Baseball Ultimissime Altri Sport

Baseball: Grande festa allo Jannella

Clima di festa ieri sera allo Jannella tra canti, balli e cena sotto le stelle in compagnia della squadra per tutti i tifosi che hanno risposto in massa alla chiamata del club biancorosso campione d’Italia di serie A federale.

C’era la dirigenza, c’era lo staff tecnico e c’era anche la squadra quasi al completo a festeggiare insieme ai supporters biancorossi la conquista del tricolore che mancava allo Jannella dall’ormai lontano 2007: una vera festa di popolo a cui la cittadinanza grossetana ha risposto con grande entusiasmo.

Tra un panino con la salsiccia, un hamburger ed una birra la moltitudine di persone che si è riversata allo Jannella ha potuto incontrare Bischeri e compagni in un clima di sana goliardia generalizzata in cui tutti si sono divertiti al termine di questa stagione trionfale.

Tra gli intervenuti alla festa, molte glorie del batti e corri passato e presente come Riccardo De Santis, Damiano Galli, Riccardo “The Natural” Luongo, Igino Monaci, Angelo Fanara, Roberto Di Vittorio, Ildo Guazzini e suo padre Gianfranco, Daniele Peccianti. Sicuramente ce n’erano anche altre, ma mescolate in mezzo alle altre persone sono sfuggite al nostro sguardo. Chiediamo venia, ma davvero è stato impossibile notare tutti quelli che sono arrivati in viale della Repubblica.

C’erano il sindaco Bonifazi ed il suo vice Borghi, c’era il consigliere federale Cinzia Machetti, non mancavano il fiduciario provinciale Fibs Capecchi ed il presidente regionale Fibs Peronaci, ma c’era anche un portafortuna speciale che già si era visto in occasione delle sfide interne di finale contro i Black Panthers. Stiamo parlando di Thomas Pichlmann, l’attaccante dell’Unione Sportiva Grosseto.

E’ stato davvero piacevole vedere il popolare “Pich” schierarsi insieme ai campioni d’Italia per una foto-ricordo che resterà negli annali. Si fa un gran parlare di calciatori che si negano e la disponibilità della punta unionista con la squadra e con i tifosi è stato un bel momento di unione tra discipline soltanto in apparenza lontane tra loro.

Prima di lasciarsi andare ad un karaoke tanto divertente quanto stonato (Indimenticabile una versione de “L’Avvelenata” di Guccini, impareggiabile “Se stiamo insieme” di Cocciante) i giocatori hanno tagliato la torta mentre lo spumante veniva utilizzato come fosse una sorta di idrante.

Il più bel finale di una stagione che, finalmente, ha riportato il sorriso nel batti e corri grossetano dopo troppi anni bui e nefasti. La notte è finita. Tutto questo grazie ad una dirigenza che ci ha sempre creduto, ma anche grazie a Paolo Minozzi (Il primo tecnico grossetano che porta lo scudetto in Maremma), al suo staff e ad una squadra che ha saputo creare il mix vincente necessario per la conquista dello scudetto.
























Il CalcioMercato di Gs