovare gli stimoli, ma stavolta ci siamo davvero. Sono ovviamente disponibile a rimanere in questa società, che per me è una famiglia. Qualsiasi ruolo il dg abbia in mente per me io sarò pronto a mettermi a disposizione, anche se la priorità in questo momento è individuare un nuovo manager”.
Una decisione importante, comunicata in un momento di grande amarezza. “Purtroppo è andata male – afferma Rullo – sapevamo di affrontare un ottimo avversario che si è dimostrato tale. Hanno meritato di vincere, complimenti a loro. Poco da dire su gara-3 in cui hanno dominato, resta qualche rimpianto per la prima partita che alla fine si è rivelata decisiva. Peccato, eravamo partiti bene, poi non so se la squadra ha perso entusiasmo o io non sono stato prova a cogliere un calo e a intervenire prima. Non è mancata la concentrazione, perché i ragazzi ci hanno provato dal primo inning di gara-1 fino all’ultimo di gara-3. E’ mancata più che altro l’intensità in alcuni momenti di questo trittico”.
Rullo si aspettava che il monte sorreggesse la squadra come per tutta la stagione, ma in alcuni momenti è andato in difficoltà. “I lanciatori hanno fatto quello che potevano – risponde il manager – in una semifinale si affronta una squadra motivata e di livello. Sapevo che qualcuno, sia in attacco che in difesa, non avrebbe potuto dare quello a cui ci aveva abituato per tutta la stagione semplicemente perché il contesto era diverso. Ma i ragazzi hanno messo in diamante tutto quello che avevano, su questo non ci sono dubbi. Semplicemente affrontavamo una buona squadra che, considerando anche quello che è successo domenica, ha avuto più cartucce da sparare”.
In gara-3 la squadra non è entrata in partita. “Ci siamo trovati davanti un altro lanciatore straniero – conclude Rullo – io potevo avere un paio di inning da Santiago, che però non se la sentiva di partire. Marquez ha problemi, ma durante la partita mi ha detto che all’occorrenza avrebbe lanciato un inning. Ripeto, tutti hanno fatto quello che potevano. Se ho pensato di risparmiare qualche inning a Santiago in gara-2 per averlo più fresco la domenica? Certo, ma non è stato possibile. Capizzi poteva lanciare solo uno dei due giorni, Ferri era l’unico a non aver lanciato il pomeriggio, l’avevo mandato a scaldare e sarebbe entrato, ma ha avuto un problema nel bullpen. Ma onestamente non credo sarebbe cambiato molto togliere 30 lanci dal braccio di Santiago: se non batti non puoi vincere”.

Andrea Capitani

Responsabile Terza categoria e Altri sport

Email: a.capitani@hotmail.it

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *