Calcio Grosseto Calcio Lega Pro Unica Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Ascoli-Grosseto 1 a 1. Un Grifone quasi perfetto sfiora l’impresa

Nella foto una fase della partita (Da Ascolilive.it)

ASCOLI (4-2-3-1): Lanni; Avogadri, Mengoni, Mori, Dell’Orco; Addae, Pirrone (16’, Gualdi); Mustacchio, Berrettoni (cap.) (57′, Altinier), Chiricò (79′, Carpani); Perez A disposizione Ragni, Pelagatti, Cinaglia, Margarita Allenatore Mario Petrone

GROSSETO (4-3-1-2): Mangiapelo; Mariotti, Morero, Monaco; Formiconi, Okosun, Verna (75′, Elez), Boron; Gambino (29’, Lugo; 90’+1′ Finazzi); Pichlmann (cap.) Torromino A disposizione Berardi, Varricchio, Giovio Allenatore Pasquale Padalino

Direttore di gara: Carlo Amoroso di Paola

Assistenti: Alfonso Annunziata di Torre Annunziata e Pierluigi Della Vecchia di Avellino

Reti: 77’ Torromino, 85’ Altinier (Asc)

Ammoniti: 18’ Boron, 21’ Mori (Asc), 26’ Berrettoni (Asc), 31’ Perez (Asc), 65’ Mangiapelo, 76’ Okosun

Espulsi:

Corner: 6 a 3 (p.t. 5 a 1).

Recupero: 4’ nel primo tempo e 3’ nel secondo

Note: Grosseto in maglia rossa, con banda trasversale biancorossa. Padroni di casa in maglia strisce verticali bianconere. Spettatori 6.000 circa. Presenti circa 30 tifosi biancorossi nel settore ospiti. Serata mite (15°) con pioggia a tratti. Campo allentato, ma in buone condizioni.

Ascoli Piceno. Missione compiuta e impresa quasi sfiorata. Il Grifone, infatti, torna con un meritatissimo punto dal Del Duca di Ascoli, ma, tutto sommato, avrebbe anche meritato di vincere. Ci è andato davvero vicino e ha sognato di farcela, quando, al 77’, dopo diverse opportunità, è passato in vantaggio col il quinto centro stagionale di Torromino. Purtroppo per i biancorossi, però, non è bastato, perché all’85’, grazie a una bella azione tutta in verticale iniziata dall’onnipresente Addae, Perez ha servito Altinier, che ha insaccato il gol del pareggio. E pensare che poco prima gli unionisti avrebbero potuto raddoppiare sulla mischia creatasi dal corner insidioso calciato da Lugo… Aldilà di tutto, partita maschia, piena di ammoniti (ben sei, tre per parte) e punto sacrosanto portato a casa dai biancorossi. L’auspicio, ora, è che Padalino possa lavorare recuperando quanti più giocatori possibili, perché si preannuncia un calendario alla portata dei biancorossi, dove sarà importante raccogliere tanti punti per non perdere il treno dei play-off. Quel che è certo, però, è che se l’Ascoli è primo in classifica con merito, il Grifone, costruito in pochi giorni dall’inizio del campionato, ha dimostrato di non essergli inferiore.

Ottimo Grifone Il Grosseto va a far visita all’Ascoli per uno dei match più giocati in assoluto durante l’era Camilli. Lo stadio marchigiano è una sorta di portafortuna per i colori biancorossi, ma il Picchio attuale, primo in classifica, viene da ben quattro successi consecutivi e punta al salto diretto in Serie B. Mister Petrone si affida al collaudatissimo 4-2-3-1, mentre Padalino che ha recuperato in extremis alcune pedine importanti, opta per il 3-4-1-2, con Gambino a supporto di Pichlmann e Torromino. L’incontro è molto sentito e si vede, perché le occasioni da gol sono davvero poche, anche se i ritmi sono spesso indiavolati. Più che altro, si tratta di vere e proprie fiammate, dove, complessivamente, il Grosseto si fa preferire ai marchigiani. Proprio il Picchio, al 16’, deve rinunciare al bravo Pirrone, che esce per infortunio e viene sostituito da Gualdi. Poco dopo il Grifone trova anche la rete, ma il signor Amoroso di Paola ravvede un fallo su Lanni e non convalida la segnatura. Il match si fa sempre più duro e fioccano le ammonizioni, ben quattro tra il 18’ e il 31’. I padroni di casa, che non riescono a passare, vengono incessantemente sospinti dallo splendido tifo del Del Duca, ma non basta, perché dietro il Grosseto si difende benissimo. Tra l’altro, Padalino, che a sorpresa ha schierato titolare Monaco, autore di un notevole primo tempo, sembra aver trovato la chiave giusta anche per Boron, che spinge con continuità sulla fascia sinistra e ripiega a dar man forte ai compagni. Al 37’, poi, episodio molto dubbio in area marchigiana, con Torromino che finisce a terra su un contrasto falloso di Mengoni. Gli unionisti invocano il rigore, ma l’arbitro lascia correre. Inoltre, al 44’, Perez, già ammonito, simula una caduta in area di rigore, ma il direttore di gara non si fa ingannare e concede solo un corner. Ad ogni modo, il primo tempo, come detto assai combattuto, si chiude dopo ben 4’ di recupero.

Impresa solo sfiorata La ripresa mostra subito un Ascoli molto aggressivo, tanto che al 46’ Mustacchio impegna Mangiapelo con un tiro respinto dal numero uno unionista con i pugni. Il Grosseto, però, non ci sta ad abbassare il baricentro e contrattacca prontamente, tanto da sfiorare il vantaggio al 49’ con la sventola di Verna da fuori area. In tale occasione è decisivo l’intervento di Lanni, che vola e manda la palla in calcio d’angolo. Il Grifone si rende pericoloso anche al 54’, col rasoterra di Lugo che si spegne sul fondo passando vicinissimo al secondo palo, con Lanni fuori causa. Al 55’, invece, è il Picchio a impegnare Mangiapelo, con la punizione dalla lunga distanza calciata da Chiricò. Petrone, poi, tenta di modificare gli equilibri in campo cambiando modulo grazie alla sostituzione di Berrettoni con Altinier. Nonostante ciò, i biancorossi mettono ancora i brividi ai padroni di casa, con l’inserimento di Verna, che tira da posizione favorevole, ma angolata, costringendo Lanni a smanacciare. Comunque sia, Padalino non vuole correre rischi e al 75’ avvicenda Verna con Elez. Al 77’, poi, il Grifone passa meritatamente in vantaggio col rasoterra di Torromino che sorprende sul primo palo Lanni, tuffatosi in ritardo. Non basta, però, perché all’83’ Lugo crea scompiglio in area ascolana direttamente da corner, ma la sfera non entra e, così, all’85’, i bianconeri pareggiano con Altinier, che insacca l’assist rasoterra di Perez. Una mezza doccia fredda per i biancorossi, che già pregustavano l’impresa. Tuttavia, al triplice fischio finale, che giunge dopo 3’ di recupero, la truppa biancorossa può dirsi soddisfatta, perché quest’anno al Del Duca sarà quasi impossibile uscire imbattuti. Il bel Grifone di stasera c’è riuscito e questo è già un merito.

CRONACA DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO

6’ Lanni anticipa in tuffo il possibile tocco decisivo di Pichlmann.
16’ Tra i bianconeri si infortuna Pirrone, che viene sostituito da Gualdi.
18’ Ammonito Boron.
21′ Ammonito Mori dell’Ascoli.
25’ Uscita provvidenziale dell’ex-biancorosso Lanni sui piedi di Gambino, pronto a concludere a rete.
26’ Girata di Perez. Palla sul fondo.
26’ Ammonito Berrettoni dell’Ascoli per simulazione.
29’ Nel Grosseto esce Gambino (infortunatosi in uno scontro con Lanni) ed entra Lugo.
31’ Ammonito Perez dell’Ascoli.
34’ Tiro errato di Torromino da buona posizione, anche se un po’ decentrata.
37’ Episodio molto dubbio in area ascolana, con Mengoni che contrasta in maniera apparentemente fallosa Torromino, che va a terra. Per l’arbitro, però, si può continuare.
44’ Clamorosa simulazione di Perez in area di rigore maremmana. I bianconeri invocano il rigore, ma il direttore di gara vede bene e concede solo un calcio d’angolo. La punta ascolana, già ammonita, se sanzionata per simulazione sarebbe stata espulsa.
45’ Concessi ben 4’ di recupero in una partita piena di contrasti duri e molto sentita.

SECONDO TEMPO

46’ Mustacchio impegna subito Mangiapelo, che allontana con i pugni la conclusione dell’esterno offensivo ascolano.
49’ Sventola di Verna da circa 25 metri. Lanni vola e mette in corner.
52’ Colpo di testa centrale di Mustacchio, parato senza difficoltà da Mangiapelo.
54’ Tiro rasoterra di Lugo da 20 metri. Il pallone esce passando vicinissimo al secondo palo, con Lanni costretto solo a guardare.
55’ Punizione insidiosissima calciata da Chiricò da oltre 35 metri. Mangiapelo, sorpreso dalla traiettoria della sfera, la deve respingere affannosamente con i pugni.
57’ Petrone vuol vincere la partita e passa a una sorta di 4-2-4. Per fare questo, però, sostituisce capitan Berrettoni (ex-unionista) con Altinier.
59’ Conclusione errata di Mustacchio. Pallone largamente sul fondo.
63’ Inserimento e tiro di Verna quasi dalla linea di fondo. Lanni, in affanno, smanaccia e allontana il pericolo.
65’ Ciabattata di Mustacchio da ottima posizione. Sfera altissima sulla traversa.
65’ Ammonito Mangiapelo per perdita di tempo.
68’ Bel tiro di Boron da fuori area. Palla che esce di poco sulla traversa.
70’ Ci prova Torromino dal limite dell’area ascolana. Mira sbagliata e pallone sul fondo.
73’ Pericolosa punizione calciata ancora da Chiricò da circa 25 metri, ma la sfera finisce sull’esterno della rete.
75’ Esce Verna, sostituito da Elez.
76’ Ammonito Okosun per fallo su Gualdi.
77’ GOL! Torromino, di destro, fulmina Lanni con un rasoterra che si insacca tra primo palo e portiere.
83’ Cross insidioso di Lugo e caos in area ascolana. Alla fine, la palla viene allontanata e Boron, che arriva dalle retrovie, la spara altissima beccandosi i fischi della curva ascolana.
85’ GOL! Pari dell’Ascoli con la percussione di Perez che serve una palla d’oro ad Altinier, bravo a metterla di prima intenzione alle spalle di Mangiapelo.
87’ Colpo di testa di Altinier su cross di Addae. Pallone fuori.
90’ Concessi 3’ di recupero.
90’+1′ Padalino guadagna secondi preziosi sostituendo Lugo con Finazzi.

mm

Yuri Galgani

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. Si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro e dalla passata stagione segue la Serie D. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Un Grosseto quasi perfetto, come al solito, si fa rimontare nel finale……………i

    • Poche storie, stavolta… abbiamo giocato bene, meglio di loro, abbiamo avuto il doppio delle occasioni da gol, e senza il solito arbitraggio infame avremmo vinto ampiamente. Il primo gol era buono, in tv si vede bene che non c’è nessun fallo sul portiere, che NON ha il possesso della palla; il rigore su Torromino nettissimo, si vede bene cha la palla continua indisturbata nella sua traiettoria, segno evidente che l’ascolano non l’ha minimamente sfiorata; infine la simulazione di Perez, e la mancata seconda ammonizione, è davvero scandalosa… Perez, per inciso, è quello che ha fatto l’assist per Altinier, ma doveva essere negli spogliatoi già dal primo tempo!!!

        • Comunque a parte i punti gettati al vento per i motivi spiegati a Yuri in altra sede,è vero che stasera l’arbitro ci voleva poco bene.Anzi per niente c’ha negato di tutto.Vidi vincere l’Ascoli col Pontedera e anche lì l’arbitro ci mise un bello zampino,per i marchigiani.mah

      • Salve, hai ragione, il Grosseto se vinceva, non rubava affatto nulla. Stasera ero al Del Duca e, mi è sembrata la squadra che ha giocato meglio, molto ben messa in campo e, soprattutto decisa. L’Ascoli ha sbagliato completamente la partita, sempre palle lunghe e cross dalle fasce, sempre facile preda dei difensori del Grosseto più alti e più abili nel gioco aereo. Solo nel finale ha capito di dover giocare palla a terra con i giocatori più vicini e, non a caso ha pareggiato. Non sono d’accordo sull’arbitro che, non ha dato un rigore netto all’Ascoli e, soprattutto in almeno sei occasioni non ha fischiato dei falli di mano ai giocatori del Grosseto. Comunque complimenti anche per il tifo, erano una ventina, ma si son fatti sentire. Un saluto.

        • Luigi,
          grazie per la tua testimonianza e per la tua sportività.
          Ti invito, però, a riguardare le immagini della caduta di Perez in area di rigore al 44′.
          Non lo tocca nessuno e lui si butta in terra.
          Riguardale e vedrai.
          Sarebbe stato secondo giallo ed espulsione… 😉

        • Il rigore su Torromino era da manuale, quello su Perez da …manuale di simulazione. Dal vivo mi era parso rigore ma al replay si vede benissimo il tuffo simulato. Espulsione classica per seconda ammonizione. Non ho visto il gol di Okosun ma mi fido di chi dice che era buono

  • Torromino voto 3 inguardabile..pic voto 4 inguardabile. . Lugo non pervenuto.. il meglio era gambino e se fatto male.. sensa punte nn si vinceeee

    • E’ incredibile riuscire a lamentarsi dopo una prestazione così autorevole in casa della prima della classe, dopo altri due o tre torti arbitrali inspiegabili, dopo aver sfiorato la vittoria nella tana di quella che tutti definiscono lo “schiacciasassi” del campionato.
      E’ solo incredibile.

  • Mi ha sorpreso questo Grosseto stasera: ha giocato senza paura lottando e giocando da squadra vera.
    Peccato x l’infortunio di Gambino forse sarebbe stata un altra partita.
    Comunque un punto preso in casa della prima in classifica e’ un buon risultato: loro ci temevamo anche come bestia nera.

  • La squadra ha fatto una prestazione convincente.La difesa si è ottimamente comportata.okosun e perna hanno arginato a dovere.L’attacco è forse il reparto meno incisivo,anche se non sono mancate le occasioni.Sarebbe opportuno sfruttare la prestanza di Pikelman con un maggior numero di cross.La prestazione arbitrale e’ stata disastrosa,continua l’accanimento su i biancorossi.

  • Anche a me è sembrato un arbitro decisamente casalingo! Il rigore su Torromino c’era, al pari del goal annullato ad Okosun (SENZA DUBBIO IL MIGLIORE IN CAMPO!!!). Perez è stato così bravo a simulare che finirà sicuramente a STRISCIA LA NOTIZIA! La seconda ammonizione e la conseguente espulsione erano il minimo che gli sarebbe dovuto toccare. Al di là di tutto la dea bendata non si ricorda mai del Grifone… continuiamo a perdere punti importanti…
























Il CalcioMercato di Gs










%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: