Connect with us

Grosseto Calcio

Di Matteo a Gs: “Ho salvato il Grosseto dal fallimento e non lo vendo. Ora, nuovo assetto societario e ripescaggio in C”

Grosseto Abbiamo raggiunto telefonicamente il presidente dell’Us Grosseto, Nicola Di Matteo, per fare un po’ di chiarezza sul momento societario. Come leggerete, il numero uno unionista non intende cedere il club, anzi, si è detto pronto a presentare domanda di ripescaggio. Confermate, poi, implicitamente, novità sull’assetto del club.

Buongiorno, presidente. Il suo club è retrocesso direttamente in Serie D. Cosa pensa che non abbia funzionato?
<<Preliminarmente credo doveroso fare una brevissima precisazione. A prescindere dal risultato sportivo ottenuto in campo, sono orgoglioso di aver acquistato il Grosseto e di esserne diventato il presidente. Nonostante quanto accaduto nel campionato trascorso, se avessi la possibilità di tornare indietro nel tempo, rifarei comunque la scelta di acquistare la proprietà del Grosseto Calcio, una squadra che il 3 maggio 2022 compirà la bellezza di 110 anni di storia! Quando ho acquistato l’Us Grosseto, la classifica della squadra era abbastanza compromessa, in quanto si trovava all’ultimo posto con 14 punti fatti in 20 partite, frutto di 2 vittorie, 8 pareggi e 10 sconfitte. Risultati che, valutati in proiezione futura, avrebbero portato comunque alla retrocessione del club in Serie D, visto che la quota per la salvezza diretta di solito si raggiunge ottenendo almeno 41 punti nelle 38 partite da disputare. Dunque, senza badare a questi dati oggettivi e di conseguenza alla composizione della “rosa”, ho proceduto senza indugio all’acquisto della proprietà del Grosseto Calcio. Sono un vero appassionato e amante di questo sport, ma certamente non sono un tecnico! Di conseguenza, per risolvere tali problematiche e cambiare decisamente questo trend negativo di risultati, ho deciso di affidarmi ad alcuni professionisti del settore calcio che avrebbero dovuto supportarmi nell’ottenere la tanto ambita salvezza in campionato, allestendo quantomeno una rosa competitiva nel mercato di riparazione di gennaio. Quello che ho fatto personalmente è stato approvare le scelte tecniche fatte dalle persone alle quali avevo affidato le “chiavi” della squadra e soprattutto dello spogliatoio. Quello che ho fatto è stato provvedere al pagamento degli stipendi e di tutte le spese da sostenere per finire la stagione sportiva. Quello che ho fatto è stato salvare il club dal fallimento! Sinceramente non posso rispondere a questa domanda analizzano dettagli tecnici e/o parlare di calciatori, di acquisti sbagliati e quant’altro sia successo sul campo che ha poi portato a questa amara retrocessione. Sicuramente, sono state fatte delle scelte sbagliate, valutazioni tecniche che alla fine non hanno portato al risultato voluto. Quello che tengo a precisare, però, è che, da parte mia, è stato fatto tutto il possibile con la massima buona fede per raggiungere la salvezza e certamente non per retrocedere! Ora c’è solo da rimboccarsi le maniche, fare delle attente valutazioni su quanto successo e ripartire per riportare al più presto l’Us Grosseto nelle categorie che più gli competono>>.

I tifosi biancorossi sperano in un ripescaggio o in una riammissione tra i pro. Pensa che le speranze della tifoseria siano giustificate?
<<Ai tifosi biancorossi voglio innanzitutto dire “grazie” per quanto fatto fino ad ora. Hanno sempre sostenendo la squadra con la propria presenza nonostante l’ultimo posto in classifica e risultati spesso sfavorevoli. Tra l’altro, se c’è una cosa che odio con tutto me stesso, è essere sconfitto in casa, perdere tra le mura amiche. Nel prossimo futuro, chi vorrà venire a prendere punti in casa del Grifone dovrà certamente sudarseli e fare i conti con la squadra e mi auguro con tutta la città di Grosseto. Con l’aiuto dei tifosi sono sicuro che potremo ottenere questo! Il mio sogno, poi, è vedere lo stadio pieno e colorato di biancorosso! Certamente, faremo di tutto per ottenere un ripescaggio in Lega Pro, ma quello che mi sento di dire in questo momento è che prima devo pensare a riorganizzare la Società! Quello che conta secondo me non è la categoria, ma il progetto! Progetto che deve essere a lungo termine, quantomeno quinquennale. Spero di non essere frainteso, ma quello che voglio dire ai tifosi è che in questo momento non ci dobbiamo focalizzare sulla categoria quanto piuttosto su ciò che sarà la Società del Grosseto Calcio. Solo con una Società forte e sana si possono ottenere i risultati voluti. Ho acquistato l’Us Grosseto in Lega Pro, è ovvio che farò di tutto per riportare il club in questa categoria e se non ci riuscirò con il ripescaggio lo farò sul campo!>>.

Ci può confermare o smentire che i due soci iniziali con i quali ha acquistato il Grosseto non fanno più parte del club?
<<Come anticipato sopra, sto cercando di creare una Società forte. Quella che sarà la nuova composizione societaria la formalizzerò all’inizio della nuova stagione>>.

Il Grosseto è o non è una società sana?
<<Quando ho acquistato il Grosseto c’erano certamente delle difficoltà finanziarie, altrimenti credo che i precedenti proprietari non l’avrebbero venduto. Attualmente sto risanando i conti della Società. Da quando sono arrivato a Grosseto non ho fatto altro che concentrarmi proprio sul risanamento societario; questo è il mio compito, il “lavoro” del presidente!>>.

Qualora lei dovesse rimanere da solo, porterebbe ugualmente avanti il progetto biancorosso?
<<Credo di aver già risposto a questa domanda. Comunque, sono il presidente dell’Us Grosseto e sono in grado di portare avanti questo progetto anche da solo, in Lega Pro o in Serie D, per me non fa alcuna differenza!>>.

Pensa di poter cedere il Grosseto?
<<No!>>.

Per concludere, che impressione ha ricavato di Grosseto in questi suoi mesi di presidenza?
<<Grosseto è meravigliosa, altrimenti non avrei comprato la squadra della città! Quando una persona acquista una Ferrari credo sia superfluo domandarle che impressione abbia ricevuto nel guidarla! Una cosa però voglio precisarla. Ad oggi c’è qualcuno che, senza alcun motivo, sta remando dalla parte opposta alla mia. A quel qualcuno voglio soltanto dire che saranno i fatti a parlare per me! Concludo con due parole: FORZA GROSSETO!>>.

Giornalista pubblicista, è appassionato di calcio e statistiche sportive. Vanta esperienze e collaborazioni col Guerin Sportivo (al tempo diretto da Marino Bartoletti), Telemaremma, Tv9, Calciotoscano.it, Biancorossi.it, Vivigrossetosport.it, Tuttob.com e Pianetab.com. All'inizio si è occupato principalmente di Serie B e di Lega Pro, poi anche di Serie D e di Eccellenza. È co-autore del libro Cento passi nella storia, scritto in occasione dei 100 anni dell'Us Grosseto. Da novembre 2014 è il vice-direttore di Grosseto Sport. Ha condotto per tre anni le trasmissioni web Il lunedì del Grifone e D lunedì c'è il Grifone. È il commentatore delle partite dell'Us Grosseto su Gs Tv e su Eleven Sports, nonché del Follonica Gavorrano e dell'Us Grosseto Primavera 3. Ha collaborato anche con Sportitalia.

Advertisement
2 Comments
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments

Io mi auguro che la nuova proprietà indica il prima possibile una bella conferenza stampa per: presentare l’organigramma societario, i programmi precisi cioè nomina del nuovo allenatore ed allestimento di una una squadra che sia in grado di lottare per il vertice in serie “D” oppure di lottare per la salvezza in serie “C”.
L’ufficializzazione di un eventuale ripescaggio o riammissione ci sarà soltanto a fine Luglio o giù di lì e non possiamo certo aspettare quella data per programmare la prossima stagione.
Per il resto voltiamo pagina, l’annata appena trascorsa dal Grosseto è purtroppo molto simile a quella del Livorno edizione 2020/2021 : cambio di società, rimpalli di responsabilità, squadra nei bassifondi della classifica ed infine ultimo posto e retrocessione diretta.
Quello che si chiede è soltanto di conoscere nel dettaglio il futuro che ci attende.

Nel calcio, come del resto nella vita, alla fine solo una cosa conta davvero: i risultati. E mi sembra evidente che nella fattispecie i risultati parlino chiaro…chiaro e in senso assolutamente negativo. Il ripescaggio (o riammissione che sia) – ammesso e non concesso che ci siano le condizioni – sarebbe una gran bella cosa, ma senza una squadra all’altezza e con la prospettiva di ripetere un campionato-horror come quello da poco concluso, per quanto mi riguarda, meglio l’Eccellenza o la Promozione.

Copyright © 2021 GrossetoSport Testata giornalistica iscritta al tribunale di Grosseto 8/2011 Direttore responsabile: Fabio Lombardi

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
error: Content is protected !!
2
0
Would love your thoughts, please comment.x