Promozione

Al Manciano il derby contro il San Donato

L'esultanza dei giocatori del Manciano

Manciano: Sabatini, Laghi M., Biribicchi Fa., Margiacchi, Lupo. Verde, Chiaranda, berna, Paoloni, Biondelli, Marconi. A disp.: Fanteria, Galli, Manini, Schiano. Menci. Laghi T., Giustacori. All. Renaioli

San Donato: Ricci, Cango, Cardelli, Savini, Agnelli. Rosi, Amorevoli M., Rigutini, Rispoli, Negrini A., Conti P. Ricci. A disp.: Ricci, AMorevoli G., Benassi, Negrini L, Culmone, Riccardo, Conti G. All. Guidi

Marcatori: 50° Negrini A., 70° aut. Savini, 85° Paoloni, 89° Schiano

Arbitro: Di Tommaso di Rieti

MANCIANO. Il Manciano mette il cuore oltre l’ostacolo e fa suo il derby contro i cugini del San Donato. Una partita entusiasmante specialmente nella ripresa. Primo tempo ben giocato da entrambe le formazioni che però si annullavano non creando presupposti pericolosi da una parte e dall’altra.
Nella ripresa sbloccava il risultato Andrea Negrini. Gli ospiti così prendono coraggio e sembrano tenere alla reazione dei biancorossi, ma al 70° arriva l’episodio che cambia partita. Una sfortunata deviazione di Savini inganna il proprio portiere Ricci che viene superato.
E’ il goal dell’1 a 1. Il Manciano si esalta sospinto anche dal tifo accorso in buon numero quest’oggi al “Niccolai”. A cinque dal termine è  Paoloni che approfitta di uno svarione di Agnelli ed insacca il goal del soprasso. I ragazzi di Guidi non ci stanno e si gettano tutti in attacco, ma ad un minuto dal termine è Schiano che mette la parola fine al match con la realizzazione del 3 a 1.

Adesso situazione complicata anche per il San Donato che viene raggiunta dai biancorossi a quota 13 punti in una classifica molto a rischio play out.

mm

Fabio Lombardi

Giornalista pubblicista dal 2010, è uno degli editori/fondatori della testata giornalistica on-line Grossetosport, all’interno della quale ricopre il ruolo di direttore responsabile. E’ altresì il responsabile dei campionati di Promozione e Seconda Categoria, nonché un esperto di calciomercato.

Aggiungi commento

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *