Grosseto Calcio Notizie Grosseto Calcio Primo piano

Albalonga-Grosseto 1 a 2: le interviste. Lanzano: “Spirito da squadra vincente”

intervista a Lanzano dopo Albalonga-Grosseto 1 a 2

Albano Laziale (Rm). Ecco le dichiarazioni rilasciate fuori dagli spogliatoi al termine di Albalonga-Grosseto 1 a 2.

intervista a Gagliarducci dopo Albalonga-Grosseto 1 a 2
Gagliarducci 

Gagliarducci: <<Con i due bomber Zotti e Cruz sarebbe stata una partita ancora più aperta. Per noi Cruz è fondamentale, come dimostrato dai 12 gol segnati. Penso che a livello di squadra, per noi Cruz sia più importante rispetto a quanto non lo sia Zotti per il Grosseto. Sinceramente, mi aspettavo che il Grosseto giocasse meglio, magari quella di oggi è una partita che non fa testo. Sono dispiaciuto per la sconfitta. Non sono molto abituato a perdere. D’altronde, ho perso solo sette volte nei tre anni e mezzo precedenti. Ora, però, due sconfitte a fila e non mi piace. L’obiettivo del nostro campionato non cambia. Per la vittoria del campionato posso dire che sono rimasto impressionato dalla Torres, ma ovviamente favorite anche Grosseto e Viterbese. Domenica vedremo che cosa accadrà contro l’Olbia>>.

intervista a Giacomarro dopo Albalonga-Grosseto 1 a 2
Giacomarro

Giacomarro <<É piacevole sentire l’aria del primato, immagino anche per te. Era una partita difficile, nella quale siamo riusciti a passare subito in vantaggio. Hanno pareggiato sull’unico tiro in porta che hanno fatto nel primo tempo. C’è stata, poi, un po’ di sofferenza nel finale. Mi rammarico solo per il fatto che a volte non abbiamo la cattiveria nel chiudere le partite. Se gli avversari ti danno cinquanta metri di campo e tu hai delle occasioni per chiudere l’incontro, ma non lo fai, alla fine rischi di compromettere il risultato. Il nostro secondo gol, quello confezionato da Palumbo e realizzato da Vaccaro è una giocata che i miei ragazzi hanno nelle corde. I due hanno giocato insieme anche lo scorso anno e ora stanno dimostrando di meritare questa maglia. Questo è un campionato difficile. Tre punti importanti che ci presentano nel giusto modo rispetto al calendario che sulla carta adesso è più abbordabile. Per il mercato so io cosa cambiare perché ho il polso della situazione. Cambieremo dove necessario per puntare al primato>>.

intervista a Lanzano dopo Albalonga-Grosseto 1 a 2
Lanzano

Lanzano: <<Bellissimo vestire questa maglia. Ha un peso che non hanno avuto altre maglie che ho indossato, anche se la stessa responsabilità che si avverte è diversa. Successo meritato, anche se un po’ sofferto. Volevamo vincere. Inizia a venir fuori lo spirito di una squadra che vuole vincere. Sapevamo di affrontare una squadra che avrebbe potuto metterci in difficoltà tanto per il modulo adottato che per il campo, dalle dimensioni ridotte. Siamo stati bravi a mantenere la concentrazione e a tenere il risultato. Bellissima sensazione essere primi in classifica da grossetano indossando la maglia biancorossa. Altrettanto bella la festa dei tifosi che ci hanno applaudito e sostenuto e sono soddisfatto di aver fatto oggi il mio dovere, anche se non ho fatto parate decisive tranne quella nel finale. Per fortuna, il loro attaccante da distanza ravvicinata non ha angolato troppo il tiro. Stiamo lavorando per diventare una squadra solida e oggi si è visto>>.

Intervista a Schettino dopo Albalonga-Grosseto 1 a 2
Schettino

Schettino: <<Sulla vittoria penso non ci sia nulla da dire. Oltretutto, abbiamo avuto almeno altre due o tre palle gol per chiudere la partita. Questa squadra sta diventando un po’ camaleontica, una delle doti più importanti. Giochiamo anche bene e poche altre formazioni sono in grado di farlo. Cominciamo a tirare fuori anche un po’ di sana “ignoranza”, come oggi, che abbiamo rischiato pochissimo. Sono contento anche a livello personale. Buon lavoro della società, che ha allestito una rosa con giocatori intercambiabili. Siamo una squadra composta da 24-25 titolari e lo dico con convinzione, sono anche sicuro che saremo protagonisti fino alla fine. Siamo davvero un gruppo forte e coeso. Dobbiamo temere solo noi stessi. Non dobbiamo pensare alle defezioni altrui. In fin dei conti, anche noi già da diverse domeniche stiamo sopperendo a un’assenza importante come quella di Piero (Pietro Zotti, ndr). L’avversaria del Grosseto può essere solo il Grosseto>>.

 

Redazione

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Mister Gagliarducci abituati a perdere con quella squadretta che alleni. Se eravamo più cattivi in attacco e ne facevamo altri 2 che avrebbe detto ? Al ritorno le becchi 4.

  • Da neutrale ho visto la partita allo stadio in tutta rilassatezza e posso dire che il Grosseto visto oggi non mi ha impressionato granché. Ma proprio per questo la vittoria vale doppio: se riesci a prevalere contro un grande avversario (non la squadretta che qualche fenomeno qui sopra definisce) non giocando al meglio, probabilmente quando la prestazione crescerà in qualità, si potranno dischiudere scenari molto ma molto interessanti.

    Ripeto: vincere ad Albano contro un avversario rabberciato è stata un’impresa al netto del blasone (infinitamente minore) dei locali.

  • Il calcio non é fatto di ‘se’ e Gagliarducci, un vero personaggio, dovrebbe saperlo. Manca quello, c’é quell’altro, quasi gol, forse un rigore… Chiacchiere da bar. A parte che Gagliarducci dovrebbe chiedersi come sia omologabili quel recinto di galline che si ostinano a chiamare ‘campo sportivo’. Quello é solo un campo prestato al pallone, non al calcio, ogni settimana. A seguire, l’ambulanza non era nel recinto di gioco! È il defibrillatore? Fatte queste premesse, e non vado oltre, ci dicono che non siamo piaciuti. Bhé, é questione di gusti! Hanno crossato per 45′ onde creare mischie e raccattare confusione, senza un’azione che dicasi tale, e noi ci siamo mangiati, su azione, due reti con Libutti e Palumbo. Credo che a Grosseto Gagliarducci dovrá fermarsi pure a dormire nel post gara per sognare ancora e raccontarci i suoi deliri onirici!

  • Intanto ci siamo portati a casa 3 punti, pesantissimi, contro una diretta concorrente alla vittoria finale. E non mi pare poco. Nel calcio, si sa, contano i fatti non le parole…

    • 3 punti sicuramente importanti. Adesso, però, c’è bisogno di continuità nelle vittorie per provare ad imprimere un ritmo diverso alle parti alte della classifica. Riuscendo a infilare alcuni successi consecutivi, il Grifone potrebbe ritrovarsi in vetta da solo. Vedremo.





































Loading…















%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: