Calcio Coppa Passalacqua Settore Giovanile

Coppa Bruno Passalacqua, girone C: il Gavorrano fa ciò che vuole, Paganico annientato

Coppa Bruno Passalaqua, girone C:

Paganico – Gavorrano: 2-7 (2’pt; 36’pt e 1’st Loffredo; 18’pt Pippi; 32’pt Fagnoni; 3’st Russo; 4’st De Luca; 9’st Porro; 38’st Benocci)

Paganico: Rossi, Pippi, Pieri, Monaci (dal 22’st Alberizzi), Marzocchi (dal 32’st Bambagioni), Boscagli (dal 27’st Massai), Del Principe, Vieri (dal 13’st Avola), Fagnoni, Muja, Lombardini. A disposizione: Francioli, Bambagioni, Brogi, Massai, Maggi, Alberizzi, Ginanneschi, Avola, Terrosi. All: Chechi.

Gavorrano: Di Iorio, Potini, Benocci, Venturelli (dal 33’st D’Ovidio), Tostelli (dal 30’st Troiano), Lanzieri, Porro, Montani, Loffredo (dal 25’st Grotti), Russo (dal 16’st Corradi), De Luca (dall’11’st Muzzi). A disposizione: Fancellu, D’Ovidio, Grotti, Corradi, Troiano, Iazzetta, Muzzi. All: Luzzetti. 

Recupero: 1°tempo: /  2°tempo: 4 minuti Ammoniti: Pippi;   Angoli: 2-5

Torna in campo il girone C del torneo Bruno Passalacqua e lo fa mettendo di fronte Paganico, reduce dal’1-1 con la Castiglionese nel precedente turno e il Gavorrano, che dopo il bel successo per 3-1 sul Casteldelpiano mira al bis per ipotecare il passaggio del turno. Nella prima frazione parte fortissimo il Gavorrano che trova subito il vantaggio: Loffredo si destreggia bene sulla linea di fondo destra, salta un paio di avversari e calcia forte sul primo palo bucando Rossi e trovando il vantaggio immediato dopo appena 1 minuto di gioco. Paganico che dunque è chiamato subito a scoprirsi per trovare il pareggio utile per continuare a cullare sogni di qualificazione; la squadra di mister Chechi attende bene la formazione rossoblù che tiene bene il possesso palla ma spesso il possesso è fine a se stessi. Al minuto 16 il Gavorrano avrebbe la chance di raddoppiare quando Venturelli serve bene in area bomber Loffredo che però non ha un controllo felice e finisce col portarsi il pallone fuori dal rettangolo di gioco. Un minuto più tardi il Paganico trova un pareggio inaspettato: cross dalla sinistra di Vieri, sul secondo palo sbuca Pippi che in un primo momento sbaglia il controllo permettendo a Di Iorio di intervenire, l’estremo difensore però si fa sfuggire il pallone dalle mani e nuovamente Pippi è pronto per ribadire in rete il pallone siglando il momentaneo 1-1. Paganico che dopo il pari prende coraggio e comincia ad aggredire un po’ più alto il Gavorrano costretto spesso a buttare la palla in avanti senza troppe idee. Al minuto 26 i bianconeri sfiorano il raddoppio quando dopo una discesa cost to cost di Fagnoni, il numero 9 arriva fino in area di rigore dove però è poco lucido e calcia addosso a Di Iorio attento in uscita. 6 minuti più tardi il Paganico passa: palla recuperata da Monaci nella propria metà campo dopo un fraseggio sbagliato tra Porro e Montani, il capitano del Paganico fa partire il contropiede e all’altezza dei 30 metri lancia in porta Fagnoni con uno scavetto vellutato a scavalcare Potini, il numero 9 controlla bene e fulmina Di Iorio siglando il 2-1 per i suoi. Il vantaggio a sorpresa del Paganico dura pochissimo perché al 36′ da un angolo battuto da Porro, Loffredo gira bene al volo trovando il 2-2. La prima frazione termina dunque sul punteggio di parte con le due formazioni che hanno dato spettacolo affrontandosi a viso aperto. La seconda frazione si apre subito con il gol del tris del Gavorrano dopo sei 30 secondi: palla in verticale di Potini, Marzocchi manca l’intervento e Loffredo dal limite incrocia bene di sinistro realizzando la personale tripletta e riportando i minerari in vantaggio. Paganico che è stato nuovamente colpito a freddo con i rossoblù che trovano subito il gol del 4-2: Loffredo copre bene il pallone e scarica per De Luca, il numero 11 mette dentro per Russo che dopo un ottimo controllo, da sottolineare il mal posizionamento della difesa, calcia forte col destro infilando nuovamente Rossi. Gavorrano scatenato che trova il quinto gol un minuto più tardi: Loffredo si invola verso la porta seminando gli avversari e davanti al portiere Rossi in uscita appoggia all’accorrente De Luca che a porta sguarnita deposita il pallone in rete. Che avvio stratosferico del Gavorrano che ha trovato ben 3 gol in 4 minuti. Paganico che non è sceso in campo ed è rimasto negli spogliatoi con il Gavorrano che chiude il primo set al minuto 9 quando Porro calcia direttamente in porta una punizione dalla sinistra, il numero 7 trova una deviazione ma Rossi combina una mezza papera non trattenendo la sfera. Luzzetti manda in campo anche Muzzi rientrante da un infortunio e l’esterno d’attacco si rende subito pericoloso incrociando un bel tiro di destro facendo la barba al palo. La parte centrale della seconda frazione è una gara dove il Gavorrano è in controllo della palla con un Paganico colpito e affondato più volte ed incapace di reagire. Giocano bene i minerari che trovano il gol del 7-2 con Benocci che dalla sinistra trova il palo lungo con un bel tiro a giro dopo un ottimo possesso con Porro che ha fornito l’assist. La partita non ha più nulla da dire con il Gavorrano che ha letteralmente cambiato ritmo nella ripresa annientando letteralmente gli avversari nella ripresa. Appuntamento a domani con Castiglionese – Casteldelpiano.

Loading...
mm

Roberto Balestracci

Per GrossetoSport segue la categoria Juniores Provinciali, la Coppa BrunoPassalacqua e la coppa FantaPassalacqua.

Commenti

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • A mio modesto parere questo torneo è falsato in quanto ci sono squadre che militano nel campionato provinciale, regionale e nazionale. Non sono allo stesso livello e di conseguenza è molto facile “l’annientamento” (come dice l’articolo) di una squadra che milita in 2 categorie inferiori. Il presidente del torneo dovrebbe modificare il regolamento in modo da livellare le categorie altrimenti diventa come il motto “ti piace vincere facile!!!”. E se per assurdo si iscrivesse una società che fa la Beretti o la Primavera? Sarebbe giusto nei confronti di tanti ragazzi che giocano nei vari campi della nostra provincia? Cosa ne pensate?

    • condivido in toto quello che dice. il gavorrano è reduce da un campionato juniores nazionale fallimentare ed ora cerca un pò di gloria.il torneo passalacqua è formato da 16 squadre 14 delle quali partecipano al campionato provinciale e due roselle e gavorrano, una il regionale e l’altra addirittura il nazionale. sarebbe buon gusto che queste due formazioni partecipassero con una squadradi categoria inferiore in questo caso gli allievi.dovrete spiegarmi che senso ha giocare roselle casotto e gavorrano paganico?è un non senso

  • È sempre stato così. Il problema è la pochezza del calcio giovanile grossetano. Una sola squadra nel campionato regionale (per la prima volta dopo anni salva).

    • concordo con la pochezza ma si tratta di un torneo dove 14 squadre su 16 fanno i provinciali. quindi chi fa i nazionali ,almeno loro devono giocare con la squadra di categoria inferiore.è un pura questione deontologica

  • Diciamo che quelli che fanno i provinciali sono scarsi. Anni fa il livello era migliore, negli ultimi 2-3 anni fa pena

    • Mi meraviglio della redazione che ha permesso di pubblicare il tuo post che offende tanti ragazzi dicendo che sono scarsi forse tu eri o sei il nuovo messia del calcio?. Il Passalacqua era nato come vetrina dei ragazzi della Juniores, i vari allenatori venivano a vedere al partita per trovare giocatori da inserire nella prima squadra, si incontravano e avvenivano gli accordi, oggi non è più così ormai è diventato un torneo uguale a tanti altri, almeno gli altri hanno regole tutte uguali per le squadre partecipanti. La pochezza del calcio giovanile grossetano non è da imputare ai ragazzi ma alle società che si sono e si fanno la guerra tra di loro cercando di affossare il vicino, inoltre non sempre nelle squadre più importanti giocano i migliori ma …………. Un altro capitolo che potrebbe essere la preparazione degli allenatori, molti sono persone di buona volontà ma non hanno una grande preparazione e hanno giocato solo a livello dilettantistico.

      • No Giovanni non ero un messia, ma sapevo giocare a calcio. Adesso per giocare devi correre , la tecnica non conta più come prima. Il livello è veramente basso, escluse 2-3 squadre

  • cosa c’è di deontologico nel calcio? i più bravi vincono i meno perdono,i più ricchi vincono i meno perdono, i più organizzati vincono i meno perdono,escluso qualche eccezione poi lo sport in generale propone decine di tornei o competizioni dove si incontrano realtà diverse tra loro dove dilettanti si scontrano con professionisti esempio la coppa inglese o i mondiali di calcio, tutti i maggiori tornei di tennis quindi chi si iscrive al Passalacqua sa che può trovare sulla sua strada anche quelle 2\3 formazioni migliori della provincia …..è lo sport

    • Vero, ma il messaggio che non deve passare è quello secondo cui chi è più ricco vince a priori.
      Si può fare sport secondo le proprie possibilità e farlo più o meno bene, in base a tante cose, non solo al denaro.
      Lo sport in generale è pieno di storie da raccontare dove Davide è riuscito a battere Golia.
      Chiaramente, al Passalacqua sulla carta c’è un certo divario tra Gavorrano e Roselle e il resto delle squadre, ma il campo alla fine è il giudice unico.

  • Yuri ma io ho specificato che ci sono eccezioni alla regola della vil pecunia certo nessuno dice che Gavorrano Roselle o Albinia siano alla pari delle altre io la ricchezza non l avevo messa neanche come opzione principale ma se 2\3 squadre riescono ad allestire rose più competitive di altri vuoi per blasone ,categoria o bacino di utenza beh quelle sono le favorite le altre dovranno moltiplicare le forze e l impegno affinchè riescano a sovvertire il pronostico e il campo li dia ragione,ed alla fine penso che certi pensieri siano solo di chi non va in campo perchè chi gioca ha il piacere di farlo con chi è migliore sempre per aver la soddisfazione di poter essere il Davide della serata

    • ma cosa c’entra avere rose più competitive.ti ripeto per l’ennesima volta le squadre che fanno i campionati regionali o nazionali che giocano con squadre che fanno il provinciale è una cosa senza senso giocare in questi tornei.perchè non vengono invitate la fiorentina o l’empoli o la lazio e la roma?insomma le squadre che fanno campionati nazionali devono giocare contro i provinciali con la squadra inferiore.in questo caso sarebbe stato opportuno partecipare con gli allievi.p.s. ti faccio presente che il gavorrano gioca con 7 o 8 giocatori nati nel 1998 e finito il torneo lascerà liberi di andare dove vogliono

      • San Filippo penso che tu sia all ‘oscuro di come funziona questo torneo :prima di tutto non è un torneo ad invito ma ogni società fa richiesta di iscrizione e la richiesta non gliela ordina il dottore,sapendo benissimo che possono incontrare queste squadre. Se poi vai a vedere l’albo dei vincitori dal primo anno ad ora vedrai che in larghissima maggioranza è stato vinto da juniores provinciali.

      • È normale che facciano giocare i 98. Nel prossimo campionato escono dagli juniores e devono essere piazzati in qualche squadra di promozione, dove saranno sempre in quota. Quindi, il torneo rappresenta una vetrina d’eccezione. Peccato che, per il basso livello delle altre squadre e per la scelta di farli giocare in un campetto, non ti rendi proprio conto del valore dei ragazzi. Comunque, credo che questo torneo rappresenti benissimo il nostro livello calcistico. In provincia di Pisa tra nazionale dilettanti, elite regionale e regionale ci sono 19 squadre juniores. C’è poco da fare, i numeri contano.



















Loading…

 










 

 

 

 



















Loading...

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.